Caro bollette, la classifica degli elettrodomestici che consumano di più | Sul podio uno strumento indispensabile

Per diminuire il caro bollette arriva la classifica degli elettrodomestici che consumano di più. I trucchi per risparmiare e salvaguardare il portafogli

Con l’inflazione ai massimi livelli dovuti al conflitto in Ucraina, i prezzi delle materie prime e l’energia sono aumentati a dismisura portando i consumatori a spese eccessive.

caro bollette
caro bollette, i 13 elettrodomestici che consumano di più, ecco come usarli (Immagine rete)

Le ripercussioni sul portafoglio degli italiani sono e saranno pesanti soprattutto sul caro bollette. Ecco che un buon modo per ridurre l’impatto del costo dell’energia sui bilanci familiari è quello di prediligere elettrodomestici di classe energetica alta (A+++), cercando di usare in modo intelligente quelli che consumano di più. Per tale motivo, nasce la classifica degli elettrodomestici che consumono di più e che hanno, quindi, il consumo orario medio maggiore.

Caro bollette, i 13 elettrodomestici che consumano di più | I trucchi per risparmiare

Tra gli elettrodomestici che consumano di più spunta la stufetta elettrica, che con i suoi 0,90 euro/ora è l’elettrodomestico in assoluto più energivoro, ovvero che consuma di più. Per fortuna non è utilizzata in questo periodo, e dunque non graverà sui consumi medi delle famiglie italiane.

caro bollette
Caro bollette, gli elettrodomestici che consumano di più, sul podio uno strumento indispensabile alla famiglia (Ansa)

Sul podio, al secondo posto troviamo il bollitore (0,73 euro/ora) e al terzo posto l’asciugacapelli (0,72 euro/ora) con un consumo medio di circa 5,5 euro al mese per una coppia.

Al quarto posto un altro elettrodomestico non comunemente usato, la friggitrice ad aria (0,68 euro/ora).

Al quinto posto della classifica troviamo la piastra per capelli che può arrivare a far spendere 0,59 euro per ogni ora di utilizzo.

Segue l’asciugatrice con 0,53 euro all’ora e il ferro da stiro con un consumo medio orario di 0,45 euro.

Mentre il forno elettrico ha un consumo in bolletta più basso, 0,42 euro/ora. Stessa cosa per l’aspirapolvere (0,36 euro/ora) e il condizionatore, con un consumo medio di 0,32 euro/ora.

Ma il consumo medio del condizionatore dipende molto dall’utilizzo che se ne fa, ovvero: più è bassa le temperatura impostata, più cresce la spesa in bolletta per ogni ora che è in funzione.

Per evitare bollette eccessive, quindi, sarebbe bene limitare l’uso del condizionatore alle sole fasce orarie più calde, non superando mai i 3 gradi di differenza tra temperatura interna ed esterna. Anche una buona manutenzione dei filtri (pulizia) permetterà un abbattimento dei costi in bollette.

E per chi non possiede in casa un condizionatore potrà ricorrere al vecchio ventilatore, che costa addirittura meno di un decimo.

Agli ultimi due posti in classifica, tra i grandi elettrodomestici che consumono di meno troviamo la lavatrice (0,14 euro/ora) e la lavastoviglie (0,11 euro/ora).