Bob Dylan, il divieto imposto durante i suoi concerti | La decisone spiazza i fan

La decisione imposta da Bob Dylan spiazza i fan. Un divieto che non sarà ben apprezzato ne tantomeno compreso dal pubblico dopo la lunga assenza del cantautore dai palchi

Ritorna dopo una lunga assenza dai palchi il cantautore di Blowin’ In The Wind, Bob Dylan.

Bob Dylan
Bob Dylan ritorna sul palco ma ad una condizione, il veto imposto spiazza i fan (Ansa)

Dopo il silenzio imposto dall’emergenza Covid, annuncia finalmente il ritorno in scena con il suo tour europeo Rough and Rowdy Ways. I fan del musicista poeta americano rimangono però esterrefatti dal veto imposto sulle sue performance live.  

Bob Dylan, il veto del cantautore sui suoi concerti spiazza i fan

Il tour in programma prevede ben 25 date in tutta Europa, esclusa però l’Italia. Prima tappa utile il 25 settembreOslo. Bob Dylan nei suoi concerti ha imposto però un veto al pubblico che assister alla performance live.

bob dylan
Bob Dylan il divieto imposto sui suoi concerti (Ansa)

La regola intransigente imposta dal musicista statunitense è divieto assoluto di smartphone e cellulari. Quindi, all’inizio di ogni concerto, i fan avranno l’obbligo di spegnere i cellulari e posizionarli in una custodia Yondr, ovvero una custodia in neoprene resistente dentro la quale lo smartphone viene inserito. Questa custodia è provvista di un sistema di blocco automatico che si attiva quando si accede a una zona definita “phone free”. Basta uscire da detta zona e la custodia si sblocca, permettendo di accedere al dispositivo. Ecco la custodia Yondr sarà “gentilmente” fornita dallo staff del concerto.

Ogni spettatore quindi terrà in mano il telefono ma Bob Dylan ha dichiarato che questa decisione è stata presa solo per permettere al pubblico di godersi pienamente lo spettacolo dal vivo senza alcuna distrazione.

Il pubblico, in verità, potrà usare il cellulare ma solo in determinate aree preposte che, ovviamente, non sarà la zona in cui si svolgerà il concerto.

Certo è che il veto imposto dal premio Nobel per la letteratura non ha entusiasmato i fan, abituati a fotografare tutto, e in modo particolare il loro idolo. Ma questa volta il vento soffia nel verso giusto, proprio come in Blowin’In The Wind.