Marmolada, figuraccia di Rosolino | Il campione costretto a chiedere scusa: la gaffe è clamorosa

Marmolada, la tragedia di Canazei ha scosso appassionati e non: al centro della vicenda anche Rosolino, spiacevole gaffe del nuotatore.

Marmolada, le vite si spengono e le lacrime aumentano. Nella tragedia anche un dettaglio può diventare la miccia per il risentimento. Quel che è successo nei giorni scorsi resta sotto gli occhi di tutti: una valanga, le vite al limite, i ricordi che affiorano e la malinconia che imperversa. Un clima surreale, mentre i pochi ancora speranzosi confidano di ritrovare un proprio caro per credere ancora che una parvenza di serenità sia possibile.

Massimiliano Rosolino
Massimiliano Rosolino al centro di una gaffe (ANSA)

In questo clima gelido nonostante le temperature bollenti, si colloca Massimiliano Rosolino. Il celebre campione di nuoto viene coinvolto – suo malgrado – in una vicenda incredibile: l’uomo posta una fotografia dove sorride e mette la didascalia “Chi non ride non vince”. Sembra una foto come tante, ma i più attenti scorgono la Marmolada alle sue spalle. Una situazione paradossale. Si susseguono immediatamente i commenti: “Ti sembra il momento?”, scrive un utente. Rosolino non realizza, quando arrivano le prime notizie sulla tragedia si scusa.

Marmolada, che gaffe di Rosolino: il nuotatore si scusa

“Ho realizzato ora quello che sta succedendo. La foto è di qualche giorno fa – racconta – non immaginavo che sarebbe potuto accadere questo”. Non lo pensava nessuno, ma la sostanza è che il nuotatore ha pubblicato una foto sbagliata nel momento peggiore e, quindi, fa dietrofront. Corregge il tiro dopo che gli eventi hanno preso il centro della scena: sarebbe stato meglio continuare a parlare di sorrisi, ma il destino ha voluto altro.

Massimiliano Rosolino, la terribile gaffe – Foto rete

La speranza è che si possa tornare presto a farlo. Le famiglie delle vittime, ormai, percepiscono la felicità come utopia: non resta che rifugiarsi nella consapevolezza che il tempo, quando vuole, sa essere galantuomo. Non come alcuni follower, che hanno preferito veicolare campagne d’odio persino di fronte a una tragedia così: la Marmolada parla avvolta  nel suo silenzio tombale.