Djokovic bloccato in Australia, il ministro Andrews: “Non è in stato detentivo…”

La vicenda di Novak Djokovic si fa sempre più intricata e proprio per questo a intervenire ci pensa il ministro dell’Interno in Australia Karen Andrews. la donna ha spiegato cosa stia accadendo, respingendo le accuse della famiglia del tennista.

Djokovic Australia
Djokovic bloccato in Australia, il ministro Andrews: “Non è in stato detentivo, può andarsene…”

Nuovi dettagli sulla vicenda di Novak Djokovic che arrivano a distanza di alcune ore dall’intervista del padre di Nole. L’uomo ha attaccato le autorità australiane, parlando di suo figlio in stato detentivo, cosa negata dal ministro dell’Interno Karen Andrews. L’esponente politico ha rilasciato un’intervista a Sunrise per spiegare la situazione. “Il signor Djokovic non è detenuto in Australia, è libero di andarsene quando vuole e la polizia di frontiera lo aiuterebbe a farlo“, ha dichiarato l’esponente politico.

LEGGI ANCHE >> Nadal stronca Djokovic: “Conosce le regole…”

Nel frattempo i legali del tennista hanno presentato ricorso contro l’ordine di espulsione, ragion per cui il tennista resterà in attesa nel Paese fino a lunedì 10 gennaio 2022. Il campione si troverebbe in un albergo utilizzato per gli alloggi degli immigrati, gli avvocati starebbero invece lavorando per opporsi all’ordine di espulsione a causa dell’esenzione medica. Novak Djokovic è infatti giunto in Australia con un certificato che attesterebbe di aver contratto il Covid-19 da meno di sei mesi, ma di non essere vaccinato.

Novak Djokovic bloccato in Australia, interviene il ministro dell’Interno australiano

Djokovic
Novak Djokovic bloccato in Australia, interviene il ministro dell’Interno australiano

Il visto di ingresso di Djokovic non sarebbe quindi in regola con le leggi australiane sul fronte della pandemia da Covid-19. Il tennista aveva inizialmente ottenuto l’esenzione vaccinale, da parte degli organizzatori del torneo, salvo poi trovarsi lo stop una volta giunto in Australia. La polizia di frontiera non avrebbe infatti permesso al campione di tennis di entrare nel Paese.

LEGGI ANCHE >> Djokovic, respinto dall’Australia: “Le regole sono regole, nessuno al di sopra”. Il tennista presenta ricorso

Quando arriva in Australia devi avere la prova di essere vaccinato contro il Covid. Se non puoi dimostrarlo, devi fornire la prova che non puoi essere vaccinato per motivi medici“, ha commentato Karen Andrews a Sunrise. Il ministro dell’Interno australiano ha analizzato la vicenda di Novak Djokovic, giunto nel Paese per partecipare alla competizione del Grande Slam degli Australian Open. Ecco intanto le dichiarazioni del ministro Andrews pubblicate su Twitter.