Omicidio Mollicone: la svolta nelle indagini | Rintracciata la testimone chiave

Dall’omicidio di Serena Mollicone sono passati più di vent’anni. Oggi, le indagini sono arrivati ad una svolta. Rintracciata la testimone chiave, verrà sentita in aula venerdì 25 marzo

È scomparsa il 1° giugno del 2001 ad Arce (Frosinone) la diciottenne Serena Mollicone. Trovata cadavere in un boschetto a pochi chilometri da casa, l’omicidio dopo più di vent’anni non ha ancora un colpevole.

Omicidio Mollicone
Omicidio Mollicone, la svolta nelle indagini, ecco chi è la testimone chiave (Ansa)

Del caso Mollicone se ne sono occupati tutti i media nazionali spinti dalla forza di scoprire la verità sul caso. Guglielmo Mollicone, padre della vittima, ha intrapreso una lunga battaglia al fine rendere giustizia alla figlia.

Oggi, le indagini sono arrivate ad una svolta poiché è stata rintracciata la testimone chiave. Verrà sentita in Aula venerdì prossimo a Cassino.

Omicidio Mollicone: la svolta nelle indagini | Chi è la testimone chiave

Il corpo di Serena Mollicone è stato trovato il 3 giugno del 2001 a otto chilometri da Arce. Il pomeriggio della sua scomparsa, (1°giugno 2001) il padre di Serena, Guglielmo Mollicone si rivolge alla caserma dei Carabinieri di Arce per denunciarne la scomparsa.

Omicidio Mollicone serena
Omicidio Mollicone, rintracciata la testimone chiave del processo (Ansa)

Dopo venti anni i responsabili non sono stati ancora condannati, sebbene le persone indagate siano molte. Le indagini del RIS accertano però che l’omicidio è avvenuto all’interno della caserma dei carabinieri di Arce.

Così, la Procura della Repubblica di Cassino, indaga 5 persone. Tra i nomi anche 3 carabinieri: il maresciallo della caserma di Arce Franco Mottola, il maresciallo Vincenzo Quatrale e l’appuntato Francesco Suprano.

Leggi anche: >>> Serena Mollicone, parla l’appuntato Venticinque: svelati nuovi dettagli

Chi è la testimone chiave nel processo per la morte di Serena?

La svolta nelle indagini arriva oggi con il ritrovamento della testimone chiave. Lei è Sonia Da Fonseca, la donna che avrebbe dovuto testimoniare al processo per l’omicidio di Serena ma della quale si erano perse le tracce nel 2018.

Il prossimo venerdì sarà sentita in aula, a Cassino. La richiesta di una sua deposizione è stata avanzata dagli avvocati della famiglia Mollicone. Questo perché la donna ha elementi chiave che potrebbero risultare rilevanti per le sorti dell’intero processo.