Bonus benzina, sconto di 200 euro per i lavoratori privati | Come ottenerlo

Il bonus benzina da 200 euro per i lavoratori privati è stato prorogato dal governo Meloni all’interno del Decreto trasparenza fino a dicembre 2023. Cosa c’è da sapere e come fare per ottenerlo

Prorogato fino a dicembre 2023 il bonus benzina con uno sconto di 200 euro per i lavoratori privati. Questo è quanto previsto nel Decreto trasparenza del governo Meloni. La norma non è altro che la replica del contributo economico attuato dal governo Draghi con il decreto legge n. 21 del 21 marzo 2023.

bonus benzina
Bonus benzina, sconto di 200 euro ai lavoratori privati, come ottenerlo (Ansa)

Il bonus è dunque uno sconto di 200 euro che i datori di lavoro possono offrire ai loro dipendenti. Da considerare che tale incentivo non concorre alla formazione del reddito. Dunque non si pagano le imposte ma lo sconto è deducibile ai fini Irpef ed Ires.

Infine, i beneficiari del bonus economico sono solo i lavoratori dipendenti. Ma come fare per ottenerlo? E quali sono le due modalità di erogazione del contributo economico che l’azienda o il datore di lavoro potrà scegliere per elargire il bonus ai propri dipendenti.

Bonus benzina 200 euro ai lavoratori privati: gli step per ottenerlo

Per ottenere i buoni sconto benzina dal valore di 200 euro i lavoratori privati non dovranno avere necessità di accordi contrattuali. Il contributo economico può essere corrisposto da subito e valgono per benzinagasolio, Gpl e metano, ma anche per la ricarica di auto e moto elettriche.

bonus benzina
Bonus Benzina, sconto di 200 euro per i lavoratori privati (Ansa)

Non ci sono limiti ne di reddito o condizioni contrattuali particolari per richiedere il bonus 200 euro. Il lavoratore non dovrà nemmeno presentare richieste per avere l’incentivo. In larga misura il contributo economico è rivolto a tutti i lavoratori dipendenti. Anche se sarà poi il datore di lavoro o l’azienda a stabilire chi ne beneficerà. Come riporta Open, dalla circolare 27/E dell’Agenzia delle Entrate mette in evidenza che “al fine di fruire dell’esenzione da imposizione, i beni e i servizi erogati nel periodo d’imposta 2022 dal datore di lavoro a favore di ciascun lavoratore dipendente possono raggiungere un valore di euro 200 per uno o più buoni benzina ed un valore di euro 258,23 per l’insieme degli altri beni e servizi”.

In poche parole, se un dipendente avrà dei buoni benzina per 100 euro e altri benefit per 300 euro, la somma totale sarà sottoposta a tassazione ordinaria. Mentre, se il valore dei buoni carburanti è pari a 250 euro e quello degli altri benefit è pari a 200 euro, il totale di 450 euro non andrà a formare il reddito del lavoratore dipendente. L’azienda o il datore di lavoro che aderirà all’incentivo del bonus benzina potrà optare due modalità di erogazione del contributo:

  1. come fringe benefit, cioè sotto forma di compenso erogato diversamente rispetto al denaro. Il limite di importo è fissato a euro 258, 23;
  2. come buono benzina classico: potrà essere erogato entro il 31 dicembre 2023 senza la necessità di accordi contrattuali precedenti.