Juventus, plusvalenze: Cristiano Ronaldo diventa un caso. La “carta segreta” sul portoghese

Juventus, plusvalenze. L’inchiesta Prisma, portata avanti dalla Guardia di Finanza, prosegue: Cristiano Ronaldo diventa un caso. I dettagli.

Juventus Cristiano Ronaldo caso (Getty Images)
Juventus Cristiano Ronaldo caso (Getty Images)

Juventus, l’inchiesta continua. La Vecchia Signora è nel mirino a causa dell’indagine Prisma che la Guardia di Finanza sta portando avanti: le plusvalenze sono attenzionate e il mercato diventa oggetto di discussione. La Giustizia ordinaria e quella Sportiva s’intersecano in una matassa sempre più complessa che, in questo momento, vede Agnelli, Paratici e Nedved indagati.

Il Presidente e i dirigenti bianconeri sono accusati di gonfiare i prezzi del mercato e “aggiustare” le plusvalenze: tutto da verificare, ma Cristiano Ronaldo diventa un caso. Il portoghese, approdato a Torino nel 2018, è costato alla Juve 230 milioni. Soldi gestiti e spostati con “metodi di finanza creativa”.

Leggi anche – Al via processo Maxwell: tremano i vip amici di Epstein

Juventus, continuano le indagini: rebus Cristiano Ronaldo, cosa è successo

Le indagini sui bianconeri portano a nuovi tasselli (Getty Images)
Le indagini sui bianconeri portano a nuovi tasselli (Getty Images)

Così li definiscono gli inquirenti, a sostegno di questa tesi un’intercettazione telefonica che parlerebbe di una “carta segreta” da far sparire. Il mistero si infittisce. I pezzi del puzzle devono trovare un ordine: l’inchiesta getta benzina sul fuoco e presto tutto il calcio Italiano potrebbe – stavolta sì – farne le spese, nulla di creativo. Tutto concreto. Come le avvisaglie del Codacons che promette battaglia se le accuse verranno confermate.

Secondo quanto riporta “La Gazzetta dello Sport”, il caso Ronaldo è da chiarire: contratto del portoghese da 31 milioni a stagione, regolarmente depositato in Lega Calcio, ma ci sarebbero altre voci che non tornano. Nello specifico, la “carta segreta” – emersa nelle intercettazioni – sarebbe legata agli stipendi arretrati del campione lusitano.

Infatti, stando a quanto riassume CalcioFinanza, il taglio ufficiale dello stipendio di Cristiano Ronaldo ai tempi della pandemia sarebbe poi stato rimpolpato di nascosto con entrate non ancora ben definite. Ci sarebbero, poi, altre clausole da chiarire. Bonus ulteriori non registrati legati alla vittoria dello Scudetto. Tutto, secondo le prime ricostruzioni, presente in questo carteggio. L’indagine Prisma è appena cominciata, ma i riflessi si vedono già da ora.

Impostazioni privacy