Paura per Omicron a New York. Dichiarato lo stato d’emergenza

A New York si gioca in anticipo e la governatrice dello Stato, Kathy Hochul, dichiara lo stato di emergenza a causa dell’aumento del numero di infezioni.

La governatrice dello Stato di New York ha dichiarato lo stato d’emergenza

La variante Omicron non è stata ancora ufficialmente rilevata in America, anche se gli esperti credono che sia già arrivata negli Stati Uniti. E con il Natale alle porte e milioni di persone pronte ad arrivare da tutto il mondo a New York per le vacanze, cresce la preoccupazione che la Grande Mela e tutto lo Stato di New York possano trasformarsi in un nuovo epicentro mondiale, come nel caso della prima ondata di Covid.

LEGGI ANCHE > Covid Omicron, il Sudafrica attacca i Governi sulle chiusure. 2828 casi: giovani a rischio tra 20 e 30 anni

La governatrice dello Stato, dunque ha deciso di prevenire il tutto, dichiarando lo stato d’emergenza per cercare di proteggere soprattutto gli ospedali.

Dal 3 dicembre stop agli interventi chirurgici non urgenti

Dal 3 dicembre negli ospedali di New York rinviati tutti gli interventi non urgenti per dare spazio ai pazienti covid

Il decreto da lei firmato punta a rafforzare la rete ospedaliera, aumentando la capienza e i posti letto in rianimazione e affrontando la carenza di personale medico e infermieristico che di recente ha richiesto anche l’intervento degli uomini della Guardia Nazionale. Dal prossimo 3 dicembre, inoltre, saranno rinviati tutti gli interventi non urgenti per non intasare gli ospedali dello Stato.

LEGGI ANCHE > Omicron, primo caso in Italia. Cittadino campano in ritorno dal Mozambico

Intato il tasso di positività e quello delle ospedalizzazioni a New York viaggiano oramai sui livelli dello scorso aprile. E a preoccupare sono anche le conseguenze del weekend di Thanksgiving, con milioni di persone in viaggio lungo tutto il Paese. Le misure decise dalla governatrice hanno validità fino al prossimo 15 dicembre, quando saranno rivalutate sulla base dei nuovi dati “La vaccinazione resta l’arma più importante a nostra disposizione“, ha affermato Hochul.

Impostazioni privacy