Cocaina al posto di un medicinale: bambina di 5 anni grave in ospedale

Cocaina scambiata per errore con un farmaco. Bambina di cinque anni ricoverata in gravi condizioni all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna. Il padre: “E’ stato un errore”.

cocaina bambina
Cocaina al posto di un medicinale: bambina di 5 anni grave in ospedale

Una dose di cocaina somministrata alla figlia al posto di un farmaco diuretico. La piccola, 5 anni, si sente male. I genitori chiamano immediatamente il 118, nell’abitazione si arrivano i sanitari che soccorrono la piccola. Poi la corsa in ospedale. E’ successo a Ravenna, la sera della vigilia di Natale.

La piccola è stata inizialmente trasportata all’Ospedale ravennate Santa Maria delle Croci, per poi essere trasferita all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna. Ora è intubata, nel reparto di terapia intensiva. La Polizia si sta occupando delle indagini coordinate dal Pm di turno Stefano Stargiotti che ha aperto un fascicolo per lesioni colpose gravi.

LEGGI ANCHE >> Quirinale, Bossi non ha dubbi: “Draghi o Berlusconi? Vi dico io chi la spunta…”

Cocaina somministrata a bambina di 5 anni, la ricostruzione dei fatti

cocaina bambina
Cocaina somministrata a bambina di 5 anni, la ricostruzione dei fatti

Secondo quanto raccontato del padre alla base della tragedia ci sarebbe un drammatico errore che ha portato la piccola di 5 anni ad assumere la cocaina. I genitori avrebbero dovuto somministrare alla bambina un farmaco diuretico, da sciogliere in acqua, ma al posto del medicinale sarebbe stata diluita la droga. A seguito della perquisizione dell’appartamento in cui è avvenuto l’episodio la Polizia scientifica ha rinvenuto diversi grammi di polvere bianca, a conferma di quanto raccontato dal padre.

LEGGI ANCHE >> Falsi Green Pass in vendita online: oscurati 17 canali illegali

Si è trattato di un errore non voluto. “Io e mia moglie siamo fuori dall’ospedale in attesa che nostra figlia si riprenda”, ha commentato disperato il padre della piccola. Intanto proseguono le indagini, gli inquirenti hanno ascoltato i vicini di casa ma dalle testimonianze non sono emerse particolari criticità o tensioni domestiche.