Lazio, Matias Vecino fisico da Champions | La dieta perfetta dell’ex Inter

Lazio, il volto nuovo è Matias Vecino: l’ex calciatore dell’Inter può dare la spinta necessaria verso l’Europa che conta. Il suo segreto.

Lazio, sprint sul mercato. Sarri ha chiesto novità importanti e i nomi sono arrivati: uno in particolare, altisonante e rinomato. Matias Vecino, atteso da giorni per poi sciogliere la riserva nella giornata di ieri con un post su Instagram e le prime parole da biancoceleste. Si conferma, dunque, il gemellaggio tra Lazio e Inter. Un altro ex nerazzurro nelle fila di Lotito, ma gli scambi sull’asse Roma-Milano non sono finiti: da Stankovic a Correa, la tradizione è lunga.

Matias Vecino
Matias Vecino in forma smagliante (ANSA)

ùOra i nerazzurri vedranno “l’uomo della Champions” – così era definito – giocare all’Olimpico. L’obiettivo è riportare la squadra di Sarri nell’Europa che conta, ma c’è anche un’Europa League da giocare. Lui, che la Champions l’ha fatta, può dare una spinta in più sul piano dell’esperienza e dello status con cui bisogna affrontare certe partite. Lo stesso vale per Romagnoli – tifoso laziale che, però, arriva dal Milan dove il contesto europeo è di casa – in grado di comunicare le giuste sensazioni per certi appuntamenti.

Matias Vecino, talento in forma Champions: il segreto è nella dieta

Vecino è giunto alla clinica Paideia in forma smagliante: la condizione fisica è impeccabile. Segno che si è allenato anche in vacanza per farsi trovare pronto. Anche il peso è quello giusto. Una presentazione all’insegna di efficienza e professionalità. Quello che serviva per cominciare con il piede giusto. Anche perchè Sarri in ritiro non fa sconti: bisogna correre, tutti. Quest’anno si andrà subito a ritmi forsennati, poi a Novembre ci si ferma tutti per il Mondiale. Dunque bruciare le tappe (oltre alle calorie) diventa un mantra.

Vecino Matias
L’ex Inter pronto per lavorare con Sarri (ANSA)

Matias non ha problemi: il calciatore è da sempre abituato a un regime alimentare piuttosto ferreo che alterna sapientemente all’esercizio fisico. Carboidrati solo due volte a settimana, niente zuccheri o alcolici. Fuori pasto solo frutta e nient’altro. La verdura a cena. Una giornata soltanto dedicata al pasto libero che comunque monitora al cospetto del nutrizionista. Un vero e proprio campione di responsabilità: il profilo giusto al momento giusto.