Le sue hit hanno fatto ballare l’Europa, poi è scomparsa: troppe le bugie

La sua musica ha conquistato gli anni Novanta e le classifiche musicale di tutta Europa. Definita la regina della Eurodance. Oggi è quasi sparita ma continua a fare ancora musica.

Il suo primo brano Saturday Night del 1993 fu un successo strepitoso. Il suo album, pubblicato l’anno dopo, scala le vette di tutte le classifiche europee raggiungendo grande notorietà anche a livello internazionale. Oggi però vive lontano dai riflettori quasi dimenticata dal pubblico che tanto la amava a causa di un inganno

Era la regina della eurodance, poi la verità viene a galla

Una regina dimenticata

Dalla pubblicazione del suo primo brano, nelle discoteche e club di tutta Europa si sentiva una sola voce, quella della bellissima Whigfield. La sua musica l’ha resa la prima cantante non inglese a raggiungere la prima posizione della classifica britannica dei singoli al suo esordio. La sua carriera dopo il successo di Saturday Night spicca il volo permettendole di pubblicare altri brani dance famosissimi. Another Day, Think of you, Sexy eyes e No tears to cry sono solo alcuni di questi.

Sannie Carlson, questo il vero nome dell’artista, inizia a lavorare, grazie alla sua bellezza, come modella vivendo tra Italia e Spagna prima di raggiungere la fama grazie alla musica appena ventenne. Ha continuato a pubblicare una hit dietro l’altra per tutti gli anni Novanta, poi la sua fama si è progressivamente affievolita.

Questo declino fu il risultato di alcune indiscrezioni che circolavano sulla sua vera voce. Whigfield sarebbe, dunque, una lip sync model. La sua voce è in realtà di un altra persona, ovvero della cantautrice Annerley Gordon. Sannie avrebbe quindi prestato semplicemente il suo volto al progetto, in veste di modella.  Queste speculazioni scaturiscono principalmente dal fatto che la voce della cantante nei suoi concerti dal vivo fosse molto limitata rispetto a quella che i fan erano abituati a sentire in radio. La spiegazione più logica è che questa discordanza di “voci” è da imputare al lavoro di produzione post-incisione, con l’aiuto di una qualche sorta di primordiale autotune.

Whigfield ha fatto ballare tutta Europa, poi è scomparsa

Oggi, a 49enne, l’artista vive in Italia e continua a fare musica, partecipando a festival dance e incidendo brani con il suo vero nome. Su Instagram il suo account è seguitissimo, qui condivide le sue nuove passioni: la cucina ed il benessere,