Lite tra giovani finisce in tragedia: 18enne ucciso da otto coltellate

Il 18enne Giuseppe Turco è stato ucciso con otto coltellate al culmine di una lite tra giovani coetanei. Il dramma ha sconvolto Casal di Principe, provincia di Caserta. Inutile la corsa in ospedale. Ora si cercano i responsabili della violenta aggressione

La tragedia ha scosso la comunità di Casal di Principe e quella di Villa Literno, nel Casertano. Giuseppe Turco è morto a seguito delle profonde ferite da taglio ricevute da un suo coetaneo. Tutto è iniziato con una lite tra giovanissimi che in poco tempo si è tramutata in un accoltellamento mortale.

lite giovani
Lite tra giovani a Casal di Principe: 18enne accoltellato da coetanei. Si cercano gli autori dell’aggressione (ansa) free.it

La discussione tra i giovani sembrerebbe essere scaturita per una ragazzina. Una parola, forse un apprezzamento sbagliato, potrebbe essere stata la scintilla che ha portato poi all’atto violento. La litigata è avvenuta in piazza a Casal di Principe.

Ma cosa è accaduto realmente? Al momento le indagini seguite dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe intervenuta subito dopo l’aggressione, sono in corso. Si cercano i responsabili dell’omicidio che per ora sembrano abbiano fatto perdere le sue tracce seppur qualche sospettato è già nella lista degli investigatori.

Tragedia nel Casertano: 18enne ucciso con 8 coltellate dopo una lite tra giovani

Giuseppe Turco è stato colpito con un fendente all’addome. Il 18enne ha perso la vita sul colpo nonostante l’immediato intervento dei soccorsi e dell’ambulanza. All’arrivo dei sanitari del 118 per il giovane non c’è stato più niente da fare, era appena deceduto.

Carabinieri delitto
Lite tra giovani finisce in tragedia nel Casertano: 18enne ucciso con 8 coltellate da alcuni coetanei (ANSA) free.it

Il ragazzo proviene da una famiglia rispettata nella comunità di Villa Literno, sarebbe stato colpito per ben 8 volte dalla lama del coltello che, al momento, risulta introvabile. Il dramma ha scosso profondamente non solo l’intera famiglia del giovane 18enne ma anche la comunità casertana. La tragedia si è consumata nella notte del 29 giugno. Dopo la violenta aggressione fisica il 18enne è stato portato dagli amici alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno ma, nonostante i soccorsi le ferite riportate sul corpo di Giuseppe sono risultate troppo gravi.

Dopo la morte sono state avviate immediatamente le indagini e, secondo quanto si conosce, ci sarebbero già alcuni sospettati. A seguire le indagini con il coordinamento della Procura di Napoli Nord sono affidate ai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe che al momento stanno visionando tutte le telecamere di videosorveglianza della zona dove è avvenuto il cruento atto di sangue nella speranza di identificare l’autore e ricostruire l’esatta dinamica del delitto.

Il post di cordoglio del Sindaco di Casal di Principe

Su Facebook, dopo la notizia di quanto accaduto nella notte di ieri, 29 giugno, il primo cittadino di Casal di Principe, Renato Natale, ha espresso il suo cordoglio verso la famiglia del 18enne ucciso in piazza e all’intera cittadina casertana con un lungo post.

“Quanto è successo ieri sera in piazza Villa, ci lascia sgomenti, un ragazzo di 18 anni che perde la vita per mano di un altro giovane, è una di quelle notizie che non vorremo mai sentire. Non conosciamo la dinamica di questo grave fatto di sangue, sappiamo che magistratura e forze dell’ordine stanno lavorando per definire e chiarire le modalità con cui si è arrivato alla tragica conclusione”.

Poi il sindaco continua esprimendo tutta la sua vicinanza ai familiari della vittima: “Noi non possiamo che esprimere la nostra costernazione e la vicinanza alla comunità di Villa Literno a cui apparteneva la vittima e alla sua famiglia. Intanto ho già inviato ai responsabili dell’ordine pubblico, che già svolgono un importante lavoro sul territorio, la richiesta di fare un ulteriore sforzo per garantire presidi permanenti nei luoghi di maggiore affluenza giovanile. Nel contempo ho convocato una riunione straordinaria per lunedì con le organizzazioni giovanili, per riflettere su quanto è avvenuto e verificare la possibilità di collaborare tutti insieme per mettere in campo adeguate iniziative socio culturali in grado di prevenire fenomeni di questo tipo”.

Impostazioni privacy