Briatore, ennesimo attacco ai lavoratori: “La colpa è di…” | Nuova bufera

In un’intervista rilasciata a mediawebchannel, Briatore ha parlato delle difficoltà di investire in Italia. La colpa, secondo l’imprenditore, è soprattutto di coloro che, preferiscono puntare il dito contro i ‘ricchi’ invece di prendere iniziative ed essere propositivi.

Ci risiamo, Briatore torna ad infiammare i social. L’ultima polemica era stata quella sulla pizza troppo costosa dei suoi ristoranti. Un vero e proprio tormentone estivo che ha tenuto banco per settimane, sui giornali e in rete. L’imprenditore non ama i giri di parole – lo avevamo capito da tempo – e anche questa volta non ha utilizzato mezzi termini.

Briatore
Briatore, ennesimo attacco ai lavoratori: “La colpa è di…” | Nuova bufera

Un altro intervento provocatorio che rischia di sollevare l’ennesimo polverone. Secondo il proprietario del Billionaire a ostacolare gli imprenditori italiani non è tanto la politica che non favorisce le assunzioni quanto, piuttosto, l’atteggiamento generale nei confronti di chi investe.

Zero filtri per l’imprenditore: “Non hanno capito che chi crea ricchezza sono le aziende, gli investimenti. Io non ho mai visto un povero creare posti di lavoro. Invece loro sui ricchi… Ricchi cosa vuol dire? Il ricco non è uno che va in barca ai Caraibi, il ricco investe sempre, continua a investire“, le parole dell’imprenditore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

Briatore, nuovo sfogo social: “I ricchi creano lavoro, ma qui invece di ringraziarti ti rompono il ca***”

Il messaggio è abbastanza chiaro, condiviso dallo stesso Briatore sul suo profilo Instagram. “Noi siamo partiti con 10 milioni di fatturato, ora fatturiamo 140 milioni. Abbiamo 1500 dipendenti. Invece di ringraziarti ti rompono anche il ca***. Il Paese vero è questo qui, c’è una rabbia sociale enorme“. Apriti cielo.

Briatore
Briatore, nuovo sfogo social: “I ricchi creano lavoro, ma qui invece di ringraziarti ti rompono il ca***”

Ovviamente le parole dell’imprenditore hanno, come spesso accade, spaccato in due la platea del web. Solidali i suoi follower, che hanno ricondiviso il post: “Rabbia sociale, un prodotto artigianale tutto italiano”; Se per ogni 10 persone ci fosse un Briatore sarebbe tutto completamente diverso. E ancora: “Lo Stato deve permettere di guadagnare, far investire, far girare l’economia. Altro che reddito di cittadinanza, bisogna lavorare e permettere di lavorare.

Pioggia di critiche dopo l’ultima ‘sparata’: “Arrogante, presuntuoso, ha la mania del predicatore”

Dall’altra parte della barricata le ‘solite’ (a detta di Briatore) voci fuori dal coro: “Piantala con la storiella dell’invidia sociale, sei antipatico, arrogante e presuntuoso; “Ma quanto chiacchiera? Ha la mania del predicatore. “Tanti ragazzi rifiutano il lavoro nella ristorazione perché offrono loro tantissime ore di lavoro al giorno per uno stipendio da fame. Sicuramente uscite di questo tipo ormai sono un marchio di fabbrica del ‘personaggio Briatore’, certo però che in un momento di crisi sociale come quello attuale…