Guerra Russia Ucraina, le notizie di lunedì 8 agosto 2022

Guerra Russia Ucraina. Le notizie di lunedì 8 agosto 2022. Gli aggiornamenti sul conflitto.

166esimo giorno di guerra, continuano i bombardamenti vicino alla centrale nucleare di Zaporizhizia con il Segretario dell’Onu Antonio Guterres che ha chiesto di sospendere ogni operazione militare “suicida” in modo che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica possa accedervi.

DIRETTA guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, ultime notizie di lunedì 8 agosto 2022

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto sapere che “se Mosca ricorre ai cosiddetti referendum per annettere le Regioni temporaneamente occupate del sud è stop ai negoziati” perché “l’Ucraina non rinuncerà ai suoi territori”.

23.30L’Onu aumenta il suo appello per gli aiuti umanitari all’Ucraina, stimando il fabbisogno in 4,3 miliardi di dollari tra marzo e fine anno. “I bisogni finanziari sono passati da 2,25 miliardi (stimati ad aprile) a 4,3 miliardi“, ha spiegato il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Stephane Dujarric. L’appello di aprile per le donazioni copriva il periodo da marzo ad agosto, ma è stato prorogato sino alla fine dell’anno “per l’aggravarsi della situazione” e per il prossimo arrivo del freddo, ha aggiunto.

21.40 – Gli Stati Uniti hanno ottenuto un mandato per il sequestro di un Airbus A319-100 di proprietà dell’oligarca e deputato russo Andrei Skoch. L’aereo, del valore di 90 milioni di dollari, si trova attualmente in Kazakistan. Skoch è già stato colpito da sanzioni Usa nel 2018 per “legami di lunga data con gruppi criminali organizzati russi“. Ulteriori misure sono state imposte contro di lui e i suoi beni in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. “L’azione di oggi dimostra che il governo degli Stati Uniti sarà implacabile nei nostri sforzi per assicurare alla giustizia coloro che stanno consentendo l’atroce guerra di Putin contro l’Ucraina“, ha dichiarato in una nota il vicesegretario al Commercio americano, Matthew Axelrod.

20.35 – La premier della Finlandia, Sanna Marin, ha auspicato restrizioni sul rilascio dei visti turistici per i russi dopo l’invasione di Mosca ai danni dell’Ucraina.Non è giusto che mentre la Russia sta portando avanti una guerra di aggressione brutale in Europa, i russi possano vivere una vita normale, viaggiare per l’Europa“, ha detto la premier, citata dal giornale The Kyiv Independent. Marin spera in una posizione comune sul tema e ha affermato che la questione sarà portata in sede di Consiglio europeo, con discussioni in merito anche all’interno del governo finlandese. Secondo la premier, si dovrebbe mettere in chiaro se la Finlandia possa decidere sulle proprie sanzioni nazionali in situazioni eccezionali come quella della guerra tra Russia e Ucraina,ma personalmente, mi piacerebbe vedere soluzioni europee anche a questo problema“.

20.20 – “In ogni fase del conflitto abbiamo fornito agli ucraini ciò di cui avevano bisogno a seconda di come si evolveva la situazione sul campo“. Lo ha detto il sottosegretario alla Difesa americana, Colin Kahl, in un briefing con la stampa al Pentagono annunciando il nuovo pacchetto di armi dagli Usa. Dall’inizio dell’invasione da parte della Russia, gli Stati Uniti hanno inviato all’Ucraina armi per circa 9 miliardi di dollari.

20.06 – “Gli Stati Uniti hanno autorizzato il più grande pacchetto di assistenza alla sicurezza per l’Ucraina sino a oggi“. Lo ha scritto su Twitter il presidente americano, Joe Biden, a proposito dell’invio di nuove armi a Kiev per un totale di 1 miliardo di dollari. “In questo pacchetto ci sono altre munizioni, armi e attrezzature che aiuterà gli ucraini a soddisfare le loro esigenze di sicurezza e a difendere il loro Paese“, ha sottolineato.

20.00 – Le intense ostilità dall’inizio dell’invasione russa del 24 febbraio hanno messo 17,7 milioni di ucraini (un quarto della popolazione) nella condizione di chiedere assistenza umanitaria, con un aumento di circa 2 milioni di persone rispetto agli ultimi dati di aprile. Lo riferisce il coordinatore umanitario per l’Ucraina Denise Brown, citando l’ufficio delle Nazioni Unite nel Paese. Lo riporta Ukrinform. Brown ha invitato la comunità internazionale a continuare a sostenere la popolazione. L’appello giunge mentre l’Onu e le organizzazioni umanitarie rispondono al peggioramento della situazione.

19.45 – Gli Stati Uniti stimano che dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, il 24 febbraio, ci siano “70.000-80.000 soldati russi morti o feriti“. Lo ha detto il sottosegretario alla Difesa Usa Colin Kahl in un briefing con la stampa al Pentagono ribadendo che le forze di Vladimir Putin non hanno raggiunto nessuno degli obiettivi che si erano prefissati.

19.40 – La giornalista Marina Ovsyannikova è stata nuovamente condannata da un tribunale russo per aver criticato l’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe e le è stata imposta una multa di 40.000 rubli, circa 633 euro: lo riporta Radio Liberty, secondo cui la reporter è stata multata per dei post online contro la guerra. Ovsyannikova, 43 anni, è diventata nota in tutto il mondo per essersi presentata a sorpresa in diretta davanti alle telecamere della tv di Stato russa durante il tg mostrando un cartello contro la guerra in Ucraina ordinata da Vladimir Putin. La scorsa settimana Ovsyannikova era stata condannata a una multa di 50.000 rubli per una sua protesta solitaria a inizio luglio non lontano dal Cremlino durante la quale aveva stretto in mano un cartello in cui denunciava la morte di bambini a causa della guerra in Ucraina. Per quella protesta, la giornalista era stata fermata dalla polizia e poi rilasciata, ma con l’accusa di matrice politica di aver “screditato l’esercito”. Una nuova famigerata “legge bavaglio” entrata in vigore dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe prevede fino a 15 anni di reclusione per la diffusione di informazioni sulle forze armate che dovessero essere ritenute “false” dalle autorità della Russia, dove il governo sta rafforzando la censura reprimendo i media indipendenti e limitando sempre più la libertà di stampa e ogni forma di dissenso. In pratica, chi condanna l’invasione dell’Ucraina rischia pesanti pene detentive.

19.35 – Devono essere adottate al più presto possibile sanzioni contro tutta l’industria nucleare russa, tra le quali quelle dovute alle minacce russe contro l’impianto nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha detto su Telegram Andriy Yermak, a capo dell’ufficio presidenziale ucraino, citato dall’agenzia di stampa Ukrinform.Il ricatto nucleare russo non ha funzionato prima, e non deve farlo ora. La migliore risposta alle minacce contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia è la liberazione dei territori ucraini dall’occupazione. Quando un terrorista propone condizioni, la risposta deve essere forte“, ha continuato. “Sanzioni contro l’intera industria nucleare della Federazione Russa devono essere adottate al più presto. Non sarà possibile dividere la coalizione anti-russa“, ha aggiunto. “La Russia sta provando a minare la fiducia nell’Ucraina con le sue provocazioni, ma in cambio deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo“. Yermak ha inoltre affermato che “nel XXI secolo, solo i maggiori candidati al completo isolamento possono minacciare il mondo con una centrale nucleare. È a questo isolamento della Federazione Russa che dobbiamo provvedere insieme“.

18.50 – Il Pentagono ha annunciato un nuovo pacchetto di armi all’Ucraina da 1 miliardo di dollari. Nel nuovo pacchetto Usa di aiuti militari all’Ucraina ci sono altri sistemi lanciarazzi Himars, che hanno aiutato le forze di Kiev ad attaccare le truppe russe molto oltre la linea di confine, missili terra-aria per la difesa contro aerei e razzi russi, armi anticarro Javelin e munizioni, si legge in una nota del Dipartimento della difesa.

18.47 – La Banca Mondiale ha stanziato un nuovo pacchetto di aiuti all’Ucraina per un totale di 4,5 miliardi di dollari. Lo riferisce l’istituzione in una nota.

18.40 – I servizi di sicurezza ucraini (Sbu) hanno sventato una serie di omicidi di rappresentanti della leadership militare e politica e di personalità pubbliche ucraini, pianificati dai russi, tra cui quello del ministro della Difesa Oleksii Reznikov e del capo della Direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa Kyrylo Budanov. Lo ha dichiarato l’Sbu su Telegram citato da Ukrinform. Con un’operazione speciale in più fasi, è stato neutralizzato un gruppo sovversivo e di intelligence della Direzione principale dello Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa (Gru), si legge nel post: si stavano preparando a uccidere Reznikov, Budanov e un noto attivista ucraino. I mandanti russi, secondo l’intelligence ucraina, hanno offerto una ricompensa da 100.000 a 150.000 dollari per l’omicidio di ciascuno di loro. È stato accertato che il gruppo era stato formato da dipendenti dell’intelligence militare russa per svolgere attività sovversive in Ucraina.

17.32 – Gli Stati Uniti hanno chiesto oggi alla Russia di cessare tutte le attività militari all’interno e intorno alle centrali nucleari ucraine, compresa quella di Zaporizhzhia, occupata dall’esercito russo. “Continuiamo a chiedere alla Russia di cessare tutte le operazioni militari all’interno e intorno alle centrali nucleari ucraine e di restituirne il controllo all’Ucraina“, ha dichiarato la portavoce della Casa Bianca Karine Jean Pierre durante un briefing con la stampa sull’Air Force One. “Combattere intorno a una centrale nucleare è pericoloso”, ha detto, sottolineando che, in base ai dati raccolti, “fortunatamente non abbiamo alcuna indicazione di un aumento anomalo dei livelli di radioattività“.

17.20L’Ucraina prende di fatto in ostaggio tutta l’Europa bombardando la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha detto Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, citata dall’agenzia di stampa Tass. Dopo aver parlato dei metodi “degli aderenti all’ideologia di Bandera” – con riferimento a Stepan Bandera, figura controversa della storia ucraina -, Zacharova ha sottolineato che essi “stanno effettivamente prendendo in ostaggio tutta l’Europa e, a quanto pare, non sono contrari a ‘darle fuoco’ per i loro idoli nazisti“, ha concluso in una nota nella quale commenta il bombardamento della centrale.

17.10 – Circa 305mila tonnellate tra cereali, grano e altri prodotti alimentari sono state spedite dai porti dell’Ucraina da quando è stato raggiunto, il 22 luglio, l’accordo tra Ankara, Mosca, Kiev e Onu che ha sbloccato le esportazioni dai porti ucraini, ferme da quando è iniziata a fine febbraio l’invasione russa. Lo rende noto l’agenzia Anadolu citando i dati del centro di coordinamento sui corridoi sicuri nel Mar Nero istituito a Istanbul dove lavorano delegati di Nazioni Unite, Turchia, Russia e Ucraina. La prima nave ha lasciato Odessa carica di cereali il 1 agosto e in poco più di una settimana sono partite in tutto 10 imbarcazioni anche se soltanto una ha, per ora, raggiunto la sua destinazione finale arrivando questa mattina a Derince in Turchia con un carico di 12mila tonnellate di grano. Due delle navi partite sono dirette in Italia. La nave “Mustafa Necati”, che ieri ha lasciato il porto di Chornomorsk carica di 6mila tonnellate di olio di semi di girasole, è diretta a Monopoli mentre a Ravenna è attesa la nave “Sacura”, partita in mattinata da Yuzhny con 11mila tonnellate di grano. Le destinazioni delle altre navi partite finora sono Cina, Gran Bretagna, Irlanda, Libano e Turchia, dove sono previsti gli arrivi di altre tre navi, oltre a quella arrivata in mattinata a Derince. Il centro di coordinamento di Istanbul autorizza la partenza delle imbarcazioni, monitora il percorso di viaggio in tempo reale e si occupa di ispezionare le navi quando arrivano all’entrata del Bosforo sul Mar Nero.

17.05 – Non ci sono canali di negoziati di pace aperti tra Kiev e Mosca.Ci sono solo negoziazioni sullo scambio di corpi e prigionieri di guerra“: lo ha detto il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak parlando con la Bbc.La Russia è un Paese per il quale non esiste un approccio umano alla guerra o al trattamento dei civili nei territori occupati. La Russia è una civiltà diversa. Dopo sei mesi di questa guerra, non possiamo continuare a credere che soddisferà gli accordi“, ha affermato. Podolyak ha poi dichiarato che Kiev si unirà ai negoziati con la Russia quando sarà in vista un punto di partenza realistico, invece di quello che ha descritto come un ultimatum russo in cui Mosca intende annettere tutti i territori occupati. L’obiettivo dell’Ucraina, ha aggiunto Podolyak, è ripristinare i confini statali a partire da marzo 2014, inclusa la Crimea occupata annessa alla Russia,altrimenti non ci sarà una pace duratura“.

16.27 – Il Presidente russo Vladimir Putin a settembre non parteciperà alla 77esima sessione dell’Assemblea generale dell’Onu e non ha in programma di intervenire neanche tramite collegamento video. Lo ha detto alla TASS il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “No, Il viaggio e il discorso non sono previsti”, ha  dichiarato Peskov aggiungendo che per l’occasione la delegazione russa sarà guidata dal Ministro degli Esteri Sergej Lavrov.

16.11“I nazionalisti ucraini stanno tentando di prendere in ostaggio l’Europa, bombardando la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha denunciato in un comunicato la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova sottolineando come la situazione sul territorio dell’impianto stia “diventando ogni giorno più pericolosa, a causa delle azioni delle Forze Armate ucraine”.

Guerra Russia Ucraina, Scholz su Nord Stream 2: “Ci aspettano mesi difficili ma continuiamo a sostenere sanzioni Ue”

Guerra Russia Ucraina Germania gas Mosca
Guerra Russia Ucraina, Scholz su Nord Stream 2: “Ci aspettano mesi difficili ma continuiamo a sostenere sanzioni Ue”, Scholz su Nord Stream 2: “Ci aspettano mesi difficili ma continuiamo a sostenere sanzioni Ue”

16.03 – La Germania esclude il rilancio del gasdotto Nord Stream 2. “Ci aspettano mesi difficili, ma è chiaro che siamo fermamente dalla parte dell’Ucraina e sosteniamo le sanzioni che abbiamo concordato insieme all’UE e alla comunità internazionale, ha dichiarato il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Lo riporta il Kyiv Independent.

15.51 – La Turchia “non darà la sua approvazione all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato fino a quando i due Paesi non manterranno le promesse fatte in merito alla lotta al terrorismo. Lo ha dichiarato il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante un discorso davanti alla Conferenza degli ambasciatori. “Nessun Paese della Nato deve essere un paradiso sicuro per i terroristi del Pkk e di Feto che stanno sfuggendo alla giustizia turca, su questo siamo chiari”, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Pronti a collaborazione con Aiea su centrale nucleare di Zaporizhzhia”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Pronti a collaborazione con Aiea su centrale nucleare di Zaporizhzhia”

15.45 – Secondo il Ministero della Difesa russo circa 250 soldati ucraini sono rimasti uccisi durante tre attacchi aerei portati dalle truppe di Mosca nelle Regioni di Kharkiv (nel nord del Paese), Kherson e Mykolaiv (nella parte sud). Il portavoce del Ministero Igor Konashenkov ha riferito che che 150 effettivi della 92/a Brigata meccanizzata e del 122/o Battaglione sono stati uccisi in un bombardamento con missili lanciati su obiettivi nella regione di Kharkiv, altri 70 soldati sono morti a seguito di attacchi nella Regione di Kherson e 30 in quella di Mykolaiv.

15.25Mosca è pronta ad accogliere gli osservatori internazionali dell’Aiea nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, occupata dalle truppe russe all’inizio della guerra e su cui ora cresce l’allarme sicurezza. Lo ha dichiarato l’Ambasciatore russo presso le organizzazioni internazionali a Vienna Mikhail Ulyanov, citato da Ria Novosti. “Alla Russia interessa che l’Aiea abbia informazioni sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia, viste le azioni criminali di Kiev, le parole di Ulyanov.

Guerra Russia Ucraina, Erdogan: “Dialogo unica via, non ci saranno vincitori”

Mosca Kiev Ankara
Guerra Russia Ucraina, Erdogan: “Dialogo unica via, non ci saranno vincitori”

15.17 “La Federazione russa ora utilizza apertamente il ricatto nucleare presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya: territorio della centrale nucleare minato; deposito proiettili nelle officine; minacce dirette di lasciare ‘terra bruciata’. L’Europa è in pericolo. Dove sono le dichiarazioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU, gli ultimatum dell’AIEA, e le storie di CBSNews?”. E’ quanto si legge in un tweet del consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak.

15.05“I nostri sforzi diplomatici sono concentrati per mettere fine alla guerra in Ucraina, perché “non ci saranno vincitori” e l’unica via percorribile è quella del dialogo. Lo ha detto il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan, citato da Anadolu, intervenendo durante la Conferenza degli ambasciatori.

Guerra Russia Ucraina, Amm. Zaporizhzhia: “Firmato ordine per referendum su annessione a Federazione russa”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Amm. Zaporizhzhia: “Firmato ordine per referendum su annessione a Federazione russa”

13.29 – Il capo dell’Amministrazione filorussa della Regione di Zaporizhzhia Yevgeny Balitsky ha firmato l’ordine per tenere un referendum sulla annessione alla Russia. Il documento è stato firmato durante il forum in corso a Melitopol. Tutti i 700 delegati presenti hanno dato il loro assenso alla proposta. Lo riporta Ria Novosti.

13.13 – Nuovi bombardamenti russi sulla città di Kharkiv, nel nordest dell’Ucraina: colpita zona densamente popolata della città, si registra almeno un morto. Lo hanno riferito il Sindaco Ihor Terekhov e il capo dell’Amministrazione regionale Oleg Synegubov. Lo riporta Unian.

Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Occidente prema per evitare bombardamenti Kiev su centrale Zaporizhzhia”

Peskov Cremlino
Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Occidente prema per evitare bombardamenti Kiev su centrale Zaporizhzhia”

12.51 – Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha affermato che i Paesi occidentali che “hanno influenza” su Kiev dovrebbero esercitare pressione “per evitare bombardamenti della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo riportano la TASS.

12.33 – Il bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhye da parte dell’Esercito ucraino è un atto di terrorismo nucleare del regime del Presidente Zelensky. Lo ha affermato il ​​rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, il tenente generale Igor Konashenkov. Secondo Konashenkov i bombardamenti hanno causato danni alla linea ad alta tensione che forniva elettricità alle Regioni di Zaporizhye e Kherson. “Si è verificato uno sbalzo di tensione presso la centrale nucleare di Zaporizhye, che ha causato fumo nei quadri aperti della stazione. Anche il sistema di protezione ha funzionato, interrompendo l’alimentazione”, ha sottolineato. Per evitare interruzioni delle operazioni, il personale tecnico dell’impianto ha ridotto la potenza del quinto e sesto reattore della centrale a 500 MW, ha aggiunto il dipartimento militare.

Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Da Kiev attacchi a centrale nucleare Zaporizhizia, rischio catastrofe”

Guerra Russia Ucraina Peskov
Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Da Kiev attacchi a centrale nucleare Zaporizhizia, rischio catastrofe”

12.11 – I residenti delle Regioni di Kherson e Zaporizhizia vogliono indire dei referendum e il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky non ha nulla da chiedere alla Russia e alla sua leadership in questa situazione. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla TASS, commentando le dichiarazioni di Zelensky secondo cui lo svolgimento di referendum in questi territori sull’adesione alla Federazione Russa significherebbe la fine dei negoziati con Mosca. “Il fatto è che questi sono i piani dei residenti delle Regioni. Non siamo noi a tenere un referendum. Qui, a quanto pare, è necessario capire a chi rivolge questa dichiarazione il signor Zelensky. Deve rivolgersi ai tuoi cittadini e chiedere perché ci sono così tanti di loro che non vogliono vivere  nel suo Paese”, ha detto il portavoce del Cremlino.

Peskov ha poi accusato le Forze Armate ucraine di essere responsabili del bombardamento della centrale nucleare Zaporizhzhia ed ha avvertito del rischio di “conseguenze catastrofiche” per l’Europa. Il bombardamento del territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia da parte dell’Esercito di Kiev è “potenzialmente estremamente pericoloso” e “potrebbe avere conseguenze catastrofiche per una vasta area, compreso il territorio europeo”, le parole di Peskov.

Guerra Russia Ucraina, Peskov: “Al momento non ci sono presupposti per colloqui con Kiev”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Peskov: “Al momento non ci sono presupposti per colloqui con Kiev”

11.47“Al momento non ci sono negoziati con Kiev “né i presupposti per essi”. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato da Interfax, sottolineando come in questo frangente manchino i “prerequisiti” tra il Presidente russo Vladimir Putin e quello Ucraino Volodymyr Zelensky.

11.22 – Le quattro navi cariche di prodotti alimentari ucraini, inclusa una diretta in Italia, partite ieri da porti del Mar Nero arriveranno questa sera a Istanbul dove saranno “ispezionate”. Lo ha reso noto il Ministero della Difesa turco. La nave diretta in Italia, a Monopoli, è la Mv Mustafa Necati, contenente 6mila tonnellate di olio di semi di girasole. Le altre tre sono la Mv Glory, diretta a Istanbul con 66mila tonnellate di grano, la Mv Star Helena diretta a Nantong/Machong (Cina) con 45mila tonnellate di farina e la Mv Riva Wind, diretta a Iskenderun (Turchia) con 44mila tonnellate di grano. Lo riporta la TASS.

Guerra Russia Ucraina, Kiev: “Prima nave carica di cereali arrivata a destinazione”

corridoio grano Polarnet
Guerra Russia Ucraina, Kiev: “Prima nave carica di cereali arrivata a destinazione”

11.07 La centrale nucleare di Zaporizhzhia funziona normalmente. Lo ha reso noto il capo dell’Amministrazione russa nell’omonimia Regione occupata Yevgeniy Balitsky, citato da Interfax.

10.55 – La nave Polarnet carica di 12mila tonnellate di grano, partita dal porto di Odessa il 5 agosto, è arrivata al porto di Derince in Turchia. Si tratta della prima imbarcazione a raggiungere la sua destinazione finale tra quelle partite la scorsa settimana per esportare cereali dall’Ucraina a seguito dell’accordo tra Ankara, Mosca, Kiev e Onu. “Altre navi arriveranno nei porti di destinazione nei prossimi giorni. È un segno positivo per i mercati del mondo e un esempio perfetto di come l’iniziativa per il grano nel Mar Nero funzioni grazie al sostegno di Turchia e Nazioni Unite, ha scritto su Twitter il Ministro per le Infrastrutture ucraino Oleksandr Kubrakov.

Guerra Russia Ucraina, Kuleba: “Se Mosca si atterrà ai suoi obblighi sarà garantita la sicurezza alimentare globale”

corridoio grano Mosca Kiev
Guerra Russia Ucraina, Kuleba: “Se Mosca si attiene a suoi obblighi garantita sicurezza alimentare globale”

10.37“La prima nave con grano ucraino ha raggiunto i clienti in Turchia. Questo manda un messaggio di speranza a ogni famiglia in Medio Oriente, Africa e Asia: l’Ucraina non ti abbandonerà”. Lo ha scritto su Twitter il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba precisando che “se la Russia si attiene ai suoi obblighi, il ‘corridoio del grano’ continuerà a mantenere la sicurezza alimentare globale.

10.25 – La Russia cercherà la pace con l’Ucraina ma solo alle sue condizioni. Lo ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Dmitry Medvedev, citato dalla TASS. Mosca sta conducendo un’operazione militare speciale in Ucraina e cerca di stabilire la pace alle proprie condizioni, esattamente alle nostre condizioni, questo va detto apertamente, e non alle condizioni che i nostri ex partner internazionali, che non vedono l’ora di assistere alla sconfitta militare della Russia, cercano di imporci”, ha affermato Medvedev.

Guerra Russia Ucraina, Podolyak: “Rispondere ai referendum nei territori occupati con l’aumento di armi”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Podolyak: “Rispondere ai referendum nei territori occupati con l’aumento di armi”

10.19 – Ieri cinque persone sono morte e altre 17 sono rimaste ferite durante gli attacchi russi nella Regione del Donetsk, nell’Ucraina orientale. Lo ha reso noto il Governatore regionale Pavlo Kyrylenko, citato dal Kyiv Independent. Un civile è rimasto ucciso a Bakhmut, due a Soledar, uno a Mariinka e un altro a Selydove. Dall’inizio dell’invasione almeno 700 civili hanno perso la vita in Ucraina e altri 1.798 sono rimasti feriti.

10.10Ad ogni passo della Russia verso gli pseudo-referendum nei territori occupati occorre rispondere con un aumento delle scorte di armi. Il Cremlino mette alla prova la disponibilità del mondo a ‘digerire’ le annessioni e non vede alcuna resistenza”. Lo ha scritto in un tweet il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak. “L’aggressore deve capire il prezzo di ogni suo passaggio. Le linee rosse devono essere delineate”, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, Zelensky: “Con referendum nei territori occupati stop a negoziati”

Mosca Kiev negoziazioni
Guerra Russia Ucraina, Zelensky: “Con referendum nei territori occupati stop a negoziati”

09.55“Le forze ucraine hanno bombardato nella notte il ponte Antonovsky nella Regione di Kherson. Lo ha detto il vice capo dell’Amministrazione filorussa della Regione di Kherson Kirill Stremousov, citato da Ria Novosti. “Non ci sono danni critici, gli elementi portanti non sono stati danneggiati”, ha aggiunto.

09.45“Non ci sarà più possibilità di negoziati con l’Ucraina, se si terranno i referendum illegali nei territori occupati dai russi”. Lo ha dichiarato il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto videomessaggio notturno alla Nazione. “L’Ucraina non permetterà alla Russia di confiscarle territori”, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, Medvedev: “Occidente non interessato al destino di Kiev, vuole solo distruggere Mosca”

Medvedev conflitto ucraina
Guerra Russia Ucraina, Medvedev: “Occidente non interessato al destino di Kiev, vuole solo distruggere Mosca”

09.39“L’Occidente vuole distruggere la Russia” e “non si preoccupa assolutamente” del destino del popolo ucraino. Lo ha dichiarato l’ex Presidente russo e vice presidente del Consiglio di sicurezza nazionale Dmitry Medvedev in un’intervista rilasciata alla TASS. “La Russia garantirà i suoi interessi nazionali con tutti i mezzi a sua disposizione”, ha aggiunto

09.33“E’ molto probabile che la Russia stia dispiegando mine antiuomo per proteggere le sue linee difensive nel Donbass ed ostacolare la libertà di movimento. Queste mine possono provocare molte vittime sia tra i militari sia tra la popolazione civile locale”. E’ quanto si legge nell’ultimo aggiornamento di intelligence sull’andamento del conflitto in Ucraina diffuso dal Ministero della Difesa britannico. “A Donetsk e Kramatorsk, la Russia ha molto probabilmente tentato l’impiego di mine antiuomo a dispersione PFM-1 e PFM-1S, si legge ancora nel report. “Le PFM-1 furono usate con effetti devastanti nella guerra sovietico-afghana, dove sono considerate responsabili delle menomazioni fisiche subite da un gran numero di bambini che le avevano scambiate per giocattoli – prosegue – è probabile che lo stock di era sovietica utilizzato dalla Russia si sia deteriorato nel tempo e sia ora altamente inaffidabile ed imprevedibile. Ciò rappresenta una minaccia sia per la popolazione locale che per le operazioni umanitarie di sminamento”, conclude il rapporto.

Guerra Russia Ucraina, Guterres: “Stop ad attacchi suicidi a centrali nucleari”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Guterres: “Stop ad attacchi suicidi a centrali nucleari”

09.22 – Sono almeno 42.340 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione dello scorso 24 febbraio. Lo rende noto l’Esercito di Kiev nel consueto aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca. Nell’ultimo report si registrano anche 223 caccia russi, 192 elicotteri e 754 droni abbattuti. Inoltre le Forze Armate di Kiev riferiscono di aver distrutto 1.811 carri armati russi, 960 sistemi di artiglieria e 4.070 veicoli blindati per il trasporto delle truppe. Lo riporta il Kyiv Independent.

09.09 – Il Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha chiesto, in conferenza stampa a Tokyo, di sospendere ogni operazione militare “suicida” alle centrali nucleari e in particolare intorno a quella di Zaporizhia in modo che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) possa accedervi. “Qualsiasi attacco alle centrali nucleari è una cosa suicida”, ha aggiunto.

Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 166esimo giorno di conflitto

Il conflitto tra Mosca e Kiev giunge al 166esimo giorno, mentre proseguono i bombardamenti sul territorio della centrale nucleare di Zaporizhizia il Segretario dell’Onu Antonio Guterres ha chiesto di sospendere ogni operazione militare “suicida” in modo che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica possa accedervi.

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 166esimo giorno di conflitto

Intanto il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha comunicato che “se Mosca ricorre ai cosiddetti referendum per annettere le Regioni temporaneamente occupate del sud è stop ai negoziati” perché “l’Ucraina non rinuncerà ai suoi territori”.