Scandalo ginnastica, le accuse di un’ex atleta all’allenatrice: “Mi faceva leccare lo yogurt dal paviemento”

Continua lo scandalo nella ginnastica ritmica con le accuse di una ex allieva rivolte all’allenatrice Stefania Fogliata. “Chiamava maiale le ragazzine che erano fuori forma”

La pioggia di accuse contro l’allenatrice Stefania Fogliata e il mondo della ginnastica non si arresta. A parlare oggi è un’altra ex atleta che al Corriere racconta gli abusi subiti in prima persona e dalle altre allieve durante gli allenamenti quotidiani.

scandalo ginnastica
Scandalo ginnastica, nuove accuse per l’ex allenatrice Stefania Fogliata (Ansa)

Una testimonianza che va a sommarsi alle altre 25 raccolte nell’indagine su Stefania Fogliata, da ieri sospesa dall’allenamento per ordine del Gip di Brescia. Le parole dure dell’ex promessa della ginnastica fanno rabbrividire: “Quando secondo lei non mi ero impegnata abbastanza, l’allenatrice minacciava di portarmi nello stanzino degli attrezzi dove sapevo che mi avrebbe preso a sberle”.

Tra le molte accuse contro Fogliata arrivate da colleghi, presunte vittime, genitori e testimoni, ci sono otto ex atlete che confessano di aver subito privazioni alimentari come quello di saltare i pranzi. Secondo l’accusa, l’ex allenatrice costringeva le ragazzine ad allenarsi all’aperto sotto il sole cocente, insultandole, malmenandole e punendole.

Nuovo scandalo nella ginnastica: la testimonianza di un’ex atleta contro Stefania Fogliata

Il Corriere della Sera ha raccolto la testimonianza di una ex promessa della ginnastica contro Stefania Fogliata, accusata di abusi e violenze sulle allieve. La ragazza racconta: “Ho iniziato a prendere le sberle a 9 anni. Da lei ricevevo pressioni continue sul peso. Un giorno mi vide in palestra con uno yogurt e disse alle mie compagne: “Tu mangi queste schifezze: adesso devi leccarla dal pavimento così capisci”.

scandalo ginnastica
scandalo ginnastica, ex atleta accusa l’allenatrice: “Mi ha detto di leccare lo yogurt sul pavimento” (Ansa)

La ex allenatrice 31enne è sottoposta a misura interdittiva e non potrà allenare per 12 mesi. Stefania Fogliata avrebbe chiamato “maiale” e “Goblin” le ragazzine che secondo lei risultavano fuori forma. Nell’indagine contro la ex allenatrice il Gip scrive: “Aveva l’ossessione del peso. Adottava un regime di alimentazione rigido. Soprattutto dando indicazioni alla segretaria e collaboratrice di dare meno cibo ai pranzi. Tempestava le ragazzine con continui messaggi con l’obiettivo di farle mangiare sempre meno. Inoltre, voleva che queste le inviassero le fotografie per verificare la loro linea fisica”.

Dopo le continue vessazioni, minacce e violenze la testimone ha raccontato di aver lasciato l’Accademia. Stefania Fogliata, invece, ha dichiarato che la decisione di abbandonare la ginnastica da parte dell’atleta era dipesa dalla intromissione della madre della ragazza dopo il successo iniziale della promessa. Questo, secondo l’accusata, ha influito in modo negativo sul rendimento della ragazza. Di parere opposto la direttrice tecnica federale Emanuela Maccarani che, invece, ha confermato di aver incontrato la famiglia che però non le ha mai parlato dei presunti maltrattamenti. Come riporta Open, il presidente di Federginnastica Gherardo Tecchi ha dichiarato: “Sono comportamenti intollerabili. La federazione è vicina alla ragazza e pronta in qualunque modo ad aiutarla a tornare in pedana”.