Messina Denaro, le condizioni si aggravano: la rabbia del fratello di Giuseppe Di Matteo

Le condizioni di Matteo Messina Denaro sono sempre più critiche: la rabbia e il commento del fratello di Giuseppe Di Matteo.

Matteo Messina Denaro è l’ex boss ricoverato all’ospedale dell’Aquila poiché affetto da un tumore in fase terminale. Le sue condizioni di salute sarebbero peggiorato durante le ultime ore, ora invece lo sfogo di Nicola Di Matteo.

Messina Denaro
Messina Denaro, peggiorano le condizioni di salute per l’ex superboss di Trapani (ANSA)

L’uomo è il fratello del piccolo Giuseppe, bambino rapito a 12 anni (1992) e sciolto nell’acido nel 1996, proprio su ordine dell’uomo che ha seguito una lunga latitanza in giro per la Sicilia (e non solo).

Il commento del fratello di Giuseppe Di Matteo

Nicola Di Matteo ha attraversato momenti non semplici dopo la morte del fratellino Giuseppe, bambino ucciso nel 1996 e sciolto nell’acido. Ora uno di quelli che avrebbe ordinato la sua morte è sul letto di morte. Messina Denaro, infatti, è affetto da un tumore in fase terminale che sarebbe in netto peggioramento, specialmente durante gli ultimi giorni.

Dicono che le sue condizioni stanno precipitando sempre di più? Vedremo. Aspettiamo di capirlo nei prossimi giorni. Sicuramente da parte della mia famiglia c’è ancora molta rabbia. Noi cosa gli auguriamo? Che possa vivere un altro po’ e soffrire ancora di più e riflettere, ma tanto lui non riflette, sappiamo che queste persone non riflettono. Lo dico perché per noi il dolore non si è mai placato, per lui il dolore finisce con la morte ma per noi resta e resterà un dolore a vita“, ribadisce con rabbia l’uomo.

Matteo Messina Denaro
Matteo Messina Denaro durante l’arresto effettuato a Palermo dal Ros dei carabinieri (ANSA)

Nicola e Giuseppe erano figli del pentito Santino Di Matteo, uomo che la mafia cercò di far ritrattare dopo la scelta di collaborare con la giustizia. Il padre dei due bambini rivelò all’epoca numerosi elementi sulla strage di Capaci, da qui la decisione di sequestrare il ragazzino in segno di ritorsione contro la scelta del pentito.

Nel fratello a Matteo Messina Denaro sarebbe stata sospesa la cura per il tumore al colon: il cancro è al quarto stadio e all’ex superlatitante non rimarrebbe molto da vivere. Il 61enne è ricoverato a L’Aquila in un reparto dedicato ai detenuti, insieme ad altri tre pazienti. Di recente è stato sottoposto ad altri intervenuti chirurgici, ora invece il boss di Cosa nostra peggiora di ora in ora, tanto da ricevere la visita di alcuni parenti stretti.

Morto uno dei rapitori di Giuseppe Di Matteo

È invece morto all’età di 79 anni Benedetto Capizzi, uomo ricoverato e al 41bis nel carcere di Opera (Milano). Il boss stava scontando l’ergastolo per la morte di un autotrasportatore e 30 anni per aver partecipato al sequestro e all’uccisione di Giuseppe Di Matteo, evento accaduto a San Giuseppe Jato (Palermo) nel 1996. Si tratta di un uomo arrestato nel 2009 durante l’operazione “Perseo”.

Matteo Messina Denaro boss
In manette la cerchia del boss, la storia di Matteo Messina Denaro (ANSA)

Il bambino fu rapito in un maneggio di Villabate a novembre 1993, in seguito alla scelta del padre di collaborare con la giustizia. Furono 779 i giorni di sequestro, con tanto di spostamenti da un nascondiglio ad un altro, terminando la sua vita in un casolare a San Giuseppe Jato. Proprio lì, infatti, il piccolo fu strangolato e sciolto nell’acido l’11 gennaio 1996.

Impostazioni privacy