Juventus, Allegri e Champions League in bilico | Quanto costerebbe il doppio fallimento

Massimiliano Allegri e i problemi della Juventus ancora da risolvere: quanto rischiano di perdere i bianconeri con l’addio alla Champions League e cosa potrebbe comportare l’esonero del mister. Tutte le cifre. 

Non raggiungere gli eventuali ottavi di finale in Champions League vorrebbe dire tornare indietro alla stagione 2013-14. L’obiettivo della Juventus è quello di tornare protagonista in Serie A, così come in Europa, ma al momento ci sarebbero diversi problemi ancora da risolvere. Da un lato gli infortuni, dall’altro la qualità e l’efficacia del gioco bianconero.

Allegri Juventus
Juventus, Allegri e Champions League in bilico | Quanto costerebbe il doppio fallimento

La novità è che Massimiliano Allegri avrebbe ricevuto dopo la sconfitta interna contro il Benfica numerose critiche da parte della tifoseria. Già i primi mugugni erano arrivati dopo il KO subito in casa del PSG, ma in quel caso la reazione e la forza dell’avversaria avrebbero fatto desistere in molti. Le cose non vanno bene e ora è tempo anche di fare i conti con un possibile esonero.

Massimiliano Allegri e la Juventus, quanto costa l’esonero | Senza Champions invece…

Il piano della Juventus potrebbe vacillare anche con la singola uscita anzitempo dalla Champions League. Soltanto per questa possibilità verrebbero a mancare introiti per 9,6 milioni di euro. A tal riguardo, inoltre, i bianconeri potrebbero perdere posizioni nel ranking, così da ridurre la somma ricevuta dopo la distribuzione del 30% dei premi. Ma la perdita potrebbe essere ancora più alta: gli esperti parlano di circa 17 milioni di euro.

Juventus coach Massimiliano Allegri gestures during the group stage soccer match of Uefa Champions League Juventus FC vs Sport Lisboa e Benfica at Allianz Stadium in Turin, Italy, 14 september 2022 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Per non parlare del fatto che ogni partita vinta, nello specifico durante il girone di qualificazione, corrisponde a 2,8 milioni di euro, 930mila euro quella pareggiata. Di fatto al momento la voce incassi sarebbe zero proprio per le due sconfitte in campo europeo. E pensare che lo scorso anno le cinque vittorie nel girone avevano fruttato 14 milioni di euro.

Campionato difficile, Allegri in bilico

La Serie A è un altro argomento al centro del dibattito. I bianconeri puntano a vincere lo scudetto, ma non è così semplice farlo con squadra non al completo, specialmente a causa degli infortuni, aggiungendo anche una situazione tecnico-tattica non così eccelsa. Senza dimenticare che scendere sotto il quarto posto avrebbe ricadute intorno agli 80 milioni di euro.

Nel caso specifico si parla ovviamente di ipotesi, detto questo c’è però da sottolineare come gli investimenti dei bianconeri non stiano fruttando al meglio. Problemi per Vlahovic che non decolla per tutta una serie di problemi, per non parlare di Pogba che dovrebbe rientrare a gennaio 2023 causa infortunio. Per non parlare di un possibile esonero di Allegri che vanta un contratto fino al 30 giugno 2025. Il mister percepisce 7 milioni fissi e altri 2-2 di bonus a stagione, una cifra non certo irrisoria per le casse societarie. Un ammontare di circa 35-40 milioni di euro che peserebbero sul club in caso di divorzio.