Capodanno a Times Square, festa e giuramento del nuovo sindaco di New York

Dopo un anno di assenza a causa del Covid, sono tornate in grande stile a Times Square le celebrazioni per l’arrivo del nuovo anno. La piazza più iconica di New York ha ospitato 15 mila persone

Le celebrazioni per l’arrivo del nuovo anno a Times Square

All’inizio era stata prevista una festa, a tutti gli effetti come negli anni prima della pandemia, con più di 60 mila persone. Poi l’arrivo di Omicron e l’aumento poderoso di infezioni ha fatto cambiare i piani dell’amministrazione della Grande Mela che ha optato per celebrazioni con un numero ridotto di partecipanti. Il capodanno più famoso del mondo, quello di Times Square, è andato in scena con 15 mila partecipanti, tutti rigorosamente vaccinati e con mascherina in viso.

LEGGI ANCHE > Botti nonostante i divieti, da Milano a Palermo: feriti a Napoli

L’enorme sfera di cristallo di 3,5 metri e cinque tonnellate ha scandito, come di consueto, l’arrivo del 2022. Newyorchesi e turisti allo scoccare della mezzanotte sono stati inondati da più di 1,3 tonnellate di coriandoli lanciati dai grattacieli degli edifici che circondano la pizza.

Le celebrazioni hanno anche fatto da contorno al giuramento del nuovo sindaco di New York Eric Adams

 

Le celebrazioni del capodanno vengono celebrate a Times Square, tra la Broadway e la 42nd Street, sin dall’inizio del XX secolo. E ieri sera la piazza, subito dopo la mezzanotte, è stata anche lo scenario per il giuramento del nuovo sindaco della Grande Mela, Eric Adams. Il nuovo primo cittadino, che raccoglie l’eredità dell’italo americano Bill de Blasio, ha prestato giuramento attorniato dalla sua famiglia e tenendo in mano il ritratto della madre defunta

LEGGI ANCHE > Milano, i tre casi giudiziari che hanno fatto più discutere nel 2021

Siamo incredibili, questa è una città incredibile“, hanno detto Adams ai media locali. “Fidatevi di me, siamo pronti per un grande ritorno perché questa è New York” ha concluso il nuovo sindaco. Adams avrà il difficile compito di evitare che la Grande Mela diventi nuovamente l’epicentro mondiale della pandemia