Federica Pellegrini, matrimonio a rischio | Spunta il tradimento: la confessione inedita

Federica Pellegrini sta per sposarsi con Matteo Giunta, suo ex allenatore, ma le nozze sono a rischio dopo una confessione intima.

Federica Pellegrini è pronta a sposarsi: la campionessa di nuoto, uscita definitivamente dalla vasca, si gode questi mesi per cercare di capire cosa l’aspetta dopo una florida carriera nell’agonismo sportivo. La televisione rimane un’opzione, ma non è l’unica per la Divina che intanto prepara il matrimonio.

Federica Pellegrini
Federica Pellegrini, matrimonio in bilico (ANSA)

Vuole convolare a giuste nozze con Matteo Giunta, suo ex allenatore, ma la vita sentimentale passata non smettere di inseguirla. La campionessa, infatti, ha avuto diversi partner prima di trovare quello giusto. Nulla di strano, anzi. La particolarità, però, è che gli ex tornano sempre a galla (per restare in tema acquatico) anche se questo succede persino se non nuoti e non sei famoso come la campionessa.

Federica Pellegrini, nozze in bilico: c’è di mezzo un tradimento

Nel caso specifico a fare di nuovo capolino nella sua vita ci ha pensato Luca Marin. Sono stati anni insieme, poi la relazione è finita: il collega della Divina torna a parlare nella trasmissione Rivelo e racconta a Lorella Boccia come lui avesse intenzioni serie. “Volevo chiederle di sposarmi – racconta – stavamo vivendo un momento difficile, una pausa di riflessione, sono entrato in camera d’albergo durante gli Europei e l’ho trovata al letto con Filippo Magnini”.

Pellegrini Federica
La campionessa in crisi (ANSA)

Ora il nuotatore è marito di Giorgia Palmas, ma all’epoca (non molti anni fa) il dettaglio fece scalpore. Quasi nessuno, però, sapeva del tradimento da parte di lei. Ora bisogna vedere da che parte sta la verità: la cronaca televisiva riporta solo la versione di Marin, ma tanto basta magari per far vacillare Giunta.

Certo il loro rapporto è solido, ma sapendo determinati particolari qualche domanda sorge spontanea. Tuttavia restano supposizioni che non possono – né dovrebbero – intaccare un’unione solida. Quella di Marin, invece, resta una ferita aperta: non basterà un po’ d’acqua, malgrado sia nuotatore, per lavarla via.