Morte Papa Benedetto XVI, la salma esposta a San Pietro | L’omaggio di Mattarella e Meloni, migliaia di fedeli in fila – FOTO-

Sarà presente fino a mercoledì il feretro di Papa Ratzinger. La salma è esposta nella Basilica di San Pietro. Giovedì i funerali officiati da Papa Bergoglio. L’omaggio dei fedeli. Tra i primi ad arrivare in Vaticano anche Mattarella e Meloni

Alle 7 di questa mattina la traslazione in forma privata della salma di Benedetto XVI dal Monastero Mater Ecclesiae fino alla Basilica di San Pietro dove i fedeli potranno rendere omaggio alla scomparsa del Papa emerito fino al prossimo mercoledì. Il giorno successivo, giovedì 5 gennaio, verranno celebrati i funerali di Papa Ratzinger e saranno officiati da Papa Bergoglio.

Morte Papa emerito, salma esposta in Vaticano
Morte Papa emerito, salma esposta in Vaticano. Giovedì i funerali. Foto Ansa

Tra i primi a rendere omaggio, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, arrivato in Vaticano prima dell’apertura della Basilica intorno alle 8.50. Non ha voluto mancare sin dalla primissima mattina di oggi anche la premier Giorgia Maloni. Con lei il sottosegretario alla presidenza del consiglio Alfredo Mantovano e il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida. Alle 9 poi l’apertura della Basilica vaticana ai fedeli. Accanto alla salma di Papa Ratzinger, collocata ai piedi dell’Altare della Cattedra,  il segretario, monsignor  Georg Gaenswein, e il cardinale. Mauro Gambetti, arciprete della basilica di San Pietro. Migliaia i fedeli che prima ancora che la basilica aprisse, avevano deciso di mettersi in fila per il saluto estremo al Papa emerito.

Morte Papa emerito, l’omaggio di Mattarella e Meloni

Morte Papa Ratzinger, Giorgia Meloni in Vaticano
La premier Meloni in Vaticano per l’omaggio alla salma del Papa emerito. Foto Ansa

A mezzogiorno di ieri, mentre Papa Francesco dalla finestra del Palazzo Apostolico ricordava al mondo la grave perdita per la Chiesa “Rendiamo grazie a Dio per il dono di questo fedele servitore del Vangelo e della Chiesa”, le campane della chiesetta di Marktl, in Baviera, risuonavano  ininterrottamente in ricordo di Joseph Ratzinger, nato nella piccola cittadina il 16 aprile 1927. E pensando al rito del funerale che verrà officiato giovedì prossimo In Vaticano proprio da Papa Bergoglio quello che si sa è che sarà un unicum anche dal punto di vista procedurale, non essendosi mai svolte le esequie per un Papa emerito, per di più rimasto a vivere in Vaticano.

Papa Ratzinger, le ultime parole prima della morte “Signore ti amo”

Salma Papa emerito esposta in Vaticano
Salma Papa emerito esposta in Vaticano, giovedì i funerali. Foto Ansa

Misure di sicurezza stringenti, rigidi controlli ai varchi di accesso a piazza San Pietro con metal detector e un numero elevato di forze dell’ordine che presidiano  la zona, sia all’interno che all’esterno. La macchina della sicurezza sarà in moto per tutta la settimana. Oltre agli uomini della gendarmeria vaticana, nella piazza ci sono anche forze dell’ordine in borghese. Intanto grazie al portavoce della sala stampa vaticana, il mondo ha appreso le ultime parole prime di spegnersi, pronunciate dal Papa emerito “Signore, ti amo”. Erano circa le 3 della mattino del 31 dicembre,  Ratzinger non era ancora entrato in agonia. Con lui, in quel momento, c’era solo un infermiere che non parla il tedesco. Benedetto  con un filo di voce, ma in italiano avrebbe dunque detto : ‘Signore ti amo!’. Dopo quel momento non sarebbe stato più in grado di esprimersi.

Omaggio a Ratzinger, flusso da 10 mila persone a San Pietro

Madri e padri, figli e nonni. 3 generazioni sfilano davanti la salma del Papa emerito da questa mattina presto, in modo ordinato e composto. Secondo una stima dalle 9, orario di apertura ai fedeli della basilica vaticana, una folla di 10 mila persone entro l’ora di pranzo avrebbe omaggiato le spoglie di Papa Ratzinger. Il Papa emerito compare con un anello al dito, quello con l’effige di San Benedetto. Il segretario particolare di Ratzinger, monsignor Georg Gaenswein, avrebbe preso questa decisione, di fare indossare al papa defunto  questo anello, proprio per ricordare il legame con il santo di Norcia.

Ratzinger, continua la causa contro di lui

Nonostante il grande momento di commozione, arrivano anche notizie dal tribunale della Baviera che la causa  per abusi contro Benedetto XVI e altri imputati continuerà: “è vero che in linea di principio si ha un’interruzione quando una parte muore, ma nel caso in questione questo non vale dal momento che la persona deceduta era rappresentata da un legale di fiducia”. Joseph Ratzinger, aveva dato mandato ad un’importante studio legale di rappresentarlo al processo che potrebbe essere sospeso fino a che non verrà chiarito chi saranno gli eredi del Papa emerito.