Violentata dal padre a 17 anni: al processo il colpo di scena agghiacciante della figlia

Aveva dichiarato di essere stata stuprata dal padre. Il calvario giudiziario durato sei anni e la cocente verità al processo che ribalta tutto. Cosa ha confessato la figlia? 

La storia proviene da Pavia e nasconde un retroscena scioccante uscito fuori solo sei anni dopo. Una ragazza accusa il padre 48enne di violenza sessuale. L’uomo si dichiara innocente ma nessuno gli crede. Il colpo di scena arriva durante il processo all’uomo.

Stuprata
Stuprata dal padre a 17 anni. La svolta durante il processo. L’uomo scagionato dalle accuse (ansa) free.it

La figlia, presunta vittima, all’epoca dei fatti aveva solo 17 anni. Oggi, nell’aula di tribunale di Pavia ha ritrattato le accuse rivolte al padre scagionandolo definitivamente. La ragazza, ora 23enne, si sarebbe inventata uno stupro subito da parte del genitore. Il motivo di quella grossa bugia è saltato fuori durante solo dopo ora.

Un calvario non solo giudiziario ma anche psicologico e morale durato troppo a lungo per quel papà di origini romene che diceva la verità. Ora l’uomo 48enne è stato assolto da ogni accusa. Ma perché la figlia ha ritratto tutto? Cosa si nasconde dietro quella bugia.

Stuprata dal padre a 17 anni. La scioccante verità al processo: “Ho inventato tutto”

E’ stato assolto dopo anni in cui il 48enne romeno accusato dalla figlia nel 2017 di violenza sessuale continuava a ribadire la sua estraneità ai fatti. La triste storia arriva da Pavia e la vittima non è la 17enne bensì il padre di quest’ultima.

Stuprata
Stuprata dal padre a 17 anni. La svolta al processo: “Ho inventato tutto” – (ansa) free.it

La giovane si sarebbe inventata tutto. La brutale storia dello stupro mai accaduto, parte nel 2017 quando la ragazza avrebbe denunciato il padre per abusi sessuali, botte e percosse. Ma i soprusi e perfino le violenze sessuali, in realtà, non sarebbero mai avvenute.

E così, il papà, finisce senza nessuna colpa sul banco degli imputati. Ma durante il processo per stupro a carico del padre, la figlia avrebbe confutato le sua prima versione affermando che era tutta una farsa. L’uomo è stato così scagionato da ogni accusa. Il motivo per la quale la giovane si sarebbe inventata tutto era solo avere maggiore libertà da quel genitore che riteneva troppo severo. I giudici del tribunale di Pavia hanno creduto a questa ultima versione rilasciata dalla figlia lasciando finalmente il padre libero di poter vivere senza quel fardello addosso.

Impostazioni privacy