PSG-Marsiglia, Donnarumma altra notte amara | L’errore che poteva compromettere la gara | VIDEO

PSG-Marsiglia, Donnarumma non convince ma il club vince: tre punti importanti, ma resta la papera del portiere ex Milan. Cosa ha fatto.

Mbappè la risolve, Donnarumma la complica. Si può riassumere così PSG-Marsiglia, sfida di Ligue1 dove i parigini vincono di misura. Vittoria di Pirro per Donnarumma che non può risparmiarsi le dure critiche a fine partita. Uno stato d’animo il suo che è il risultato delle tensioni degli ultimi mesi.

Donnarumma
Donnarumma reagisce alle proteste (ANSA)

Le cose a Parigi non stanno andando per il verso giusto: Gigio si aspettava un’evoluzione diversa dopo l’arrivo sotto la Torre Eiffel: la favola, invece, è diventata un incubo. Il portiere non gioca e quando lo fa sbaglia. Sembra una stinsi estrema esattamente come estremo è il cambiamento di questo portiere che dapprima ostentava sicurezza sotto porta, ora vive momenti di smarrimento.

Leggi anche – Il dramma delle donne ucraine, così la Polonia nega i diritti alle rifugiate | “Devono abituarsi alle nostre leggi”

Donnarumma, che delusione: la polemica dei tifosi

Festeggia – solo momentaneamente – Caleta-Car che sugli sviluppi di un calcio da fermo beffa l’ex portiere del Milan. L’estremo difensore compie un brutto errore in uscita che garantisce il pareggio temporaneo agli ospiti. La vittoria, arrivata con il gol di Mbappè su rigore, non risparmia le critiche al portiere che su Twitter fanno man bassa di insulti e amari paragoni.

PSG Donnarumma
L’ex portiere rossonero bersagliato dai tifosi (ANSA)

Voci di mercato dicono che potrebbe tornare al Milan: la realtà è che Maldini a Donnarumma ha già chiuso la porta da un pezzo. Situazione poco congeniale a un portiere, ma se anche si dovessero riaprire le trattative, sarà difficile vedere l’estremo campano sotto altre vesti. Maignan è il nuovo punto fermo e, per scardinare le vecchie tensioni e la diversa fatica, non bastano parole. Servono rassicurazioni, quelle che il Milan cercherà di dargli. Donnarumma resta in stand-by, prima per Pochettino poi forse per Pioli.