Charlene di Monaco, la tragica fuga di notizie: com’è ridotta

Charlene di Monaco non è nel Principato. La consorte di Alberto II ha subìto un’importante operazione chirurgica: la vicenda.

Charlene di Monaco come sta (Getty Images)
Charlene di Monaco come sta (Getty Images)

Charlene di Monaco, le voci su una sua presunta malattia aumentano. La consorte di Alberto II non è più nel Principato. Manca ormai da mesi, ancora aperto il dibattito sulle cause: c’è chi dice che abbia subìto un’operazione chirurgica importante. Intervento mal riuscito in Sudafrica e il volto sfigurato l’avrebbe costretta a rimanere in loco per cercare di riprendersi, ma secondo la stampa estera il reale motivo è un altro: la relazione con Alberto sembrerebbe essere ai ferri corti.

La situazione sarebbe divenuta davvero ingestibile, oltre alle incomprensioni coniugali (aspetto consueto anche fra reali), ci sarebbero problemi legati all’abuso di sostanze: psicofarmaci che l’avrebbero ridotta a poco più di una larva. Il dissolvimento fisico tenuto lontano dai riflettori e la ribalta per evitare ripercussioni. Tesi questa celata a ragion veduta, che pochi media avanzano, l’ipotesi però c’è dal momento che la donna recentemente ha anche fatto gli auguri di compleanno ai figli piccoli.

Leggi anche – 10 colpi in pochi giorni: arrestato a Roma il Babbo Natale rapinatore

Charlene di Monaco: la fuga di notizie alimenta i sospetti, come sta adesso

Le condizioni della Principessa di Monaco (Getty Images)
Le condizioni della Principessa di Monaco (Getty Images)

“Sono orgogliosa di essere vostra madre”, scrive su Instagram. È tutto il resto che non va: tacere questo malcontento diventa un obbligo quando si ha a che fare con un certo tipo di blasone: Alberto II dribbla la questione. Non è solo un fattore privato: se in gioco c’è davvero la salute della donna, allora in crisi è anche la reputazione del Regno.

In quanto bisognerebbe indagare sui reali motivi dell’intossicazione farmacologica, qualora venisse davvero acclarata. In privato le risposte a tutte queste domande aperte si sanno già, il problema sorge se i sospetti divengono certezze (almeno pubblicamente): un rischio non calcolato e celato dietro l’errore umano, frutto della chirurgia estetica.

Gestione cookie