Guerra Ucraina, Zelensky lancia nuovo segnale contro la Russia | E sulle sanzioni…

Il conflitto fra Russia e Ucraina non si ferma e adesso Zelensky lancia una nuova proposta: dal settimo pacchetto di sanzioni alla delicata questione dell’ingresso nell’Unione europea passando per la guerra in corso. 

La Lituania ha intanto esteso il divieto di transito dalla Russia all’exclave di Kaliningrad per il trasporto su gomma. La decisione riguarda tutte quelle merci colpite dalle sanzioni inflitte dall’Unione europea. Si tratta di un provvedimento che si aggiunge a quello dei treni entrato in vigore già dalla scorsa settimana

Zelensky guerra Ucraina
Guerra Ucraina, Zelensky lancia nuovo segnale contro la Russia | E sulle sanzioni…

Le forze armate russe sono attive nella zona di Slovyansk. Continui bombardamenti si registrano contro l’Ucraina vicino le città di Chepil, Kharkiv, Rubizhne e Staryi Saltov. Le battaglie decisive si svolgono in questo momento nella zona sud dell’Ucraina e nel Donbass.

Guerra Ucraina, nuovo annuncio di Zelensky | La proposta di un nuovo pacchetto di sanzioni

Intanto le forze militari ucraine hanno annunciato di aver ucciso 49 soldati russi. A riportare la notizia è il The Kyiv Independent. Distrutti diversi mezzi della Russia, un deposito di munizioni e cinque veicoli corazzati. Sponda Mosca, invece, arriva l’annuncio della conquista dei villaggi di Pidlisne e Myrna Dolyna: entrambi si trovano a sud-ovest di Severodonetsk.

Lo stesso Zelensky ha parlato di una situazione al fronte con “cambiamento ancora non significativi“. Di fatto l’esercito si starebbe rafforzando nell’oblast di Lugansk, zona molto complicata per tutta una serie di motivi. “I russi stanno esercitando una forte pressione anche nella zona di Donetsk“, ha ribadito il presidente ucraino. Difesa ad oltranza nella zona di Mykolaiv, Zaporizhzhia e “liberazione graduale della regione di Kherson“.

Ucraina, nuovo appello di Zelensky | VIDEO

Volodymyr Zelensky ha parlato di evoluzioni sul campo diplomatico per quel che riguarda la guerra in Ucraina. Si susseguono i colloqui con i vari capi di Stato europei e non solo, ma l’obiettivo è ancora molto lontano. La Russia non placa l’offensiva sul campo e tutto questo rende difficile una possibile apertura dei negoziati di pace.

Oggi è stata una giornata di attività di politica estera estremamente attiva – quasi una maratona di conversazioni telefoniche. Aumentiamo il numero di coloro che sostengono la candidatura dell’Ucraina e aggiungiamo fiducia che la decisione del Consiglio europeo di venerdì sarà positiva. In tutti i negoziati sottolineo sempre che il settimo pacchetto di sanzioni Ue serve al più presto. La Russia deve sentire un costante aumento di pressione per la guerra“, ha ricordato il presidente ucraino nel consueto videomessaggio notturno.