Bollo auto, addio dal 31 ottobre: è tutto vero | Cosa bisogna sapere

Il bollo auto potrebbe cessare di esistere dal prossimo 31 Ottobre: l’annuncio ha esaltato gli automobilisti. Quanto c’è di vero.

Il bollo auto è sempre oggetto di dibattito fra evoluzioni e possibilità che potrebbero cambiare da un momento all’altro: diverse volte si è parlato della possibile abolizione, specialmente durante la pandemia. Poi si è optato per un calmiere di prezzi dopo lo stop momentaneo del saldo. Ora, secondo i rumors più recenti, si parla di un’abolizione del bollo auto a partire dal prossimo 31 Ottobre.

Bollo auto
Bollo auto, cambiamenti dal 31 Ottobre (ANSA)

Gli automobilisti si interrogano se sia vero o no: non si placano le segnalazioni all’ACI e le richieste di consulenza ad Altroconsumo per capire come agire in merito. Le contromisure arriveranno nelle prossime settimane, innanzitutto è possibile chiarire in maniera definitiva che il bollo auto non è stato cancellato in maniera definitiva: il saldo dovrà continuare ad esserci. Si parla, tuttavia, anche di stralcio. L’importante è capire a che proposito.

Bollo auto cancellato tra speranza e fake news: cosa cambia dal 31 Ottobre

Il prossimo 31 Ottobre partono i provvedimenti relativi al “Decreto saldo e stralcio”, di cui si è parlato ampiamente qualche mese fa in merito ai rincari agli autotrasportatori e automobilisti che dovranno già fronteggiare la mannaia del caro benzina. Il Governo, in accordo con il Ministero dei Trasporti, ha pensato bene di tirare una linea con il passato e abrogare le pendenze relative al bollo di tutti quei proprietari di auto che hanno contenziosi in essere dal 2000 al 2010.

Automobili bollo
Bollo, quando scatta lo stralcio (ANSA)

La cifra limite è di 5000 euro. Se questi criteri dovessero corrispondere, le pratiche cadranno automaticamente. Uno stralcio, appunto, che dovrebbe alleggerire il portafoglio di molti. Anche se la strada da fare è ancora lunga. L’automobile, che nasce come un’esigenza, sta diventando un bene di lusso. L’auspicio resta calmierare i prezzi in attesa di altre novità.