Giorgia Meloni, la scoperta con il test del Dna non lascia dubbi| E su Draghi e Salvini dice…

Giorgia Meloni si racconta a Sette, il settimanale del Corriere della Sera. La rivelazione sul test del DNA della leader di Fratelli d’Italia: “Il mio problema è…”

Una lunga intervista, un racconto a 360° gradi in cui la leader del primo partito italiano (così Fratelli d’Italia secondo i sondaggi) rivela i lati caratteriali della Meloni “segreta”.

giorgia meloni
Giorgia Meloni, la scoperta con il test del Dna non lascia dubbi| E su Draghi e Salvini dice…

“La verità è che io sono un soldato. Qualunque cosa stia facendo, penso sempre che vorrei essere da un’altra parte”. Solida, elettrica, instancabile, in 5 anni è diventata mamma, numero uno del Partito Conservatore europeo e ha portato Fratelli d’Italia nei sondaggi di gradimento dal 3 al 22%. E la spiegazione di tanta tenacia (e irrequietezza) è sorprendente: “E’ scritto nero su bianco, sul test del DNA che ho appena fatto, e che mi permetterà di migliorare con specifici integratori. Ho i valori massimi di adrenalina e dopamina, fondamentali per l’eccellenza e la resistenza, ma minimi di serotonina, che permette l’adattamento. E’ come se non fossi mai serena, come se volessi stare sempre in un altro posto…”, rivela Meloni. Ed è proprio quel sentirsi sempre “inadeguata”, quella sensazione di aver “sfangato in qualche modo l’esame di maturità”, a spingere la leader di FdI ad affrontare e (spesso) vincere sfide dall’alto coefficiente di difficoltà.

Giorgia Meloni su Draghi: “Capace e intelligente ma non miracoloso”

Il messaggio lanciato agli alleati del centrodestra è netto: momenti diversi portano all’interno della coalizione equilibri diversi. E l’idea della Meloni su quelli futuri sembra piuttosto chiara.

giorgia meloni
Meloni su Draghi: “Capace e intelligente ma non miracoloso”

Diciamo che le reazioni che ho avuto io quando gli altri erano molto più forti di me, prima Berlusconi e poi Salvini, sono ben diverse da quelle che percepisco ora. Quasi di astio – spiega Meloni – non so se si tratti di misoginia, di antipatia, sicuramente c’è una rigidità innaturale. Poi però non credo che quella rigidità arriverà fino al sostegno a una ipotesi di proporzionale, che avrebbe come unico obiettivo quello di colpire e provare a isolare FdI, sottolinea. 

E alla domanda sulla distanza che la divide dal Premier Draghi Meloni risponde: Di lui penso quello che pensavo prima. Anzi un po’ peggio. Perché ha dimostrato che non si governa senza il Parlamento e non si governa senza gavetta. Anzi si rischia di perdere l’autorevolezza conquistata: è capace, è intelligente, ma non è miracoloso, conclude.