BTS, arriva in Italia lo tsunami coreano

Dopo il 2021 all’insegna della Turchia di Can Yaman, il 2022 vedrà protagonista la Corea con i BTS, una K- Pop band che sta conquistando tutto il mondo. Prossima tappa l’Italia.

BTS, arriva lo tsunami coreano alla conquista dell’Italia (Foto Instagram)

Sono coreani, ballerini eccellenti, cantanti sopraffini. Ma sono soprattutto un fenomeno globale che oramai da 8 anni ha invaso il mondo. In Italia sono in tendenza sui social quasi tutti i giorni a dimostrazione del seguito che hanno. Ora dopo aver conquistato l’America, il Giappone, la Cina stanno per fare il grande salto dal web anche nel nostro Paese.

Si chiamano V, Jeon Jung-Kook, Park Ji-min, Jin, Suga, RM e J-Hope nomi tipicamente coreani dei quattro cantanti e tre rap che formano la band nata a Seul nel 2013. Somigliano a dei bellissimi cartoon Manga sia nel loro modo di vestire che per il colore dei capelli, che in otto anni hanno cambiando in ogni sfumatura di colore. Dopo gli inizi in patria hanno raggiunto un successo enorme sbarcando in America e debuttando (è stato il primo gruppo K-Pop a farlo) al numero uno della classifica di Billboard Top 200.

BTS, lo tsunami che ha invaso il mondo

BTS, arriva lo tsunami coreano che invade l’Italia (Foto Instagram)

Da quel momento non si sono più fermati, arrivando a conquistare pezzo per pezzo ogni nazione. Questo anche grazie al loro personale esercito quello delle Army (così vengono chiamate le loro fan) che a miliardi in tutto il globo li supportano, facendogli vincere ogni tipo di premio. Solo quest’anno con l’album “Map of the Soul” agli American Music Award hanno sbaragliato star del calibro di Drake e Taylor Swift.

LEGGI ANCHE>> Quarantena, Massimo Galli a Free.it, “Siamo in un grosso guaio, non è il momento di…”

L’ultimo concerto a Los Angeles poco prima di Natale, ha visto un indotto calcolato sui 30 milioni di dollari, solo per 4 serate. Anche a livello economico sono quindi una vera potenza. Invitati a parlare alle Nazioni Unite o davanti al presidente coreano, a marzo saranno protagonisti di una serie di concerti in Patria, anteprima del tour mondiale, che la Pandemia aveva fino ad ora bloccato.