Guerra Russia Ucraina, le notizie di giovedì 4 agosto 2022

Guerra Russia Ucraina. Le notizie di giovedì 4 agosto 2022. Gli aggiornamenti sul conflitto.

162esimo giorno di guerra, dopo la nave Razoni, salpata da Odessa e diretta verso Tripoli, anche le prossime imbarcazioni cariche di grano ucraino sono pronte a partire.

DIRETTA guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, notizie di giovedì 4 agosto 2022

“Se la Russia manterrà gli impegni assunti nell’ambito dell’iniziativa sui cereali mediata dalle Nazioni Unite, il grano raggiungerà i clienti stranieri e contribuirà a contenere i prezzi dei prodotti alimentari e a scongiurare la fame. L’Ucraina rimane impegnata a combattere l’insicurezza alimentare globale, scrive il Ministro degli Esteri di Kiev Dmytro Kuleba in un tweet. Il Cremlino ritiene l’Amministrazione Biden “direttamente responsabile” dell’uccisione di civili per aver approvato bersagli colpiti dalle Forze Armate ucraine con missili di fabbricazione americana. Intanto Mosca ribadisce: “Pronti a negoziare ma alle nostre condizioni”.

23.30 – La premier estone Kaja Kallas ha affermato che il monumento ai caduti della Seconda guerra mondiale di Narva, città al confine tra Estonia e Russia dove i russofoni rappresentano il 95% della popolazione, dovrà essere rimosso. La decisione si inserisce nel quadro della rimozione di tutti i monumenti sovietici ancora presenti negli spazi pubblici del Paese decretata dal governo dopo l’invasione russa dell’Ucraina.Kallas è intervenuta in una conferenza stampa dopo che, nella serata di mercoledì, 150 persone si erano riunite nei pressi del monumento della città estone in segno di protesta. Il sindaco di Narva ha proposto l’apertura di un tavolo con rappresentanti del governo e della società civile locale per discutere di soluzioni che tengano conto delle diverse sensibilità degli abitanti della città. Si teme possa riprodursi una situazione simile a quella del 2007, quando la rimozione di un monumento di origine sovietica dal centro di Tallinn si risolse in tafferugli durati alcuni giorni.

23.15 – Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyi ha affermato, in un videomessaggio, che “chiunque assolva la Russia e crei artificialmente un contesto informativo secondo cui alcuni attacchi terroristici sarebbero giustificati o comprensibili, non può non rendersi conto che in questo modo sta aiutando i terroristi“. Il riferimento è al rapporto di Amnesty International secondo il quale le forze armate ucraine avrebbero messo in pericolo i civili usando edifici civili come basi militari. Lo riporta l’agenzia ucraina Unian. Citando l’attacco russo a una fermata dell’autobus di Toretsk, nel Donetsk, Zelensky ha osservato che “riguardo a questo e a migliaia di altri crimini commessi da terroristi russi, non vediamo rapporti chiari e tempestivi da parte di alcune organizzazioni internazionali. Oggi abbiamo visto un rapporto completamente diverso da Amnesty International, che, purtroppo, sta cercando di assolvere il terrorismo di Stato e di spostare la responsabilità dall’aggressore alla vittima“. Il presidente ucraino ha anche ricordato come i raid russi abbiano abbattuto “quasi 200 edifici religiosi, quasi 900 strutture sanitarie, più di 2.200 istituzioni educative, decine di università, centinaia di scuole e asili. Gli occupanti hanno ripetutamente colpito code di persone per l’acqua e gli autobus con gli evacuati con artiglieria e mortai. Hanno colpito ripetutamente le fermate dei trasporti pubblici. L’esercito russo non si è fermato prima di colpire anche i memoriali delle vittime dell’Olocausto, nei cimiteri. Nel campo con i prigionieri di guerra a Olenivka. E per qualche motivo non ci sono notizie su questo“, ha detto Zelensky, parlando di “selettività immorale“. Sul rapporto di Amnesty è intervenuto anche il ministro degli Affari esteri ucraino, Dmytro Kuleba, invitando l’organizzazione per i diritti umani “a non creare una falsa realtà, ma a dire la verità sui crimini dell’esercito di occupazione russo“.

22.37 – “Gli occupanti russi hanno bombardato Kharkiv questa sera“. Lo ha riferito il capo dell’amministrazione militare regionale, Oleg Sinegubov, citato da Ukrainska Pravda.Gli occupanti hanno colpito i distretti di Shevchenkivskyi e Industrial. Sul posto si sono recate le squadre di pronto soccorso e ci sono informazioni preliminari che parlano di tre vittime“, ha precisato.

21.50 – “Abbiamo ragioni per credere che i russi falsificheranno le prove per incolpare Kiev dell’attacco alla prigione di Olenivka“. Lo ha detto il portavoce della sicurezza nazionale, John Kirby.

21.05 – “Noi abbiamo avuto uno sviluppo potenzialmente positivo, lo sblocco delle navi che portano il grano. E però c’è ancora una crisi umanitaria straordinaria. Il fatto che i Paesi africani possano sperimentare la crisi non è sparita ma perlomeno questo sblocco inizia a funzionare. Ci sono navi che seppure lentamente stanno partendo. Questo perché l’auspicio che tutti hanno o avevano che questo potesse essere l’inizio di un percorso che portava a un cessate il fuoco, che per ora non c’è. Non solo. La complicaizone che sta sorgendo nell’indopacifico non è uno sviluppo positivo e la speranza del cessate il fuoco non so quanto sia probabile“. Lo dice il premier Mario Draghi parlando della guerra in Ucraina.

20.12L’Ue aggiunge alla sua lista nera anche l’ex presidente ucraino filo-russo Vibktor Yanukovich. Il Consiglio Ue ha infatti approvato oggi misure restrittive per Yanukovoch e suo figlio Oleksandrper il ruolo svolto nel minare o minacciare l’integrità territoriale, sovranità e indipendenza dell’Ucraina e la stabilità e la sicurezza dello Stato, nonché – nel caso di Oleksandr Yanukovichper aver condotto transazioni con i gruppi separatisti della regione ucraina del Donbass“, si legge in una nota del Consiglio.

20.05 – Il ministero della Difesa turco ha reso noto che domani partiranno dall’Ucraina tre nuovi navi con cereali.

19.55 – Pekka Haavisto, attuale ministro degli Esteri in Finlandia, ha presentato un piano per limitare i visti turistici ai cittadini della Russia. La scelta è avvenuta a distanza di mesi dall’inizio della guerra in Ucraina. I voli dalle città russe verso l’Unione europea sono sospesi e così la Finlandia è diventato Paese di transito per molti cittadini russi verso l’Europa. “Molti lo fanno per eludere le sanzioni“, ha dichiarato Haavisto.

18.30 – Amnesty International ha affermato che l’esercito ucraino sta mettendo in pericolo la vita dei civili stabilendosi in aree residenziali. A confermare la notizia è un rapporto respinto dai rappresentanti del governo ucraino che lo incolpano per l’invasione della Russia.

17.10 – I membri della Nato stanno lavorando a stretto contatto con le compagnie di difesa per garantire che l’Ucraina riceva più forniture di armi e attrezzature per prepararsi alla lunga guerra con la Russia, ha affermato Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato. “Stiamo fornendo molto supporto, ma dobbiamo fare ancora di più ed essere preparati per il lungo periodo. Pertanto ora siamo anche in stretto contatto e lavoriamo a stretto contatto con l’industria della difesa per produrre di più e fornire più tipi diversi di munizioni, armi e capacità“, ha ricordato Stoltenberg.

Guerra Russia Ucraina, Cremlino: “Domani incontro Putin-Erdogan, focus su export grano”

esportazioni cereali kiev
Guerra Russia Ucraina, Cremlino: “Domani incontro Putin-Erdogan, focus su export grano”

16.21“Gli Stati Uniti e l’Unione Europea continueranno a lavorare a stretto contatto per respingere l’attacco all’Ucraina e al sistema globale dell’economia. Lo ha scritto in un tweet Josep Borrell dopo l’incontro di oggi, a margine del vertice dell’Asean in Cambogia, con il Segretario di Stato americano Antony Blinken. “E’ sempre una cosa buona incontrare il mio amico Blinken”, ha proseguito l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza Ue. “Abbiamo anche discusso dell’accordo nucleare iraniano e su come preservare pace e stabilità nello stretto di Taiwan.

16.15 – I Presidenti di Russia e Turchia Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, durante i colloqui che si terranno domani a Sochi, “discuteranno del viaggio della prima nave con grano ucraino e dell’attuazione degli accordi di Istanbul. Lo ha detto ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, citato dalla TASS. “Ci sarà uno scambio di opinioni su come è andato il primo trasporto del grano da Odessa – ha aggiunto Peskov – in generale, questa è una buona opportunità per valutare l’efficacia del meccanismo che è stato creato grazie agli accordi di Istanbul”, ha concluso il portavoce.

Guerra Russia Ucraina, Peskov: “Accordo su grano è esempio di buona negoziazione”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Peskov: “Accordo su grano è esempio di buona negoziazione”

15.53 – Gli accordi di Istanbul tra Russia, Ucraina, Turchia e Onu sui corridoi per l’export di grano “è un buon esempio del fatto che anche le questioni più complesse possono essere risolte tenendo conto dei reciproci interessi. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. “Non si tratta di un meccanismo una tantum, ma progettato per garantire l’esportazione del grano che si è accumulato in questi porti – ha precisato Peskov – pertanto, speriamo che questo meccanismo continui a funzionare in modo efficiente”, ha aggiunto.

12.33“In questi giorni vediamo molte notizie su situazioni di conflitto e minacce provenienti da altre aree geografiche. Prima i Balcani, poi Taiwan, ora potrebbe essere il Caucaso. Tutte queste situazioni sembrano diverse ma sono accomunate da un fattore: l’architettura di sicurezza globale che non ha funzionato. Se funzionasse non ci sarebbero tutti questi conflitti”. Lo ha scritto sul suo canale telegram il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Guerra Russia Ucraina, Aiea: “Alla centrale nucleare di Zaporizhzhia situazione fuori controllo”

centrale nucleare Zaporizhzhia Rafael Grossi
Guerra Russia Ucraina, Aiea: “Alla centrale nucleare di Zaporizhzhia situazione fuori controllo”

12.22 – La centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dalle truppe russe è “completamente fuori controllo”. Lo ha dichiarato il Direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Rafael Grossi, citato da diversi media internazionali. “C’è una lista di cose che non dovrebbero mai accadere in nessun impianto nucleare”, ha spiegato Grossi aggiungendo che “la situazione è molto delicata” poiché “ogni principio di sicurezza nucleare è stato violato in un modo o nell’altro e non è possibile permettere che ciò continui”.

12.12 – Sono almeno 41.500 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione su larga scala dello scorso 24 febbraio. Lo rende noto l’Esercito di Kiev nell’odierno aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca. Nell’ultimo report si registrano anche 223 caccia russi, 191 elicotteri e 742 droni abbattuti. In più le Forze  Armate di Kiev riferiscono di aver distrutto 1.789 carri armati russi, 946 sistemi di artiglieria e 4.026 veicoli blindati per il trasporto delle truppe. Lo riporta il Kyiv Independent.

Guerra Russia Ucraina, Zelensky cerca colloqui diretti con Xi Jinping: “Pechino può influenzare Mosca”

Guerra Russia Ucraina Cina
Guerra Russia Ucraina, Zelensky cerca colloqui diretti con Xi Jinping: “Pechino può influenzare Mosca”

12.00 – Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha intenzione di tenere “colloqui diretti” con l’omologo cinese Xi Jinping per chiedere la collaborazione di Pechino nel cercare una soluzione che ponga fine al conflitto in corso. Lo ha dichiarato lo stesso Zelensky in un’intervista rilasciata al South China Morning Post, sottolineando come il potere economico e politico cinese possa spingere Mosca a conformarsi alle norme internazionali.  “E’ uno Stato molto potente, è un’economia potente. Quindi può influenzare politicamente ed economicamente la Russia, ha aggiunto il leader ucraino.

11.44 – E’ auspicabile che l’accordo che ha sbloccato l’esportazione di grano ucraino attraverso corridoi sicuri nel Mar Nero porti a un “completo cessate il fuoco” nel conflitto tra Mosca e Kiev. Lo ha detto il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, citato da Anadolu. Il 22 luglio è stata siglata a Istanbul l’intesa tra Turchia, Ucraina, Russia e Onu per l’esportazione di cereali e altri prodotti alimentari simili e lunedì mattina è partita da Odessa una nave mercantile con 27mila tonnellate di cereali, la prima da quando l’Esercito di Mosca ha invaso l’Ucraina, il 24 febbraio. Dopo essere stata ispezionata a Istanbul da rappresentanti turchi, ucraini, russi e dell’Onu, ieri pomeriggio la nave si è rimessa in viaggio verso Tripoli in Libano.

Guerra Russia Ucraina, Kuleba: “Prossime navi cariche di grano pronte a partire”

Mosca Kiev cereali
Guerra Russia Ucraina, Kuleba: “Prossime navi cariche di grano pronte a partire”

09.19 – Il vice Primo Ministra ucraino Irina Vereshchuk ha confermato l’evacuazione, tra lunedì e oggi, di 821 residenti di Donetsk. Tra questi si registrano 185 bambini e 50 persone con mobilità ridotta. Gli evacuati sono stati smistati nelle Regioni centrali ucraine, lontane dal fronte, tra Kirovograd, Poltava, Rivne, Vinnistia e Zhitomir. La scorsa settimana Vereshchuk ha annunciato che il Governo di Kiev aveva iniziato i preparativi per l’evacuazione obbligatoria della Regione, prima dell’inverno, a causa della distruzione quasi totale delle infrastrutture necessarie al riscaldamento. Lo riporta Ukrinform.

09.09“Le prossime navi con grano ucraino sono cariche e pronte a partire. Se la Russia manterrà i suoi impegni nell’ambito dell’iniziativa sui cereali mediata dalle Nazioni Unite, raggiungerà i clienti stranieri e aiuterà a contenere i prezzi dei generi alimentari e scongiurare la fame”. Così in un tweet il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. L’Ucraina resta impegnata a combattere l’insicurezza alimentare globale, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 162esimo giorno di conflitto

Il conflitto tra Mosca e Kiev giunge al 162esimo giorno, dopo la nave Razoni, salpata dal porto di Odessa e diretta verso Tripoli in Libano, anche le prossime imbarcazioni cariche di grano ucraino sono pronte a partire.

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 162esimo giorno di conflitto

Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ribadito su Twitter che “se la Russia manterrà gli impegni assunti nell’ambito dell’iniziativa sui cereali mediata dalle Nazioni Unite, il grano raggiungerà i clienti stranieri e contribuirà a contenere i prezzi dei prodotti alimentari e a scongiurare la fame”. “L’Ucraina rimane impegnata a combattere l’insicurezza alimentare globale, ha aggiunto. Il Cremlino ha comunicato di ritenere l’Amministrazione Biden “direttamente responsabile” dell’uccisione di civili per aver approvato bersagli colpiti dalle Forze Armate ucraine con missili di fabbricazione americana. Intanto Mosca avverte: “Pronti a negoziare ma alle nostre condizioni”.