Giorgia contro Giorgia, duro botta e risposta tra Meloni e la cantante | “Io e lei siamo…”

Botta e risposta su Instagram tra la cantante Giorgia e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. A lanciare il duello è stata la cantautrice romana. La replica della leader di Fdi nn si è fatta attendere.

L’artista in precedenza aveva postato un messaggio con il quale criticava la politica, suscitando la reazione della leader politica.

Giorgia Meloni lascia la Camera dei Deputati al termine della Direzione Nazionale di Fratelli d’Italia del 28 luglio

Giorgia vs Giorgia. Potrebbe essere il titolo di una nuova serie televisiva, invece è la querele che si è scatenata su Instagram tra la famosa cantante italiana e la leader di Fratelli d’Italia. Qualche ora fa sul social Giorgia (la cantante) aveva condiviso nelle Storie un meme che giocava con l’omonimia tra lei e l’esponente politica citando “Io sono Giorgia“, il tormentone del duo milanese MEM & J lanciato dopo un intervento dell’esponente di Fratelli d’Italia e diventato virale.

Nel post si vedeva la cantante con la scritta “Anche io sono Giorgia ma non rompo i cog….a nessuno“.

Giorgia Meloni replica alla cantante Giorgia, il botta e risposta diventa vira le sui social

A stretto giro, sempre via Instagram, la risposta della Meloni, che ha condiviso uno screen del post di Giorgia accompagnato da una sua puntuta postilla.

Il botta e risposta tra la cantante Giorgia e la leader di Fdi, Giorgia Meloni

Trovo che la voce di Giorgia sia straordinaria. La ascolto volentieri, da sempre, senza essere costretta a farlo. Così come lei non è costretta ad ascoltare me se non le piaccio. È la democrazia, funziona così ed è bella per questo. Ma su una cosa io e l’artista siamo sicuramente diverse: se a me non piacesse la sua musica o la sua voce, io non avrei bisogno di insultarla” ha scritto Giorgia Meloni.

Intanto secondo un ultimo sondaggio di Supermedia YouTrend/Agi, una media ponderata dei sondaggi nazionali sulle intenzioni di voto, Meloni con Fdi, al momento, sarebbe il primo partito italiano con 22,8%. A ruota il Pd di Letta con il 22.1%. Per le prossime elezioni del 25 settembre sembra quindi una lotta a due. Determinanti saranno le alleanze che i due partiti riusciranno a consolidare.