Guerra Russia Ucraina, le notizie di martedì 31 maggio 2022

Guerra Russia Ucraina. Le notizie di martedì 31 maggio 2022. Gli aggiornamenti sul conflitto.

Novantasettesimo giorno di guerra, prosegue l’avanzata dell’Esercito russo nel Lugansk: si stringe la morsa attorno a Severodonetsk, dove ieri è stato ucciso un giornalista francese. La città dell’Ucraina orientale è ormai prossima alla resa: infuria la battaglia, combattimenti in strada.

Guerra Russia Ucraina, notizie di martedì 31 maggio 2022

Intanto l’Unione europea raggiunge l’accordo sull’embargo al petrolio russo, parte del sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca. L’intesa sarà finalizzata domani a Bruxelles con lo stop immediato al greggio che arriva dalla Russia in Europa via mare, rinviato invece l’embargo al petrolio trasportato da oleodotti. Il Consiglio Ue è pronto a mettere sul piatto 9 miliardi per la ricostruzione dell’Ucraina ma Biden smentisce l’invio a Kiev di missili Usa in grado di raggiungere il territorio russo.

22.37 – “Data la presenza di una produzione chimica su larga scala a Severodonetsk, gli attacchi dell’esercito russo lì, compresi i bombardamenti aerei alla cieca, sono semplicemente folli. Ma nel 97/o giorno di una tale guerra, non sorprende più che per l’esercito russo, per i comandanti russi, per i soldati russi, qualsiasi follia sia assolutamente accettabile“. Lo ha detto in un discorso video sui social il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, citato dall’Ukrainska Pravda, dopo il raid denunciato oggi da Kiev contro un serbatoio di acido nitrico in un impianto chimico di Severodonetsk.

22.28 – “La situazione nella direzione del Donbass è molto complicata. Severodonetsk, Lysychansk, Kurakhove sono ora l’epicentro dello scontro“. Lo ha detto in un discorso video sui social il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, citato dall’Ukrainska Pravda.

22.22 – “Abbiamo alcuni successi nella direzione di Kherson, così come progressi nella regione di Kharkiv. Le forze armate ucraine stanno frenando la pressione degli occupanti nella regione di Zaporizhzhia“. Lo ha detto nel suo consueto discorso serale sui social il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, citato dall’Ukrainska Pravda. L’esercito di Kievrimane padrone della situazione in prima linea, nonostante il fatto che l’esercito russo abbia ancora un vantaggio significativo in termini di equipaggiamento e numero“, ha aggiunto Zelensky.

21.45 – “Siamo stati chiari sin dal primo giorno che avremmo assicurato il sostegno all’Ucraina per difendersi dagli attacchi russi nei propri confini e che avremmo dato loro gli strumenti per farlo. E’ altrettanto chiaro che non daremo agli ucraini gli strumenti per attaccare i russi in Russia. Joe Biden è stato molto chiaro, non prenderemo parte a nessuna guerra ma sosteniamo gli ucraini per salvaguardare la loro integrità territoriale“. Lo ha detto l’ambasciatrice americana all’Onu Linda Thomas-Greenfield rispondendo a una domanda sulla fornitura di armi degli Usa a Kiev.

21.36 – “Infine, abbiamo i dettagli del sesto pacchetto di sanzioni dell’Unione europea contro la Russia per questa guerra. Gli elementi chiave del pacchetto sono già chiari e, soprattutto, la sua direzione. I Paesi europei hanno deciso di limitare in modo significativo le importazioni di petrolio dalla Russia. E sono grato a tutti coloro che hanno lavorato per raggiungere questo accordo“. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto intervento video serale, diffuso su Telegram.Il risultato pratico è decine di miliardi di euro in meno, che la Russia non potrà ora utilizzare per finanziare il terrorismo“, ha aggiunto.

21.30 – “Avremmo potuto finire rapidamente l’operazione militare speciale, ma abbiamo scelto di non sacrificare le vite dei civili“. Lo ha dichiarato stasera la presidente del Consiglio della Federazione russa (la Camera alta di Mosca) Valentina Matviyenko, citata da Interfax, in un incontro con il presiedente del Mozambico a Maputo. Matviyenko ha poi accusato Kiev di non aver accettato su spinta di forze “esterne” un “accordo che era utile all’Ucraina e alla Russia e che era quasi pronto“, la cui “principale precondizione era che l’Ucraina restasse uno Stato non allineato e neutrale come l’Austria“.

21.28 – L’invio di sistemi missilistici a Kiev è ancora sotto esame ma l’amministrazione non vuole inviare razzi a lungo raggio che possano andare oltre l’Ucraina, colpendo la Russia: lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

21.17 – Il governo di Kiev si augura che il presidente francese Emmanuel Macron si rechi in visita in Ucraina prima della fine del semestre di presidenza francese del Consiglio Ue, il 30 giugno. Lo ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.E’ benvenuto in qualsiasi momento. Sarebbe un bene che venga durante la presidenza francese dell’Ue, e sarebbe ancora meglio se venisse con altre forniture di armi per l’Ucraina, è questo l’aiuto più prezioso che possiamo ricevere dalla Francia“, ha detto Kuleba in un’intervista alla tv francese Lci.

21.07 – Gli Usasostengono la mediazione dei nostri alleati turchi” nella crisi ucraina, in particolare relativamente alla definizione di rotte su cui indirizzare le esportazioni di cereali. Lo ha detto nel briefing quotidiano il portavoce del dipartimento di Stato americano, Ned Price.

20.38 – E’ di 4 civili uccisi e 7 feriti il nuovo bilancio dei bombardamenti di oggi nella regione di Donetsk. Lo ha affermato il governatore Pavlo Kyrylenko, citato da Unian, secondo cui oltre ai 3 morti già segnalati in un attacco missilistico a Sloviansk c’è anche un’altra vittima a Raigorodko.

20.33 – “Siamo particolarmente preoccupati dalle mosse della Russia per sottrarre sovranità all’Ucraina, soprattutto nella zona di Kherson“. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, in un briefing con la stampa, ribadendo che l’obiettivo iniziale del Cremlinodi conquistare territorio ucraino è un completo fallimento“.

20.12 –  “Non ho visto il piano di pace italiano, ma ne sono a conoscenza. Sosteniamo tutti gli sforzi fatti da chiunque per trovare una soluzione pacifica per il popolo ucraino che sia accettabile per loro. E l’iniziativa italiana è una di quelle che sicuramente vorremmo portasse ad una conclusione della guerra e dell’orribile attacco all’Ucraina“. Lo ha detto l’ambasciatrice americana all’Onu Linda Thomas-Greenfield rispondendo ad una domanda dell’ANSA sul piano di pace proposto dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

19.40 – La madre di Fre’de’ric Leclerc-Imhoff, giornalista dell’emittente francese Bfmtv ucciso in Ucraina dall’esercito russo, ha risposto con un comunicato a un leader separatista della Repubblica popolare di Lugansk che tramite l’agenzia di stampa Tass ha definito il reporter un “mercenario impegnato nella consegna di armi alle forze armate“, dicendosi “nauseata” da quanto letto. “Voi cercate vigliaccamente di scagionarvi, ma sappiate che non riuscirete mai a infangare la sua memoria. Tutti qui conoscono il suo impegno professionale e personale per la democrazia, per il rispetto umano e soprattutto per un’informazione libera, imparziale e onesta, tutte nozioni che sembrano ben lontane da ciò che vi anima“, ha continuato la donna.

19.20 – L’embargo dell’Unione europea sulle importazioni di petrolio russo via mare scatterà tra otto mesi. Questo quanto si apprende a Bruxelles al termine della due giorni di vertice straordinario dei leader europei. Alcune eccezioni speciali saranno concesse alla Repubblica Ceca per 18 mesi e fino al 2024 per la Bulgaria.

19.05 –Quando passano oltre 50 giorni tra il quinto e il sesto pacchetto di sanzioni la situazione non è accettabile per noi“. Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, salutando l’approvazione del nuovo pacchetto di sanzioni Ue, ha criticato il ritardo con cui è stato approvato, durante la conferenza stampa a Kiev con la presidente della Slovacchia, Zuzana Caputova.

18.40 – L’Unione europea, a quanto si apprende da fonti europee, sta valutando la possibilità di introdurre dazi al petrolio russo in arrivo via oleodotti nel caso in cui non si arrivasse ad un accordo chiaro sulla scadenza delle deroghe prevista dall’intesa al vertice europeo per Paesi che non hanno sbocco sul mare. In particolare le deroghe riguardano gli Stati dove arriva l’oleodotto Druzhba, tra i quali l’Ungheria. Le stesse fonti spiegano che, al momento, si tratta di una mera ipotesi e che non c’è ancora alcuna proposta scritta a riguardo.

18.10 –L’accordo è stato un successo, perché immaginare di essere uniti su un embargo di circa il 90% del petrolio russo, fino a qualche giorno fa, non sarebbe stato credibile. È stato un successo completo“. Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa dopo il Consiglio Ue.

17.55 – Il rivale numero uno di Vladimir Putin, Alexei Navalny, afferma che nei suoi confronti è stato aperto un nuovo procedimento penale: lo riportano Novaya Gazeta Europa e la Bbc in russo, citando un post pubblicato su internet dall’oppositore, ora in carcere per accuse ritenute palesemente di matrice politica. Secondo Novaya Gazeta Europa, Navalny dice di essere accusato di creazione di “un gruppo estremista“, con lo scopo di “incitare all’odio nei confronti di funzionari e oligarchi“.

17.35 – Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto che i recenti negoziati tra Russia e Turchia sull’export del grano dall’Ucraina hanno prodotto “risultati positivi”. “Spero che nei prossimi giorni o settimane si possa risolvere questa situazione“, ha aggiunto a conclusione del vertice Ue. Macron ha aggiunto di aver proposto al suo omologo Vladimir Putin di votare una risoluzione all’Onu per revocare il blocco russo al porto di Odessa e così rendere possibile l’esportazione il grano ucraino rinchiuso nei silos. “Bisogna dare garanzie agli ucraini che le loro navi non siano attaccate: a questo punto siamo in attesa della risposta russa e in contatto continuo con il segretario generale dell’Onu“, Antonio Guterres.

17.20 – L’embargo petrolifero verso la Russia è stata una decisione “consensuale” degli Stati dell’Ue, “una decisione che accolgo con favore“. Lo ha detto Olaf Scholz a Bruxelles al termine del vertice Ue. “Il passo serve a garantire che la Russia ponga fine alla guerra in Ucraina e si ritiri dal Paese“, ha aggiunto il cancelliere tedesco.

17.05 – Erano minati i cadaveri dei 152 militari ucraini uccisi nel corso dell’assedio all’acciaieria Azovstal di Mariupol e trovati dalle forze armate russe dopo la resa dei difensori dello stabilimento. Lo ha reso noto il ministero della Difesa a Mosca, che parla di “provocazione” da parte di Kiev. Lo riferiscono le agenzie russe.

17.00 –In questo scenario, ci appelliamo a tutti i nostri partner a non restringere il mercato globale dei prodotti agroalimentari. Quindi ogni tipo di limitazione commerciale non ha assolutamente senso“. Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nella conferenza stampa al termine del Consiglio europeo. “Stiamo lavorando sulle linee di solidarietà per far uscire via terra i cereali” dall’Ucraina. “Non è facile, è costoso e tedioso, ma va fatto“, ha spiegato. “Ora è importante andare incontro alle popolazioni vulnerabili. Per questo proponiamo di mobilitare risorse del Fondo europeo per lo sviluppo per sostenere, ad esempio, l’Africa SubSahariana“, ha continuato la presidente.

16.40 –Le sanzioni nei confronti della Russia sono volte a portare ad una soluzione pacifica con l’Ucraina“. Lo ha detto Olaf Scholz a Bruxelles, al termine del vertice Ue.  Il vertice, così il cancelliere tedesco, ha inviato “un forte segnale di unità“.

16.30 “L’accordo” sull’embargo al petrolio russo “è stato un successo”. Lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio Mario Draghi nella conferenza stampa al termine del vertice Ue a Bruxelles. “Immaginare di essere uniti su un accordo che sostanzialmente mette l’embargo su circa 90% petrolio russo – prosegue Draghi – dirlo qualche giorno fa non sarebbe stato credibile. Direi un successo incredibile”, conclude.

16.28 – Il Parlamento ucraino ha licenziato con un voto di sfiducia la commissaria parlamentare per i diritti umani Lyudmila Denisova, con 234 voti favorevoli. Lo ha annunciato il Deputato Yaroslav Zheleznyak sul suo canale Telegram.

16.22 “Il sesto pacchetto di sanzioni morde forte, distruggerà la capacità di Vladimir Putin di finanziare la sua guerra”. Queste le parole della Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen al termine del Consiglio europeo straordinario.

Guerra Russia Ucraina, Zakharova: “Diplomazia Ue come Torre di Pisa, famosa per il suo fallimento e produce reddito”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Zakharova: “Diplomazia Ue come Torre di Pisa, famosa per il suo fallimento e produce reddito”

16.12Il simbolo della diplomazia dell’Ue dovrebbe essere la Torre pendente di Pisa, che attrae per il suo fallimento, ma è popolare e produce reddito ai suoi proprietari”. E’ la provocazione con cui la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato le dichiarazioni dell’Alto rappresentante per la politica estera europea Josep Borrell che ha riferito del possibile ingresso del patriarca Kirill nella lista delle sanzioni dei 27.

16.05 – Le Autorità della Regione di Kherson nel prossimo futuro intendono avviare le pratiche per l’adesione alla Federazione Russa. Lo ha annunciato alla TASS il vice capo dell’Amministrazione militare-civile regionale Kirill Stremousov.

Guerra Russia Ucraina, Medvedev: “Sanzioni a Mosca colpiscono gente comune”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Medvedev: “Sanzioni a Mosca colpiscono gente comune”

15.56Le sanzioni occidentali contro la Russia puntano in realtà a colpire “i cittadini comuni”. Lo ha detto l’ex Presidente russo Dmitry Medvedev. Le sanzioni imposte a Mosca sono rivolte “contro i cittadini comuni” e cercano di crear loro difficoltà nella vita di tutti i giorni, ha scritto in un messaggio su Telegram.

15.47 –  Colloquio telefonico tra il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ed il Segretario di Stato americano Antony Blinken. Lo rende noto su Twitter la Farnesina, che spiega come il colloquio sia stato incentrato sulla “solidità del partenariato bilaterale e transatlantico, sull’Ucraina, sullo stretto coordinamento sul conflitto e il sostegno a Kiev, e sulle comuni iniziative per la sicurezza alimentare e la tutela delle catene di approvvigionamento globali”.

Guerra Russia Ucraina, Zelensky pronto a incontro con Putin

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Zelensky pronto a incontro con Putin

15.36 – Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accettato la proposta dell’omologo turco Recep Tayyip Erdogan di organizzare un incontro con il Presidente russo Vladimir Putin. Lo ha riferito il portavoce del Presidente ucraino Serhiy Nikiforov, citato dall’edizione ucraina del quotidiano Vesti.

15.22 “Il gas naturale ha un ruolo diverso nell’approvvigionamento energetico rispetto al petrolio, sul quale si può trovare un’alternativa a quello russo molto più facilmente”, ma “il gas è una storia diversa e quindi l’embargo sul gas non sarà un tema in discussione. Lo ha dichiarato il Cancelliere austriaco Karl Nehammer nella seconda giornata del vertice Ue.

Guerra Russia Ucraina, Lavrov: “Mosca si sta impegnando a risolvere il problema alimentare”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Lavrov: “Mosca si sta impegnando a risolvere il problema alimentare”

13.25La Russia sta facendo di tutto per risolvere il problema della sicurezza alimentare. Lo ha affermato il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in una conferenza stampa a seguito dei colloqui con il Ministro degli Esteri del Bahrain Abdel Latif bin Rashed al-Zayani.

“Le iniziative sul tema della sicurezza alimentare dovrebbero essere decise tenendo conto del fatto che la parte russa garantisce da tempo tutto ciò che dipende da noi – spiega Lavrov – ma i Paesi occidentali, che hanno creato molti problemi artificiali con la chiusura dei loro porti per le navi russe, con la soppressione delle catene logistiche e finanziarie, dovrebbero, ovviamente, pensare seriamente a ciò che è più importante per loro”, conclude. Lo riporta la TASS.

13.11 – Per sbloccare le navi cariche di grano nei porti ucraini è necessario che “il Governo di Kiev smini le sue acque territoriali. Lo ha detto il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, in conferenza stampa durante una visita in Bahrein. “Se Kiev risolve il problema dello sminamento dei porti, la Marina russa garantirà il passaggio senza ostacoli delle navi con grano nel Mediterraneo quando saranno in mare aperto”, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, Michel: “Mosca utilizza il cibo come arma di guerra”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Michel: “Mosca utilizza il cibo come arma di guerra”

11.48 “I russi stanno portando via l’acciaio da Mariupol occupata”. Lo ha denunciato su Twitter il consigliere del Ministro dell’Interno ucraino Anton Gerashchenko. “Lo stanno caricando su navi ucraine (che a loro volta hanno rubato, rinominato e a cui hanno cambiato bandiera) e lo portano in Russia – precisa Gerashchenko – stanno prendendo tutto quello che possono, ma devono capire che non resteranno lì a lungo”, conclude.

11.39La Russia sta usando il cibo come arma di guerra. Distruggere i raccolti, bloccare tonnellate di grano, rischiare la carestia globale. L’Ue non risparmia sforzi per sbloccare le esportazioni dell’Ucraina via terra e per esplorare rotte marittime alternative”. Lo scrive su Twitter il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Guerra Russia Ucraina, Borrell: “Ora Ue diventi anche potenza militare”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Borrell: “Ora Ue diventi anche potenza militare”

11.19L’evacuazione dei civili da Severodonetsk, nella regione di Luhansk, è stata sospesa a causa dei combattimenti in corso in città. Lo ha dichiarato alla tv ucraina il responsabile dell’Amministrazione cittadina Oleksandr Stryuk. “La città è ancora in mano agli ucraini e sta combattendo. Ma non è possibile procedere con le evacuazioni a causa dei combattimenti”, ha spiegato Stryuk.

11.11“Occorre rendere l’Ue più forte nel mondo anche dal punto di vista militare”. Lo ha detto l’Alto rappresentante dell’Unione europea per la Politica estera Josep Borrell al suo arrivo al vertice Ue. “Quello che abbiamo imparato dalla guerra in Ucraina – prosegue Borrell – è che non sono abbastanza il commercio, lo Stato di diritto ed essere una potenza civile. Dobbiamo essere anche una potenza militare, conclude.

Guerra Russia Ucraina, colloquio Erdogan-Zelensky: “Ripristinare la pace”

Diretta guerra Russia Ucraina
Diretta guerra Russia Ucraina, colloquio Erdogan-Zelensky: “Ripristinare la pace”

11.01 – Il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si recherà in Turchia l’8 giugno per discutere la creazione di “corridoi sicuri” per il trasporto del grano ucraino. Lo ha annunciato il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu.

10.49 Colloquio telefonico Zelensky-Erdogan. “Continua il dialogo con il Presidente turco Erdogan. Discusse le minacce alla sicurezza alimentare poste dall’aggressore e i modi per sbloccare i porti ucraini. Discusso sulla cooperazione in ambito sicurezza. Concordato in modo unanime sulla necessità di ripristinare la pace. Apprezziamo l’aiuto turco in questo processo”, ha spiegato Zelensky su Twitter.

Guerra Russia Ucraina, Macron: “Entro fine 2022 stop a 90% importazioni petrolio di Mosca”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Macron: “Entro fine 2022 stop a 90% importazioni petrolio di Mosca”

10.37“La Russia ha scelto di continuare la sua guerra in Ucraina. Stanotte, come europei, uniti e solidali con il popolo ucraino, prendiamo nuove sanzioni decisive. Abbiamo deciso di interrompere l’importazione del 90% del petrolio russo entro la fine del 2022. Così su Twitter il Presidente francese Emmanuel Macron.

10.27 – Sono 30.500 i soldati russi uccisi durante i primi 97 giorni di guerra in Ucraina. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate di Kiev, diffuso su Twitter. Secondo il resoconto dei militari ucraini, sono stati distrutti 1358 carri armati russi, 3302 mezzi corazzati e 649 sistemi d’artiglieria. L’Esercito di Mosca ha perso inoltre 207 aerei, 174 elicotteri e 515 droni.

Guerra Russia Ucraina, Borrell: “Sul petrolio di Mosca grande passo avanti dell’Ue”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Borrell: “Sul petrolio di Mosca grande passo avanti dell’Ue”

10.19 Le Forze Armate russe hanno preso il controllo di metà Severodonetsk. Lo ha dichiarato il capo dell’Amministrazione militare di Severdonetsk Oleksandr Stryuk, citato dal Kyiv Independent, precisando che i militari ucraini continuano a difendere la città. Severodonetsk è diventato il punto focale dei combattimenti nel Donbass nelle ultime settimane.

10.10“Con l’accordo raggiunto ieri, tardi come sempre, interrompiamo l’acquisto di oltre il 90% del petrolio russo. E’ un grande passo avanti”. Lo ha detto l’alto rappresentante della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell al suo arrivo al vertice Ue. “Noi siamo i più importanti clienti. Ora Mosca deve cercarne altri, avranno meno risorse finanziarie per continuare la guerra, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, Michel: “Ue pronta a offrire a Kiev 9 miliardi di euro per ricostruzione”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Michel: “Ue pronta a offrire a Kiev 9 miliardi di euro per ricostruzione”

10.01La prima nave cargo partita dal porto ucraino di Mariupol è diretta in Russia. “Oggi 2.500 tonnellate di bobine di acciaio hanno lasciato il porto di Mariupol. La nave è diretta a Rostov sul Don. Lo ha dichiarato il capo dell’autoproclamata Repubblica polare di Donetsk Denis Pushilin, citato da Interfax. “Questo è il più grande porto del Mar d’Azov e l’unico in grado di trasbordare tutti i tipi di merci, anche in inverno”, ha aggiunto Pushilin.

09.55 – La Commissione europea “continuerà ad aiutare l’Ucraina per soddisfare i suoi bisogni immediati di liquidità, insieme al G7. L’Ue è pronta a offrire” a Kiev “9 miliardi di euro”, un “supporto forte e concreto per la ricostruzione dell’Ucraina”. Così su Twitter il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Guerra Russia Ucraina, Draghi: “Putin non deve vincere, ma dialogo è necessario”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Draghi: “Putin non deve vincere, ma dialogo è necessario”

09.41La Germania avrà presto “il più grande esercito d’Europa” tra i paesi della Nato. Lo ha affermato il Cancelliere tedesco Olaf Scholz in un’intervista a Neue Berliner Redaktionsgemeinschaft.  In questo modo, aggiunge Scholz, la sicurezza della Germania e dei suoi alleati sarebbe “significativamente rafforzata”. Lo riporta Ria Novosti.

09.22E’ essenziale che Putin non vinca questa guerra. Allo stesso tempo dobbiamo chiederci se può essere utile parlargli. Sono scettico dell’utilità di queste telefonate, ma ci sono ragioni per farle”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio Mario Draghi intervenendo al vertice straordinario del Consiglio europeo.

Guerra Russia Ucraina, Kiev: “243 bambini uccisi dall’inizio del conflitto”

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Kiev: “243 bambini uccisi dall’inizio del conflitto”

09.09“La Russia non deve vincere, ma non invieremo armi pesanti perché potrebbe offendere la Federazione russa. Putin deve perdere ma non imponiamo nuove sanzioni. Milioni di persone moriranno di fame, ma non siamo pronti per i convogli militari con il grano. L’aumento dei prezzi non è il peggiore che attende il mondo democratico con una tale politica”. Lo scrive su Twitter il Consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak.

09.03 – Sono 243 i bambini rimasti uccisi in Ucraina in oltre 3 mesi di conflitto, 446 quelli feriti. Lo rende noto l’ufficio del Procuratore generale ucraino, precisando che il maggior numero di vittime è stato registrato nelle Regioni di Donetsk, Kiev, Kharkiv e Chernihiv.

Guerra Russia Ucraina, cronaca del novantasettesimo giorno di conflitto

Il conflitto tra Mosca e Kiev giunge al novantasettesimo giorno, l’Esercito russo avanza senza sosta nella Regione di Lugansk: si stringe la morsa attorno a Severodonetsk, dove ieri è stato ucciso un giornalista francese. Infuria la battaglia, si combatte per le strade: la città dell’Ucraina orientale è ormai prossima alla resa.

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, cronaca del novantasettesimo giorno di conflitto

Nel frattempo l’Unione europea ha raggiunto l’accordo sull’embargo al petrolio russo, parte del sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca. L’intesa sarà finalizzata domani a Bruxelles con lo stop immediato al greggio che arriva dalla Russia in Europa via mare, rinviato invece l’embargo al petrolio trasportato da oleodotti. Il Consiglio Ue è pronto a offrire 9 miliardi per la ricostruzione dell’Ucraina ma Biden smentisce l’invio a Kiev di missili Usa in grado di raggiungere il territorio russo.