Guerra Russia Ucraina, le notizie di venerdì 5 agosto 2022

Guerra Russia Ucraina. Le notizie di venerdì 5 agosto 2022. Gli aggiornamenti sul conflitto.

163esimo giorno di guerra, il Ministero della Difesa turco ha confermato la partenza questa mattina dai porti ucraini di altre 3 navi cariche di grano. Si tratta delle imbarcazioni Navistar e Rojen, salpate dal porto di Odessa, e della Polarnet, partita dal vicino porto di Chornomorsk.

DIRETTA guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, notizie di venerdì 5 agosto 2022

Nel frattempo prosegue l’offensiva delle Forze Armate russe in Ucraina, un colpo d’artiglieria ha colpito una fermata dell’autobus nella Regione di Donetsk, nel Donbass, uccidendo almeno 8 persone e ferendone altre 4, tra cui tre bambini. In un’intervista al South China Morning Post il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato di voler cercare “colloqui diretti” con l’omologo cinese Xi Jinping per chiedere aiuto a porre fine all’invasione russa.

22.15 – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato nel suo discorso video serale che la Russia deve assumersi la responsabilità dell’ “atto di terrore” nella centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dalle forze di Mosca.Oggi, gli occupanti hanno creato un’altra situazione estremamente rischiosa per tutta l’Europa: hanno colpito due volte la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Qualsiasi bombardamento di questo sito è un crimine spudorato, un atto di terrore“, ha detto Zelensky nel suo discorso video quotidiano. “La Russia deve assumersi la responsabilità del fatto stesso di creare una minaccia a una centrale nucleare“.

21.59 – La Russia sta tentando di impedire la fornitura di armi all’Ucraina con attacchi o tecniche di disinformazione, ma le autorità di Kiev non lo permetteranno. Lo ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba:La Russia sa che la sua aggressione sarà un grande fallimento con le continue forniture di armi all’Ucraina. Il compito numero uno della Russia è fermarle – per mezzo di attacchi missilistici contro la logistica o della disinformazione su un presunto uso improprio delle armi in Ucraina. Noi non permetteremo che alcuno di questi sforzi abbia successo“, ha concluso.

20.40 – Il ministro delle Infrastrutture ucraino, Oleksandr Kubrakov, ha detto che 13 navi cargo sono in attesa di partire dai porti del Paese. Lo riporta The Kyiv Independent. Il ministro ha aggiunto che con l’aiuto dei garanti internazionali l’Ucraina prevede di esportare 3 milioni di tonnellate di prodotti agricoli al mese dai porti di Odessa, Chornomorsk e Pivdenniy.

20.15 – Nel rimpallo di responsabilità tra Russia e Ucraina per il bombardamento sul sito della centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, è intervenuto il Ministero della Difesa di Mosca:L’attacco dell’artiglieria ucraina avrebbe potuto causare un incidente nucleare. E’ stata una pura fortuna che sia stato evitato“. Lo scrivono le agenzie di stampa statali russe. “Gli attacchi ucraini hanno causato la perdita di potenza di alcune apparecchiature della terza unità della centrale e la diminuzione della capacità della quarta unità”, ha aggiunto il ministero. La Russia ha invitato le organizzazioni internazionali a condannare le azioni criminali delle autorità di Kiev, che compiono atti di terrorismo nucleare, ha dichiarato il ministero: “Chiediamo alle organizzazioni internazionali di condannare le azioni criminali del regime di Zelesky, che compie atti di terrorismo nucleare“. E ha sottolineato che in caso di ulteriori provocazioni alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, l’intera responsabilità delle interruzioni del suo funzionamento ricadrà sulle autorità di Kiev.

19.55 – Le esportazioni di grano da raccolto potrebbero partire dal prossimo mese di settembre dai porti marittimi dell’Ucraina. La novità è emersa dopo l’accordo storico raggiunto da Ucraina, RussiaTurchia e Nazioni Unite. Il governo di Kiev spera nell’arco dei mesi di aumentare le spedizioni di grano lungo la rotta fra 3 e 3,5 milioni di tonnellate al mese, numero superiore rispetto al milione previsto ad agosto 2022. A dichiararlo è Taras Vysotskiy, funzionario citato dall’agenzia Reuters.

19.15 – L’Ucraina ha accusato le forze russe di attacchi nei pressi di un reattore nucleare presso la centrale elettrica di Zaporizhzhia nel sud-est del Paese. La struttura  è stata occupata sin dai primi giorni dell’invasione russa. Energoatom ha intanto lanciato una nota. “Tre scioperi sono stati registrati nel sito dell’impianto, vicino a uno dei blocchi di potenza dove si trova il reattore nucleare. Vi sono rischi di fuoriuscita di idrogeno e spruzzatura radioattiva. Il pericolo di incendio è alto“, ha dichiarato.

18.00 – Il governo di Mosca ha annunciato i nuovi tagli nelle forniture e il conseguente aumento dei prezzi. L’idea di un tetto massimo continua a tenere banco, così da tutelare i rapporti con Algeria, Azerbaigian, Egitto, Qatar e Stati Uniti.

17.00 – Energoatom è la compagnia nucleare statale ucraina che ha parlato di una linea elettrica ad alta tensione presso la centrale colpita dai bombardamenti russi venerdì 5 agosto. L’impianto sarebbe ancora in funzione e senza alcuna rilevazione delle scariche radioattive: si trova nel territorio controllato dalla Russia. Energoatom è la compagnia che gestisce l’impianto nucleare di Zaporizhzhia, di recente colpito dopo un raid russo.

Guerra Russia Ucraina, bombardato il territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, bombardato il territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia

16.27Esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, a Energodar. I residenti scrivono sui social che gli occupanti russi stanno bombardando il territorio della centrale nucleare con artiglieria e razzi. I dipendenti ucraini della struttura sono stati rinchiusi nei locali e non vengono rilasciati mentre i lavoratori portati a lavorare nella centrale dai russi vengono evacuati in modalità accelerata. Lo riporta Unian.

16.11 –  Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito “positivi” i colloqui che si sono svolti oggi tra le delegazioni di Ankara e di Mosca. “Si è discusso di molte questioni in ambito politico, economico, commerciale”, ha dichiarato Erdogan, citato dalla televisione di Stato turca, aggiungendo di ritenere che “porre fine ai problemi aprirà una pagina molto diversa nelle relazioni Turchia-Russia”.

Guerra Russia Ucraina, Putin incontra Erdogan: “Grati ad Ankara per l’accordo sul grano”

Mosca Turchia export cereali
Guerra Russia Ucraina, Putin incontra Erdogan: “Grati ad Ankara per l’accordo sul grano”

15.57 – Dopo i bombardamenti di questa mattina, gli attacchi delle truppe russe sulla città di Mykolaiv si sono intensificati questo pomeriggio: ci sono morti e 10 feriti, tra cui un ragazzo. Lo ha reso noto il capo dell’Amministrazione statale della Regione Vitaliy Kim, citato da Espreso tv.

15.51 – L’Europa dovrebbe essere grata alla Turchia per la possibilità di acquistare gas dalla Russia attraverso il gasdotto Turkish Stream. Lo ha affermato il Presidente russo Vladimir Putin, citato da Anadolu, durante un incontro con l’omologo turco Recep Tayyip Erdogan in corso a Sochi in Russia. Putin ha inoltre ringraziato il leader turco per gli accordi sull’export di grano, sottolineando che non riguardano solo quello ucraino, ma anche “l’esportazione di cibo e fertilizzanti russi”. La speranza, ha aggiunto il Presidente russo, è ora quella di “firmare un accordo di cooperazione economica” tra Mosca e Ankara. “Cercheremo di aumentare il commercio con la Turchia”, ha aggiunto Putin.

Guerra Russia Ucraina, Cremlino su caso Griner: “Sbagliato utilizzare la diplomazia del megafono”

Peskov Washington Griner
Guerra Russia Ucraina, Cremlino su caso Griner: “Sbagliato utilizzare la diplomazia del megafono”

15.33 – Gli scambi di prigionieri non devono essere discussi con la “diplomazia del megafono”. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in riferimento al caso della cestista statunitense Griner. “Se iniziamo a discutere attraverso i media di alcune sfumature relative agli scambi, allora questi scambi non avranno mai luogo. Gli americani hanno già commesso questo errore, hanno deciso di risolvere questi problemi con il metodo della diplomazia del megafono. Non è il modo giusto di affrontare questa questione. Non faremo alcun commento”, ha dichiarato Peskov.

15.24 – Quasi 800 civili sono stati evacuati da quattro città nell’Oblast di Donetsk nelle ultime 24 ore. Lo ha reso noto su Facebook il Servizio di emergenza statale della Regione, citato da Ukrinform. Almeno 725 persone, tra cui 85 bambini, sono state evacuate da Pokrovsk. Altre 17 sono state evacuate dai distretti di Bakhmut e Kramatorsk e 33, inclusi 11 bambini, dalla città di Toretsk.

Guerra Russia Ucraina, Erdogan a Sochi per incontrare Putin

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Erdogan a Sochi per incontrare Putin

15.15“Dopo cinque mesi di occupazione, le intenzioni della Russia in relazione alla centrale nucleare di Zaporizhzhia rimangono poco chiare. Tuttavia, le azioni intraprese presso l’impianto hanno probabilmente minato la sicurezza e la protezione delle normali operazioni della centrale”. E’ quanto si legge nell’ultimo rapporto di intelligence della Difesa britannica sugli sviluppi della guerra in Ucraina.

“Le forze russe stanno probabilmente operando nelle Regioni adiacenti alla centrale e hanno utilizzato unità di artiglieria dislocate in queste aree per prendere di mira il territorio ucraino sulla sponda occidentale del fiume Dnipro, spiega l’intelligence di Londra aggiungendo che “l’Esercito di Mosca ha probabilmente utilizzato l’area più ampia della struttura, in particolare l’adiacente città di Enerhodar, per far riposare le truppe, utilizzando lo stato protetto della centrale nucleare per ridurre il rischio, per le loro attrezzature e il personale, di attacchi notturni ucraini.

15.00 – Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan è partito per Sochi, in Russia, dove è stato invitato per un incontro dall’omologo russo Vladimir Putin. Lo fa sapere la direzione delle comunicazioni presidenziali di Ankara. Si tratta del secondo incontro tra i due leader dallo scoppio della guerra in Ucraina, dopo quello a Teheran nel mese di luglio.

Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Francia non è Paese amico, non necessario nuovo colloquio Putin-Macron”

Russia Francia Peskov
Guerra Russia Ucraina, Mosca: “Francia non è Paese amico, non necessario nuovo colloquio Putin-Macron”

14.53Che aspetto ha l’occupazione russa del sud dell’Ucraina? Campi di concentramento di filtrazione. Arresti di massa e torture. Offerta limitata di prodotti. Nessun diritto e libertà. Congelare la guerra significa ottenere una nuova RPDC con milioni di ostaggi. Abbiamo bisogno di armi. Dobbiamo liberare il nostro popolo”. Lo scrive in un tweet il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak.

14.44 – Non si sentono da due mesi, ma secondo il Cremlino non c’è urgenza di organizzare un nuovo colloquio tra il Presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo francese Emmanuel Macron. “Non è necessario” ha spiegato il portavoce del Cremlino Dimitri Peskov “perché la Francia non è un Paese amico”. Quando ci sarà necessità che i due si parlino “basterà un minuto”, ha aggiunto Peskov.

Guerra Russia Ucraina, da oggi scatta un lungo coprifuoco a Mykolaiv

Coprifuoco Mykolaiv bombardamenti
Guerra Russia Ucraina, da oggi scatta un lungo coprifuoco a Mykolaiv

14.33 – Da stasera alle 23 ucraine a lunedì prossimo scatterà un lungo coprifuoco a Mykolaiv. Lo ha reso noto il capo dell’Amministrazione militare regionale Vitaly Kim, citato da Unian. “Oggi ho firmato un ordine in base al quale verrà introdotto il coprifuoco sul territorio di Mykolaiv dalle 23:00 del 5 agosto alle 5:00 dell’8 agosto 2022”, ha dichiarato Kim.

12.28 – Sono almeno 41.650 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione dello scorso 24 febbraio. Lo rende noto l’Esercito di Kiev nel consueto aggiornamento sulle perdite subite finora dalle truppe di Mosca. Si registrano anche 223 caccia russi, 191 elicotteri e 742 droni abbattuti. Lo riporta il Kyiv Independent. Inoltre le Forze Armate ucraine dichiarano di aver distrutto 1.792 carri armati russi, 950 sistemi di artiglieria e 4.032 veicoli blindati per il trasporto delle truppe.

Guerra Russia Ucraina, Lavrov: “Disponibili a scambio di detenuti con Washington”

Mosca Usa Brittney Griner
Guerra Russia Ucraina, Lavrov: “Disponibili a scambio di detenuti con Washington”

12.16Mosca è disponibile a discutere di uno scambio di prigionieri con Washington che coinvolga la giocatrice di basket americana Brittney Griner. Lo ha dichiarato il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov durante una conferenza stampa in Cambogia, dove è in corso l’East Asia Summit. “Siamo pronti a discutere di questo argomento, ma soltanto con il canale di comunicazione che è stato deciso dai Presidenti Putin e Biden, le parole di Lavrov.

09.22 – Il Ministero della Difesa turco ha confermato la partenza questa mattina dai porti ucraini di altre tre navi cariche di grano. Si tratta delle imbarcazioni Navistar, Rojen e Polarnet. La Navistar e la Rojen sono partite dal porto di Odessa, la Polarnet dal vicino porto di Chornomorsk. Lo riporta la TASS.

Guerra Russia Ucraina, Orban a Dallas: “Pace impossibile senza colloqui tra Mosca e Washington”

Guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, Orban a Dallas: “Pace impossibile senza colloqui tra Mosca e Washington”

09.14 – La pace in Ucraina sarà impossibile senza colloqui tra Mosca e Washington. Lo ha detto il Primo Ministro ungherese Viktor Orban ad una convention del Partito Repubblicano a Dallas, dove nei prossimi giorni è atteso anche Donald Trump. “La strategia dei leader globalisti intensifica e prolunga la guerra e diminuisce le possibilità per la pace”, ha  spiegato Orban aggiungendo che “solo leader forti sono in grado di fare la pace”.

09.07 – Forti esplosioni sono state udite nella città di Mykolaiv, nell’Ucraina meridionale, intorno alle 6:58 di questa mattina. Lo ha reso noto il Sindaco Oleksandr Sienkevych, citato dal Kyiv Independent.

Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 163esimo giorno di conflitto

Il conflitto tra Mosca e Kiev giunge al 163esimo giorno, il Ministero della Difesa turco ha annunciato questa mattina la partenza dai porti ucraini di altre 3 navi cariche di cereali. Si tratta delle imbarcazioni Navistar e Rojen, salpate dal porto di Odessa, e della Polarnet, partita dal vicino porto di Chornomorsk.

Diretta guerra Russia Ucraina
Guerra Russia Ucraina, la cronaca del 163esimo giorno di conflitto

Intanto l’Esercito di Mosca prosegue l’offensiva continua ad avanzare nel Donbass, un colpo d’artiglieria ha colpito una fermata dell’autobus nella Regione di Donetsk, uccidendo almeno 8 persone e ferendone altre 4, tra cui tre bambini. In un’intervista al South China Morning Post il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato di voler cercare “colloqui diretti” con l’omologo cinese Xi Jinping per chiedere aiuto a porre fine all’invasione russa.