David Sassoli, commozione alla camera ardente: politici e gente comune a rendergli omaggio

David Sassoli, commozione alla camera ardente in Campidoglio: politici e gente comune a rendere omaggio all’ex Presidente del PE.

David Sassoli morto presidente Parlamento europeo
David Sassoli, omaggio di amici e politici (Facebook)

David Sassoli, la commozione è forte. L’ultimo saluto al Presidente del Parlamento Europeo, in attesa dei funerali, avviene in Campidoglio. La camera ardente allestita nello sgomento di una perdita così forte: un vuoto incolmabile sia dal punto di vista emotivo che da quello istituzionale.

Tante le forze politiche a mostrare solidarietà: Sassoli metteva e mette tutti d’accordo con il suo garbo e la compostezza che mancheranno più di ogni altro aspetto. Il senso di responsabilità, il rispetto dei ruoli, le capacità morali ed etiche di saper distinguere il giusto dal necessario e indispensabile. Oggi è il giorno del ricordo, prima di tirare una linea – nel suo nome – e cercare di andare avanti sempre tenendo presente quali erano e quali sono i principi che avrebbe voluto veder compiuti.

Leggi anche – Di Battista duro con Draghi: “Capisce poco di economia, zero di…”

David Sassoli, la camera ardente tra volti noti e gente comune

Omaggio al Presidente del PE

Lo ricorda ancora una volta Letta, collega e amico, il Segretario del PD visibilmente commosso passa e saluta. Non è l’unico, molti anche fra gli schieramenti avversi. La dipartita non ha colore: da Mattarella a Draghi, la camera ardente è un tripudio di volti noti. Nessuna parola, ma tanta chiarezza. Forse come non si vedeva da tempo: sguardi limpidi su come bisogna andare avanti. Mancherà, forse, uno dei migliori. Se non altro più amati.

Volto condiviso fa rima con David Sassoli: professionale, credibile, dall’animo nobile. Il dolore è lacerante, ma il rimpianto di non averlo sarà ancora più forte. Come hanno sottolineato, con voce rotta dal pianto, amici e colleghi. Un politico che amava la gente comune, affetto e stima assolutamente ricambiata. In grado di tenere – per quanto possibile – l’Europa unita con educazione.