Bufera a Spezia, messaggi xenofobi nella chat di maggioranza. Ministro Orlando: “Sindaco smentisca”

Scoppia la polemica alla Spezia sui messaggi inviati dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Umberto Costantini, nella chat della maggioranza. Messaggi fascisti e xenofobi. Il Ministro Orlando “sindaco smentisca”. Anpi “prenda posizione”.

Il sindaco di Spezia, Pierluigi Perracchini

Se fanno passare il Green pass scoppia la rivoluzione, il Covid arriva con i barconi“. Messaggi xenofobi e no vax fanno tremare la maggioranza del comune di Spezia. Citazioni fasciste in messaggi inviati dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Umberto Costantini nella chat della maggioranza. Messaggi che creano imbarazzo nell’amministrazione di una città che oltre a essere medaglia d’oro per la Resistenza ha conferito la cittadinanza onoraria a Liliana Segre.

LEGGI ANCHE > Coppia d’oro del Curling Azzurro, chi sono Constantini e Mosaner: hanno fatto la storia a Pechino

La vicenda e’ stata raccontata da Il Fatto Quotidiano. I messaggi nella chat di maggioranza, spesso rivolti contro immigrati e stranieri, al momento non sarebbero stati stigmatizzati dal sindaco Pierluigi Peracchini. Interpellato sulla vicenda non ha risposto. Una nuova tegola sul primo cittadino di Spezia, al centro di diverse polemiche e problemi: per la vicenda della tipologia di vaccino destinata al figlio e cambiata dopo una telefonata del padre all’Asl5 e alle prese con spaccature interne al centrodestra, in vista delle elezioni comunali della prossima primavera. “Imbarazzante l’imbarazzato silenzio del sindaco Peracchini” ha scritto il ministro Andrea Orlando.

Orlando: “Smentisca al piu’ presto le notizie”

Il Ministro del Lavoro, Andrea Orlando

Smentisca al piu’ presto le notizie a proposito della chat con contenuti xenofobi, fascisti e razzisti. Ci dica che non e’ vero. Lo faccia subito, ne va dell’onore della citta’ medaglia d’oro per la Resistenza” ha aggiunto il ministro. Attacchi anche da parte dell’opposizione comunale “Peracchini si vergogni e si scusi con gli spezzini. La città non merita una figura che non fa rispettare, in primis ai suoi sostenitori, i valori di democrazia e antifascismo“.

LEGGI ANCHE > Giorgia Meloni, bufera per le frasi sui vaccini: dura replica di Burioni e Cartabellotta

L’Anpi provinciale chiede invece le dimissioni del consigliere Costantini. “Quanto scritto da Costantini ci indigna profondamente e offende le radici di tutta la cittadinanza della Spezia. Al sindaco Peracchini, che e’ tenuto a farsi garante dei valori della Costituzione, chiediamo una netta presa di posizione“.

Impostazioni privacy