Insigne al Toronto: il retroscena è clamoroso, come hanno scoperto l’attaccante

Insigne al Toronto, ormai è ufficiale: l’attaccante a Luglio lascerà il Napoli per passare in MLS. Il clamoroso retroscena sulla trattativa.

Insigne retroscena Toronto (Getty Images)
Insigne retroscena Toronto (Getty Images)

Lorenzo Insigne è un giocatore del Toronto, a partire da Luglio prossimo l’attaccante passerà in MLS dopo una vita al Napoli. Inizierà un secondo tempo della carriera che l’attaccante giocherà con la stessa determinazione di sempre più un ingaggio faraonico, il centravanti ha già salutato i suoi nuovi tifosi con un video ufficiale.

Rammarico dalle parti di Castel Volturno, ma probabilmente non si poteva fare altrimenti: lo strappo con Aurelio De Laurentiis, ormai, è conclamato. Ognuno per la propria strada, in mezzo i tifosi partenopei che avrebbero preferito un altro epilogo. Non sempre il lieto fine arriva e, spesso, sui titoli di coda emergono altri particolari. Solo che, stavolta, non ci sarà nessun sequel. Almeno sino al 2026, data di scadenza del contratto canadese.

Leggi anche – Djokovic bloccato in Australia, il Ministro Andrews: “Non è in stato…”

Insigne al Toronto per una ricerca su Internet: il retroscena

Insigne Napoli (Getty Images)
La verità sulla trattativa per l’attaccante (Getty Images)

In questo malinconico finale Marvel trapela, inoltre, un retroscena incredibile sulla trattativa che rende bene l’idea della situazione paradossale legata non soltanto al mercato: il Toronto non conosceva Lorenzo Insigne, così come Giovinco. La differenza fra il primo e il secondo, però, è sostanziale: il numero 24 del Napoli, capitano e Campione d’Europa con la Nazionale Italiana, era talmente fuori portata rispetto ai radar canadesi che la proprietà l’ha trovato su Internet.

Sembra una scena di Football Manager, ma in realtà il Presidente del club ha fatto proprio così: si è segnato il nome, in cima alla lista, poi è andato su Transfermarkt e ha visto quello che Lorenzo è in grado di fare. Valori, numeri e percentuali. Non serviva altro. Quando si ha la liquidità giusta, persino gli “ignoti” diventano un valore aggiunto: aveva ragione Giovinco, fuori dai radar, ma la serenità non mancherà né all’uno né all’altro.