Elon Musk fa tremare la Premier League | Il miliardario potrebbe stravolgere il calcio inglese

Elon Musk tiene scuote il calcio europeo. Il patron di Tesla nelle scorse ore ha fatto una rivelazione shock su una delle squadre più importanti della Premier League.

Il miliardario sudafricano ha svelato su Twitter il suo prossimo investimento, prima di correggere il tiro.

Elon Musk fa tremare la Premier League. Il miliardario potrebbe stravolgere il calcio inglese

Dalla politica al calcio. Elon Musk ormai spazia a tutto campo. Questa volta il campo potrebbe essere proprio quello da 11. Il patron di Tesla nelle scorse ore si è occupato di calcio scrivendo un tweet che ha mandato in tilt i social. Un tweet che sembrava un vero e proprio annuncio, arrivato dopo una serie di messaggi nei quali scherzava sulla sua appartenenza politica.

Elon Musk ha recentemente venduto azioni per un valore di quasi 7 miliardi di dollari nel proprio gruppo automobilistico Tesla, mentre è nel mezzo di una battaglia legale per il suo fallito progetto di acquisizione del social network Twitter.

E tra una cosa e un’altra l’uomo più ricco del mondo sempre su Twitter ha annunciato l’acquisto del  Manchester United, la squadra della città britannica attualmente di proprietà della famiglia di imprenditori americani Glazer.

Per essere chiari sostengo la sinistra del partito repubblicano e la destra di quello democratico. Inoltre sto comprando il Manchester United. Prego!“, è la sequenza di Twitter nella quale Musk ha annunciato l’acquisto del club del nord dell’Inghilterra e che ha creato subito la reazione di tutti i tifosi di calcio ottenendo in poche ore quasi 500.000mi piace” sul social.

Elon Musk su Twitter: “Compro il Manchester United, anzi no”

Un tweet che però è stato smentito dallo stesso MuskÈ uno scherzo” ha scritto il miliardario, smentendo di voler acquistare il Manchester UnitedNon ho programmato di acquistare alcuna società sportiva“, ha corretto il tiro l’imprenditore.

Tesla né la dirigenza del club inglese, controllato dalla famiglia Glazer, avevano risposto a questo primo tweet. “ManU“, quotata da 10 anni alla borsa di New York, ha una capitalizzazione di mercato di 2,08 miliardi di dollari. In Borsa la ridda di voci ha fatto volare il titolo, che a New York avanza del 4,4% a 13,3 dollari, dopo essere balzato del 7,6% in apertura. L’azione martedì aveva chiuso stabile a 12,78 dollari (+0,08%).

Il Manchester United è uno dei club più famosi al mondo, ma sta attraversando una grave crisi di risultati e la famiglia Glazer, proprietaria del club, sarebbe disponibile a cedere una quota di minoranza dello storico club inglese. Il malcontento dei tifosi dei Reds per la gestione e i risultati deludenti prodotti degli americani cresce ogni giorno di più. I Glazer, secondo quanto riporta Bloomberg, avrebbero avuto colloqui preliminari sulla possibilità di aprire a nuovi investitori il capitale della società calcistica, che potrebbe essere valutata fino a 5 miliardi di sterline.

Le discussioni sono in corso e non è detto che gli americani, proprietari del Manchester dal 2005, si risolvano a cedere una quota del club. Ecco che lo “scherzo” di Musk non è detto che possa trasformarsi in una trattativa che, nata come un gioco, diventerebbe una nuova telenovela dopo quella dell’acquisizione di Twitter.

Musk, infatti, aveva annunciato l’acquisto del social prima di tirarsi indietro accusando l’azienda di San Francisco di non avere comunicato chiaramente tutti i dati aziendali. Le due parti adesso sono in causa.