Disabili lasciati giù dal treno: il motivo è surreale | La ministra Stefani condanna: “Diciamo la verità”

La brutta vicenda accaduta sul regionale Genova-Milano ha avuto come protagonisti un gruppo di disabili costretti a scendere dal treno. La denuncia della ministra Stefani: “Persone con #disabilità cacciate dal treno, chiamiamo le cose con il loro nome e condanniamo questo gesto”

Lo spiacevole fatto è accaduto sulla tratta ferroviaria che lega Genova a Milano. Un gruppo di 27 persone con disabilità è stato costretto ad abbandonare il treno poiché alcuni turisti hanno rifiutato di lasciare il posto a sedere riservato alle persone con handicap.

Dopo l’accaduto i legali di Assoutenti hanno fatto un esposto alle procure di Genova e di Milano con l’ipotesi di violenza privata.

disabili treno
Disabili cacciati dal treno, la denuncia della ministra Stefani (Ansa)

All’esposto avanzato da Assoutenti si aggiunge la denuncia social della ministra Erika Stefani: “L’inclusione è una battaglia che ci vede tutti uniti ed episodi del genere vanno stigmatizzati all’unanimità, altrimenti avremo perso tutti. Per fortuna ci sono tante persone nel nostro Paese che rispettano i diritti delle persone con disabilità. È assurdo quanto accaduto sul treno Genova-Milano.”

Disabili fatti scendere dal treno | La denuncia social della ministra Stefani

“Si tratta di un episodio molto grave, un esempio di inciviltà e degrado morale che potrebbe realizzare un vero e proprio illecito di natura penale”. Alle parole del Presidente di Assoutenti Frurio Tuzzi riportate da Ansa, si aggiungono quelle del ministro per la Disabilità Erika Stefani.

disabili treno
Disabili, fatti scendere dal treno, la denuncia della ministra Stefani (Ansa)

“Ventisette persone con #disabilità cacciate dal treno, chiamiamo le cose con il loro nome e condanniamo questo gesto”.

Il gruppo composto da ragazzi disabili è stato cacciato dal treno regionale, assieme ai loro accompagnatori, anche se avevano i posti riservati. La motivazione? Alcuni turisti saliti prima di loro occupando i posti riservati ai disabili si sono rifiutati di cedere il posto.

Nonostante fossero stati sollecitati dalla polizia ferroviaria e dal personale di Trenitalia i turisti si sono rifiutati di far sedere i disabili. A quel punto Trenitalia ha organizzato una navetta per riportare a destinazione i ragazzi disabili.