Elon Musk, stangata in azienda | Come cambia il patrimonio del miliardario

Elon Musk ha deciso, dopo mesi di annunci e smentite arriva la stangata in azienda. La scelta sconvolge Twitter. Ecco come cambia il patrimonio del patron di Tesla

La decisione è finalmente arrivata, Elon Musk non ha più tempo da perdere e così la lettera inviata dal legale del proprietario di Tesla fa rabbrividire il social media.

elon musk
Elon Musk, stangata in azienda dopo la decisione presa (Ansa)

Dopo mesi di tira e molla, la trattativa con Twitter è stata stravolta. Questo “matrimonio non s’ha da fare” e così all’alba di oggi Musk fa la sua mossa e attacca il social. Il patrimonio dell’imprenditore cambierà ma le azioni del social media, intanto, sono crollate all’improvviso. Twitter non ci sta e parte all’attacco. È luglio ma fuori è appena iniziata la bufera.

Elon Musk, la decisione è stata presa | Twitter annuncia: Non erano questi gli accordi

L’uomo più ricco del mondo rimarrà ancora tale anche se è di poche ore la notizia della sua rinuncia ad acquistare Twitter. Elon Musk ritira la sua offerta da 44 miliardi.

twitter musk
Elon Musk, decisione presa con twitter, salta accordo (Ansa)

Nella lettera inviata dall’avvocato di Musk all’ufficio legale del social media si legge: “non ha rispettato gli obblighi contrattuali e non ha fornito le informazioni richieste”.

La doccia fredda piombata addosso al social americano fa agire d’impulso annunciando di voler far causa al patron di Tesla. Dopo l’annuncio (quasi aspettato) di Musk, le azioni in borsa di Twitter sono crollate del 9%. Il Washington Post ha spiegato le motivazioni che hanno spinto Elon Musk a rifiutare l’offerta e tra le tante, l’ago della bilancia sono stati i dati forniti da Twitter sugli account spam che, secondo Musk e il suo staff, non erano verificabili.

Lo stesso miliardario aveva chiesto queste cifre da molto tempo ma il consiglio di amministrazione aveva scelto di comunicargliele solo un mese con l’obiettivo di superare “il pasticcio” e andare così verso la chiusura dell’accordo atteso per gli inizi di agosto.

Dal canto suo, Twitter ribadisce da molto tempo che gli account falsi sul social ammontavano a solo il 5% del totale. Questo però non ha mai soddisfatto pienamente Musk che, invece, era convinto fossero molti di più. Così, il miliardario, proprietario anche di Space X ha preso la sua decisione mandando tutto all’aria.

Con la decisione finale di dire stop all’acquisizione di Twitter, Elon Musk si espone a un’importante azione legale. Entrambe le parti hanno concordato di pagare una commissione di risoluzione fino a 1 miliardo di dollari.

Twitter farà causa a Musk: intanto in azienda licenziato il 30% del team

Dopo la missiva arrivata dal legale di Elon Musk a Twitter, il social ha già annunciato che farà causa all’imprenditore.

Il presidente del social, Bret Taylor, come riporta Agi, in un tweet ha dichiarato che il consiglio di amministrazione era “impegnato a chiudere la transazione al prezzo e alle condizioni concordate” e intendeva vincere in tribunale.

Ann Lipton, docente di diritto alla Tulane University ha twittato sulla decisione presa da Musk:”Ha firmato un accordo che è legalmente obbligato a rispettare”.

L’analista Dan Ives, espone il suo punto di vista sulla scenario già disastroso per Twitter: “È un disastro per Twitter e il suo consiglio di amministrazione, poiché la società dovrà ora affrontare Musk in una lunga battaglia legale per salvare l’accordo e/o recuperare almeno un miliardo di dollari“.

Intanto, secondo quando riportato dal sito Techcrunch, il social media ha provveduto al licenziamento del 30% del team dedicato al recruiting. La situazione sembra essere abbastanza in crisi tanto che da mesi Twitter ha sospeso la maggior parte delle assunzioni.