Uccide la moglie in strada e l’attuale compagna durante la fuga | L’uomo suicida in autostrada

Un uomo uccide la moglie, poi il ritrovamento senza vita con l’attuale compagna morta al proprio fianco: la dinamica e le ipotesi degli inquirenti. 

Una donna è stata trovata senza vita nel quartiere vicino casa. Il suo corpo giaceva a terra, nulla da fare per i soccorsi che hanno constatato il decesso della 42enne. La vittima presentava delle ferite mortali causate da colpi di arma da fuoco. Immediate le indagini che si sono subito indirizzate verso l’ex marito.

Uccide l'ex moglie a Vicenza
Uccide la moglie in strada e l’attuale compagna durante la fuga | L’uomo suicida in autostrada

Gli investigatori hanno scoperto che la donna sarebbe stata colpita subito dopo aver accompagnato i figli a scuola. L’uomo ha esploso diversi colpi di pistola contro la donna che si trovava all’interno della vettura.

Uccide la moglie e poi la compagna, si toglie la vita in autostrada | La dinamica è raccapricciante

Un uomo di origini serbe ha ucciso prima l’ex moglie a Vicenza e poi nella fuga ha colpito a morte la sua attuale compagna, togliendosi infine la vita. Si conclude con tre vittime la strage che sin dalla mattinata di mercoledì 8 giugno 2022 aveva allarmato decine di agenti.  Inutile il tentativo di fuga dell’ex moglie, raggiunta da una raffica di proiettili.

Uccide la moglie e poi fa lo stesso con la compagna
Uccide l’ex moglie e poi la compagna, si toglie la vita in autostrada | La dinamica è raccapricciante (Immagine Rete)

La vittima si chiamava Lidia Miljkovic ed è deceduta a Vicenza nel quartiere Gogna che si trova in una zona periferica della città veneta. Immediata la ricerca dell’uomo che, però, è stato trovato nell’automobile in una piazzola della tangenziale vicentina. Al suo interno era presente un’altra donna, indicata dagli inquirenti come la sua compagna. Entrambi presenterebbero delle ferite da arma da fuoco.

La dinamica dei delitti, poi si toglie la vita | L’ipotesi degli inquirenti

Lidia Miljkovic aveva accompagnato i figli di 13 e 16 anni a scuola per poi fare rientro a casa. Gli inquirenti hanno cercato per ore l’uomo che si era dato alla fuga dopo la morte dell’ex. Intanto la vettura al cui interno erano presenti i due corpi è stata posta sotto sequestro per tutti gli accertamenti del caso.

Necessario rompere uno dei finestrini per ispezionare gli interni dell’abitacolo. Per svolgere tutto quanto nel migliore dei modi la tangenziale è stata chiusa al traffico, almeno nella parte interessata dagli accertamenti. Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri dopo la fuga con due ordigni esplosi in seguito al primo delitto.