Serie A, si torna indietro: DAZN nella bufera | Cosa cambierà da metà agosto

L’inizio del campionato di serie A è alle porte. Tra poco più di una settimana il via. Prima del calcio di inizio potrebbe arrivare una novità importante per tutti i tifosi italiani.

Il campionato della massima serie si potrà seguire su un’unica piattaforma.

A breve potrebbero esserci novità per tutti i tifosi di calcio

Dopo la presentazione hollywoodiana di Paulo Dybala a Roma c’è grande attesa di vederlo in campo con la sua nuova squadra. Attesa anche per tutti gli appassionati di fantacalcio, che non vedono l’ora di rimettersi in gioco e provare a vincere il loro campionato. Le grandi manovre sono già iniziate tra gli aspiranti fanta-allenatori che non vedono l’ora di ammirare i “loro” talenti aspettando che producano bonus a più non posso.

E in questo caso giocherà un ruolo importante anche come e dove vedere all’opera tutte le squadre. Proprio su questo aspetto, presto, c’è una novità importante.

Serie A, Tim  rinuncia all’esclusiva. Accordo Sky-Dazn vicino, tutto il campionato sulla piattaforma satellitare

La serie A si potrà vedere su un’unica piattaforma. Tim e Dazn, infatti, hanno chiuso l’accordo sulla non esclusività della trasmissione del campionato di massima serie italiano.

Serie A, il 13 agosto si parte con una novità Tv. Dazn e Sky potrebbero trasmettere il campionato su un’unica piattaforma

Il cda di Tim in queste ore ha analizzato i dossier aperti. Sul tavolo anche la revisione dell’accordo con Dazn sulla quale la discussione era aperta da mesi. Dazn e Tim hanno  firmato l’accordo per la fine del loro rapporto di esclusiva: gli appassionati di calcio e sport dunque ora potranno vedere i contenuti su più piattaforme. Lo apprende l’ANSA. L’accordo di distribuzione per la trasmissione dei contenuti sportivi apre allo sbarco della piattaforma Dazn su Sky. I tifosi infatti potranno continuare a seguire le partite su TimVision ma la nuova strategia di mercato apre le porte agli altri player.

Tim dovrebbe ottenere uno sconto che secondo i rumors si aggira tra i 90 e i 100 milioni. E qui entra in gioco Sky che pagherebbe, secondo i rumors, alcune decine di milioni all’anno a Dazn. Sky, che al momento detiene i diritti di tre partite a giornata, nel caso di accordo tra Tim e Dazn avrà la possibilità di trasmettere sulla propria piattaforma, SkyQ, anche le restanti partite appartenenti a Dazn. In questo caso, potrebbe nascere un unico abbonamento. Quest’ultimo potrebbe essere venduto a una cifra inferiore rispetto alla somma dei due abbonamenti di Sky e Dazn.

La Lega Serie A, intanto, resta alla finestra, pronta a bandire le gare per gli highlights a pagamento della Serie A per le stagioni 2022/23 e 2023/24. Sky infatti attualmente non può trasmettere gli highlights delle 7 gare in esclusiva su Dazn, ma una partnership tra le due società potrebbe portare la Lega a rimettere a bando i diritti per gli stessi highlights delle partite.

Su tutto vigila l’Antitrust, che ha concluso il procedimento cautelare sull’accordo per la visione delle partite del campionato di calcio di Serie A nel triennio 2021-2024 soddisfatto delle nuove misure presentate dai due operatori che mirano, nel loro complesso, ad evitare possibili discriminazioni. In particolare sin dal primo agosto hanno annunciato che sarà possibile disporre dei contenuti Dazn con TimVision senza la necessità di dover sottoscrivere un abbonamento con Tim. Ma, avverte l’Agcom, l’Autority continuerà a monitorare l’effettiva implementazione delle misure prospettate.