Caos aeroporti, incubo bagagli | Il consiglio del Ministero per i passeggeri: “In aereo solo così”

Il caos negli aeroporti europei e lo smarrimento dei bagagli dei viaggiatori ha portato il Ministero della Mobilità italiano a diramare un consiglio per tutti i passeggeri che dovranno imbarcarsi. In aereo seguite questa semplice regola

Mentre gli aeroporti europei cercano di superare il caos, il ministero italiano della Mobilità consiglia ai viaggiatori di mettere in pratica una semplice regola prima di imbarcarsi per una qualsiasi destinazione.

caos bagagli
Caos bagagli, il consiglio del Ministero per i passeggeri (Ansa)

La situazione è sempre più grave e non prendere atto di questa criticità espone oggi a un grave rischio i passeggeri.

Caos Aeroporti, il consiglio indispensabile del Ministero per i passeggeri | In aereo solo così

Il problema del caos creatosi in queste ultime settimane negli aeroporti europei è lo smarrimento delle valige che potrebbero non arrivare a destinazione. Un’altra ipotesi è che il bagaglio vada perso dall’aeroporto di destinazione; o ancora che venga riconsegnato dopo un’attesa infinita.

caos aeroporti
Caos Aeroporti, bagagli persi, il ministero consiglia come comportarsi prima del volo (Ansa)

Dunque, per ovviare a tale problematica, il Ministero italiano della Mobilità ha così deciso di consigliare a tutti i viaggiatori di portare con sé solo un bagaglio a mano ed evitare di imbarcare ulteriori valige nella stiva.

Allora la soluzione più intelligente è partire con un carico leggero, l’indispensabile, da portare a bordo e sistemare nella cappelliera dell’aereo.

Come riporta Repubblica, il ministero diffonde il consiglio in una nota dopo un incontro “sulle cause dei disagi nel nostro Paese” che si terrà oggi in collaborazione con le associazioni del settore. Al meeting parteciperà anche Enac – garante della sicurezza in volo e negli scali – ed Enav, la società dei controllori di volo.

Inoltre l’Enac raccomanderà alla società che gestiscono gli scali di assicurare a chi è in coda al check-in punti ristoro. Altra raccomandazione da parte dell’Enac riguarderà le aziende del trasporto pubblico, bus, treni, taxi e metro, che dovranno garantire il servizio dall’aeroporto alla città.

Il ministero sottolinea che gli attuali disagi per i viaggiatori sono derivati in modo particolare dai disservizi e ritardi provenienti da altri aeroporti europei. Dai dati Enac presentati si evince che il traffico passeggeri è in aumento dopo i due anni di crisi dovuti alla pandemia da Covid.

Ed è facile prevedere che i primi mesi del 2023 evidenzieranno il definito ritorno alla normalità.