Irene Pivetti, Cassazione conferma il sequestro di 3,5 milioni | Accuse gravi

Confermato dalla Cassazione il sequestro di 3,5 milioni di euro all’ex presidente della Camera Irene Pivetti, scattato a seguito di un’inchiesta milanese per evasione fiscale e riciclaggio.

Il tempo è il mio migliore alleato, servirà un approfondimento, sono tranquilla, molto serena. Ben vengano gli approfondimenti che ci saranno“. Così ha commentato all’AdnKronos, Irene Pivetti, dopo che la seconda sezione penale della Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dai suoi legali contro il sequestro preventivo della somma di circa 3,5 milioni.

Irene Pivetti sequestro dopo un’indagine

Una cifra da capogiro frutto di evasione fiscale

Sequestro nell’ambito di un’ un’indagine del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano, coordinata dal pm milanese Giovanni Tarzia, su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per riciclare proventi frutto di evasione fiscale. La seconda sezione penale della Suprema Corte ha rigettato, infatti, il ricorso della difesa. 

Irene Pivetti Cassazione conferma sequestro 3,5 milioni

A febbraio il primo ricorso

A febbraio il Riesame di Milano, accogliendo il ricorso del pm dopo la bocciatura da parte del gip, aveva già disposto il sequestro di circa 3,5 milioni a carico dell’ex deputata e di quasi mezzo milione ad un suo consulente, Pier Domenico Peirone, il quale ha già patteggiato 1 anno e 10 mesi. Poi, è arrivato il ricorso della difesa e infine la decisione della Cassazione, dopo l’udienza di oggi.

Nel frattempo, la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex esponente della Lega e altre 5 persone. L’udienza preliminare, davanti al gup Fabrizio Filice, è fissata per il 6 ottobre. Tra gli imputati il pilota di rally ed ex campione di Gran Turismo Leonardo ‘Leò Isolani, la moglie Manuela Mascoli, la figlia di lei Giorgia Giovannelli, il notaio Francesco Maria Trapani e un altro imprenditore, Candido Giuseppe Mancaniello.

Cassazione conferma sequestro 3,5 milioni a Irene Pivetti

Nell’inchiesta viene ipotizzato un ruolo di intermediazione di Only Italia, società riconducibile a Pivetti, in operazioni del 2016 del Team Racing di Isolani, che voleva nascondere al Fisco (aveva un debito di 5 milioni) alcuni beni, tra cui le tre Ferrari. Attorno alle auto, secondo l’accusa, venne organizzata una finta vendita verso una società cinese. Quelle macchine, però, non sono mai arrivate “nella disponibilità” dell’acquirente ‘ il gruppo cinese Daohe.

L’avviso di accertamento

L’unico “bene effettivamente ceduto, ovvero passato” ai cinesi sarebbe stato “il logo della Scuderia Isolani abbinato al logo Ferrari”. Secondo l’accusa, “l’obiettivo perseguito da Pivetti“, difesa dal legale Filippo Cocco, sarebbe stato quello “di acquistare il logo Isolani-Ferrari per cederlo a un prezzo dieci volte superiore al gruppo Dahoe, senza comparire in prima persona“.

Isolani e la moglie, “simulando la vendita dell’intera scuderia, hanno di fatto ceduto soltanto il logo“, mentre la Pivetti, per la Procura, ha comprato quel logo a 1,2 milioni di euro e lo ha rivenduto al gruppo cinese a “10 milioni“. Tra gli atti trasmessi da Milano in Cassazione anche un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate a carico della Pivetti nel quale si contestano quei quasi 3,5 milioni di evasione.