Elezioni, confronto Letta-Meloni: Paganini (Competere.eu) a Free.it | “Vi dico chi ha vinto”

Pnrr, Ue, immigrazione, bollette della luce, tetto al gas. Giorgia Meloni ed Enrico Letta ospiti ieri su Corriere Tv , hanno dato vita al primo ed unico confronto tra leader,  a 12 giorni dalle elezioni politiche. Chi ha vinto il match? “Chi ha dato risposte, apparentemente reali, ai veri problemi dell’Italia”. Giudizio espresso dal professor Pietro Paganini (Competere.eu) a Free.it 

Vengo anch’io, no tu no. Così fu che Carlo  Calenda per il Terzo Polo, mentre sugli schermi di Corriere Tv andava in scena il confronto tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta, rispondeva in Dad alle stesse domande che il direttore Fontana poneva ai leader, rispettivamente di FDI e Pd. Ma il faccia a faccia tanto atteso, anche e non solo perchè sarà l’unico da qui al giorno del voto. Com è andato? Lo dice il professor Pietro Paganini (Competere.eu) ai microfoni di Free.it 

Ha soddisfatto elettori, giornalisti e commentatori?

Se fossero stati entrambi più aderenti alla realtà e avessero affrontato meglio i problemi del paese, sarebbe stato un confronto più interessante, ma un vincitore ai punti c’è“.

Domanda scontata professore, chi è il vincitore del confronto tra Letta e Meloni?

Non parlerei di vittoria vera e propria,  la politica si sa è particolarmente volubile. Però le idee espresse ieri da Giorgia Meloni, hanno prevalso rispetto ai concetti portati avanti da Enrico Letta, in rappresentanza di tutto il Pd. La leader di FDI ha mostrato un pragmatismo maggiore e una migliore capacità analitica. Certo non tutte le ricette proposte sono praticabili, potremmo parlare anche di soluzioni facili e illusorie (come sul tema dell’immigrazione), però la Meloni ha guardato meglio in casa degli Italiani…”

Prove generali di chi, secondo tutti i sondaggi, vincerà a spasso le elezioni e sarà a capo del nuovo Governo?

“Beh, non so se siano state prove generali, ma di fatto gli elettori dopo il fallimento del renzismo, del salvinismo e purtroppo anche del draghismo, ora tenteranno la strada del pragmatismo. A meno che non si tratti, anche in questo caso di votare pensando sia l’ultima spiaggia.  In ogni caso siamo comunque davanti ad una funzione di leaderismo, con una legge elettorale che io da sempre definisco putinista. Ma a Giorgia Meloni va riconosciuta intelligenza tattica, perchè non è caduta in personalismi. Certo durante il Covid strizzava troppo l’occhio ai no vax,  esattamente come ora fa con la Nato.”

Letta confronto Meloni
Enrico Letta, segretario del Pd

Letta-Meloni, Paganini a Free.it “Soluzioni al tetto del gas? Bisognerebbe capire prima il problema”

Lei è anche docente, Letta dopo il confronto di ieri invece lo rimanderebbe o boccerebbe?

Ma no… nessuna delle due. Letta ieri poteva fare ben poco, Non è con un dibattito in tv che si recupera il divario che il Pd ha accumulato  nel tempo rispetto al Paese, ma direi soprattutto rispetto ai propri elettori. Certo avrebbe potuto mostrarsi più simpatico, dinamico ed empatico. Ma i sondaggi e le scelte fatte, in fondo parlano chiaro. Ed è un peccato perchè il Pd ha ancora una forza territoriale partitica, con laboratori di idee e selezione degli amministratori. Se questo non trovasse continuità poi ne risentirebbe il processo democratico!”

Pietro Paganini Competere.Eu
Pietro Paganini

Più chiaro non poteva essere professore…Eppure lei ha parlato di una vittoria di Giorgia Meloni nel confronto al Corriere, ai punti e un pochino di facciata. Ci fa capire meglio?

Sì, perchè per me è così. la leader di FDI vince ai punti perchè ha dato risposte apparenti a problemi che forse non ha ancora messo a fuoco neanche lei. In parte potremmo dire la stessa cosa per alcune risposte di Enrico Letta. Prendiamo ad esempio il tema più caro a tutti in questo momento: caro bollette, prezzo del gas. Se i capi  dei partiti non capiscono quali siano i veri meccanismi che portano alla speculazione dei prezzi, diventa complicato applicare le soluzioni. E poi bisogna battersi perchè l’Italia abbia una forza geopolitica che il nostro Pese indubbiamente non ha.”