Omicidio Salvatore Martino, svolta nelle indagini | Come è stato incastrato il presunto assassino

L’omicidio del 38enne Salvatore Martino ucciso nel dicembre 2021 è ad una svolta. Le indagini hanno portato all’arresto del presunto assassino. Ecco come è stato incastrato il giovane. 

L’omicidio di Salvatore Martino, il ragazzo di 38 anni che nel dicembre del 2021 in provincia di Trapani fu picchiato e ucciso, sembra ora essere ad una svolta conclusiva. Ne sono convinti gli inquirenti che da tempo indagano sul caso.

Omicidio Salvatore Martino
Omicidio Salvatore Martino, svolta nelle indagini, arrestato presunto assassino (Ansa)

Attraverso intercettazioni telefoniche e le immagini delle telecamere di sicurezza, i carabinieri di Trapani e la polizia hanno trovato prove contro un giovane, sarebbe accusato di aver ucciso il 38enne.

Lo stato di fermo del presunto assassino è avvalorato anche dalla conferma delle tracce biologiche rinvenute sulla scena del crimine: per gli investigatori lo collegano in modo preciso alla vittima. Il caso di Salvatore Martino, trovato morto lo scorso 26 dicembre 2021 ad Erice, (Trapani) dopo essere stato pestato fino a perdere la vita era un giallo. Oggi, gli investigatori hanno arrestato un ragazzo considerato il presunto omicida.

Omicidio Salvatore Martino, svolta nelle indagini: arrestato il presunto assassino

I carabinieri e la polizia siciliana hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip del tribunale per i minorenni di Palermo nei confronti del giovane, minorenne all’epoca dell’omicidio. L’accusa a suo carico è di omicidio. 

Omicidio Martino
Omicidio Salvatore Martino, svolta nelle indagini. Arrestato presunto assassino (Ansa)

Il corpo privo di vita di Salvatore Martino era stato trovato all’interno della sua abitazione in contrada Pegno nel comune di Erice. Gli inquirenti, dopo aver messo al vaglio tutte le immagini delle telecamere dei sistemi di video sorveglianza nonché analizzato a fondo i tabulati telefonici e le tracce biologiche rinvenute nel luogo del delitto, sono giunti al presunto assassino.

Non meno importanti anche le testimonianze di alcuni abitanti della zona che hanno aiutato le indagini a proseguire nel riconoscimento della verità. Secondo la ricostruzione degli agenti, Salvatore Martino e il presunto assassino quella sera si sarebbero recati insieme presso l’abitazione della vittima dove poi è avvenuto l’omicidio per consumare della droga.

Successivamente sarebbe scoppiata una lite tra i due degenerata, infine, nell’omicidio. Al momento, il ragazzo accusato è stato condotto presso il carcere Minorile Malaspina di Palermo.