Irene Pivetti indagata per riciclaggio e 3 Ferrari. Maxi sequestro da 4 milioni

La ex presidente della Camera è accusata di diversi reati fiscali. Tra gli indagati anche il pilota Leonardo ‘Leo’ Isolani, la moglie, la figlia, un notaio e due imprenditori, tra cui uno cinese. L’indagine ipotizza il ruolo di intermediazione del gruppo Only Italia. Pivetti è pronta a chiarire.

Irene Pivetti Free.it 1280
Irene Pivetti indagata per riciclaggio e 3 Ferrari. Maxi sequestro da 3,5 milioni da parte della Guardia di Finanza.

Presidente della Camera, presentatrice tv, imprenditrice. Sono tanti i ruoli professionali ricoperti da Irene Pivetti, ex astro nascente della Lega Nord e entreprenuer rampanteNon sempre con successo. Gli uomini del nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano le hanno sequestrato beni per quasi  4 milioni di euro.

L’indagine, condotta dal sostituto procuratore Giovanni Tarzia, si concentra su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che – secondo la ricostruzione della Procura – sono servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale.

“Irene Pivetti è pronta a chiarire ogni aspetto della vicenda e, una volta lette le carte, è pronta a farsi sentire dal pm”, ha detto l’avvocato Filippo Cocco, legale dell’ex presidente della Camera.

LEGGI ANCHE >> Simona Ventura, assolta dall’accusa di evasione fiscale. Cosa era successo

Le mascherine importate dalla Pivetti dalla Cina e le Ferrari

Ferrari Gran Turismo Free.it 1280
Le mascherine importate dalla Pivetti dalla Cina e le Ferrari Gran Turismo che coprirebbero un’operazione di riciclaggio

L’indagine Sto arrivando!iva dopo una precedente inchiesta della  procura di Busto Arsizio su una partita da 1,3 milioni di mascherine importate dalla Cina in piena pandemia dalle società di Pivetti. Merce per un valore di 3,2 milioni di euro che era destinata alla Protezione civile e all’Ente di supporto tecnico amministrativo per la Regione Toscana (Estar). Le mascherine però sono risultate “significativamente diverse” dai prodotti concordati e sono state sequestrate. Adesso questa nuova tegola giudiziaria arriva Pivetti.

La Guardia di finanza di Milano ha sequestrato quasi 3,5 milioni di euro all’ex esponente leghista. Pivetti e un suo consulente sono indagati per riciclaggio e frode fiscale. L’indagine si concentra su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo dalla scuderia Isolani. Operazioni che  secondo la ricostruzione della Procura sono servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale. Le stesse accuse sono contestate, tra gli altri, anche al pilota di automobilismo Leonardo Isolani, alla moglie e alla figlia. Coinvolto anche il notaio Francesco Maria Trapani.

LEGGI ANCHE >> Contanti, nel 2022 nuovo limite di utilizzo: di quanto sarà

Il gruppo Only Italia, presieduto dalla Pivetti

Nell’inchiesta il pm Tarzia contestato anche il reato di autoriciclaggio. Il gruppo Only Italia, presieduto da Irene Pivetti, si sarebbe interposto nell’ambito di operazioni delle società di Isolani. Operazioni che sarebbero servite per per nascondere appunti al fisco alcuni beni, tra cui le tre Ferrari Gran Turismo. Una delle quali è stata sequestrata dalle Fiamme Gialle a Varese, dopo essere passata dalle Canarie. Secondo la ricostruzione emersa dagli accertamenti i fatti risalgono al 2016. Isolani, che ha un suo “team racing”, avrebbe venduto tutti i beni – attrezzature, marchio e sito web –  di una sua società indebitata con l’erario per diversi milioni di euro al fine di svuotarla. Beni che sarebbero andati ad un’altra sua società con base a San Marino, che poi avrebbe venduto di nuovo tutti i beni – Ferarri incluse –  ad una società di Hong Kong riconducibile alla Pivetti. I beni, infine, sarebbero stati ceduti al Gruppo Daohe, del magnate cinese Zhou Xi Jian.