Roma, la foto shock del saluto fascista degli studenti scattata prima degli esami di maturità

Ha fatto scalpore la foto shock che ritrae un gruppo di studenti di un istituto scolastico di Roma in posa con il braccio destro alzato nel classico saluto fascista. L’immagine “ricordo”scattata la sera prima degli esami di maturità

La foto-ricordo con saluto fascista di un gruppetto di studenti romani il giorno prima dell’esame di maturità ha sconvolto l’opinione pubblica nazionale. Nell’immagine, come riporta la Repubblica, il braccio destro alzato, chiaro rimando al fascismo, e una birretta poggiata a terra è l’amara cornice dell’Italia di ultima generazione di studenti che di maturità ne hanno ben poca.

foto shock roma
Roma, la foto shock di un gruppo di studenti con saluto fascista ha scandalizzato l’Italia la notte prima degli esami di maturità (@facebook istituto scolastico Arangio Ruiz) free.it

Sulla sfondo della foto l’istituto tecnico commerciale Arangio Ruiz in viale Africa, al Laurentino, quartiere di Roma. L’immagine scattata qualche ora prima di iniziare la prima prova scritta. Gli studenti dell’ultimo anno si sono incontrati davanti scuola e poi scavalcando il cancello si sono intrufolati all’interno dell’Istituto.

Sulla scalinata dell’edificio hanno, così, pensato di immortalare il grandioso momento. In sette hanno esibito il saluto romano, uno sfregio alla memoria dell’intellettuale antifascista a cui è intitolata la stessa scuola.

Foto shock a Roma: studenti in posa per il saluto fascista il giorno prima degli esami di maturità

Nella foto scandalo si vedono 17 persone. Di queste 7 hanno il braccio destro teso a mo’ di saluto fascista. L’immagine, dopo essere stata scattata da un cellulare di uno degli studenti dell’istituto tecnico commerciale romano è stata poi condivisa da almeno tre persone presenti in quel momento, tra ragazzi e ragazze.

foto shock roma
Roma, spunta la foto shock con saluto romano di un gruppo di studenti la notte prima degli esami di maturità. (ansa) free.it

L’istantanea scattata la notte prima dell’inizio degli esami di maturità è stata rimossa da alcuni studenti e cancellata dai social per paura di incappare in sanzioni disciplinari proprio a ridosso del diploma di maturità. Ma, come succede in questi casi, il web non perdona ed è bastato poco tempo affinché la foto diventasse virale.

La scuola, dopo la notizia della foto shock vuole approfondire la questione e, come riporta il Messaggero, “fonti dell’istituto scolastico rivelano che tutti gli alunni presenti quella sera saranno contattati e convocati per capire se il gesto sia stato esibito in maniera convinta «o se si sia trattato di una bravata”.

La “bravata” giustificata dagli altri studenti e gli altri episodi fascisti

Quello che dovrà essere chiarito è come siano entrati all’interno dell‘Istituto scolastico gli studenti senza che il custode della scuola non si sia accorto di nulla. Ed è proprio davanti all‘istituto Arangio Ruiz che ieri gli studenti presenti per la prima prova degli esami di maturità non hanno voluto commentare l’accaduto.

Come riporta La Repubblica, ragazzi e ragazze avrebbero riferito di non sapere nulla del fatto né di aver visto alcunché. Molti hanno anche dichiarato di non conoscere affatto gli autori della foto scandalosa. All’uscita dalla scuola l’argomento principe era solo il tema di maturità. Come è giusto che sia.

Solo qualcuno ha cercato di avanzare un commento minimizzando l’accaduto: “Sembra solo un gesto fatto così per divertirsi”. Una studentessa ha detto: “Questa è una scuola tranquilla, non particolarmente politicizzata”. Ma questo fatto accaduto non è l’unico segnalato a Roma. Altri episodi del genere si sono visti davanti decine di altre scuole romane con slogan razzisti ed esplicitamente fascisti. In giro per i vari quartieri della Capitale sono spuntate frasi di matrice fascista che hanno deturpato diverse facciate di istituti: “Sogna, combatti, distinguiti”, oppure “Prenditi un sogno con rabbia e poesia”. E ancora “Contrattacco”. Insomma una notte oscura quella prima degli esami per la città di Roma.

Impostazioni privacy