Bonus asilo nido, INPS boccata di ossigeno per le famiglie | Prorogato il tempo per inoltrare domande

Bonus asilo nido, l’INPS fa sapere che il tempo per inoltrare i documenti mancanti utili per usufruire del contributo economico sarà prorogato. Slitta così la scadenza del 1° aprile

La proroga della scadenza per caricare i documenti di spesa sul sito INPS è prorogata a nuova data. Il termine ultimo per inoltrare fatture, ricevute, bonifici e quietanze relative alle rette relative al 2021 per l’asilo nido del proprio bimbo slitta così al 1° luglio 2022.

bonus asilo nido
Bonus asilo nido, proroga dei termini per inoltrare documenti (Pixabay)

A renderlo noto è l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS) attraverso un messaggio dedicato alle agevolazioni economiche per le famiglie con a carico figli minori.

L’invio dei documenti è uno dei passaggi fondamentali per ottenere il pagamento del bonus asilo nido. Il termine ultimo è solitamente fissato al 1° aprile dell’anno successivo a quello di riferimento, da oggi, fa sapere l’INPS, non sarà più valido.

Bonus asilo nido: l’INPS proroga il tempo per inoltrare i documenti | Ecco fino a quando sarà possibile farlo

Per poter usufruire dell’agevolazione economica l’invio dei documenti è uno dei passaggi fondamentali. In merito a questo, l‘INPS va incontro alle famiglie e sposta la data per l’inoltro dei documenti mancanti dal 1° aprile al 1° luglio 2022.

bonus asilo nido
Bonus asilo nido, inps va incontro alle famiglie prorogando i tempi per inoltrare documenti (Pixabay)

La proroga comunicata dall’Istituto è relativa alle domande di bonus asilo nido presentate nel 2021, per le quali la scadenza non sarà più quella fissa del primo aprile, bensì quella del 1° luglio.

L’importo del bonus asilo nido è pari ad un massimo di 3.000 euro, ed è calcolato in base ai mesi di frequenza del minore al nido e al valore ISEE presentato dal nucleo familiare. Gli importi corrispondenti sono così calcolati.

  • ISEE minorenni fino a 25.000 euro: 3.000 euro;
  • ISEE minorenni da 25.000 a 40.000 euro: 2.500 euro;
  • ISEE minorenni assente o superiore a 40.000 euro: 1.500 euro.

Dopo l’invio dei documenti mancanti che attestano il pagamento di almeno una delle rette dovute, cioè l’iscrizione o l’inserimento in graduatoria per gli asili nido pubblici, sarà necessario trasmettere all’INPS tutta la documentazione di spesa. Per ciò che riguarda l’inoltro dei documenti, questi dovranno essere caricati direttamente l’apposita sezione “Allegati Domande” presente sul sito dell’Istituto.

Gli allegati dovranno essere inviati a cadenza mensile entro la fine del mese di riferimento o entro la scadenza del 1° luglio 2022.

I documenti necessari per usufruire del Bonus nido

Affinché la domanda vada a buon fine, non possono mancare alcuni documenti necessari. Questi sono:

  • ricevuta o quietanza di pagamento;
  • fattura quietanzata;
  • bollettino bancario o postale;
  • per i nidi aziendali, attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga.

Leggi anche: >>> Monopattini e bici, bonus mobilità: fino a 750 euro | Chi può fare domanda

Le ricevute corrispondenti ai pagamenti delle rette relative ai mesi successivi al primo devono essere allegate o alla fine del mese di riferimento o entro il termine ultimo della scadenza, ovvero il primo luglio 2022.