Guerra Ucraina, Zelensky non ci sta più | Il gesto di Putin lo fa infuriare

La guerra in Ucraina non si placa e adesso l’offensiva si sposta sempre più a sud del Paese: i nuovi obiettivi di Putin e la strategia utilizzata da Mosca.

Zelensky ha intanto annunciato nuovi ordini per dare vita ad alcuni piani ben precisi. L’obiettivo è liberare le zone costiere, indicate come importantissime per l’Ucraina. Intanto l’offensiva russa procede senza sosta, ma i soldati resistono e contrattaccano con le nuove armi giunte in queste settimane da Europa e Stati Uniti.

Zelensky guerra Ucraina
Guerra Ucraina, Zelensky non ci sta più | Il gesto di Putin lo ha fatto infuriare

La Russia continua senza sosta a bombardare anche la regione di Sumy. A confermare quanto accaduto è il The Kyiv Independent che cita Dmytro Zhyvytsky, governatore della regione. Intanto le forze militari russe hanno colpito anche il villaggio di Esman. Ancora da chiarire se ci siano vittime.

Guerra Ucraina, attacco a Chasiv Yar | Putin non si ferma

La città di Chasiv Yar è stata colpita da un attacco con missile Uragan che ha colpito un edificio residenziale. Almeno poco più di una ventina i dispersi di cui non si hanno notizie dopo l’esplosione in un edificio residenziale. Sotto le macerie ci sarebbe anche un bambino. Nel frattempo il ministro della Difesa ucraino, Oleksii Reznikov, ha annunciato che un milione di soldati sta recuperando terreno a sud del Paese grazie ai nuovi equipaggiamenti. A riportare la notizia è il Sunday Times.

Putin guerra Ucraina
Guerra Ucraina, attacco a Chasiv Yar | Putin non si ferma

Problemi invece per una sessantina di italiani, fra questi diversi giornalisti, bloccati in un rifugio antinomie dell’hotel RUS a Kiev. Qui era in corso una serie di incontri con le istituzioni, ma la situazione è peggiorata nel corso delle ultime ore. Intanto sui social emergono le immagini di un uomo che a Chasiv Yar è stato salvato dai soccorritori a distanza di circa 20 ore dopo il bombardamento.

Ucraina, nuovo messaggio di Zelensky

Volodymyr Zelensky ha parlato di un bombardamento avvenuto a Chasiv Yar, cittadina che si trova nella regione di Donetsk. Gli attacchi procedono senza sosta e lo stesso presidente ucraino ha scelto di parlarne durante il consueto videomessaggio notturno rilanciato dal capo politico di Kiev. Parole forti rilanciate nel messaggio social a fronte di continui bombardamenti in diverse zone dell’Ucraina.

Tutti quelli che danno ordini per tali scioperi, tutti quelli che li eseguono puntando sulle nostre città ordinarie, aree residenziali, uccidono assolutamente deliberatamente. Dopo tali scioperi, non potranno dire di non sapere qualcosa o di non aver capito qualcosa.La punizione è inevitabile per ogni assassino russo. Assolutamente tutti. Proprio come per i nazisti. E non dovrebbero aspettarsi che il loro stato li protegga. La Russia sarà la prima ad abbandonarli quando le circostanze politiche cambieranno“, ha ribadito.