Silvio Berlusconi vicino al Milan, foto inequivocabile | Tifosi sognano dopo lo Scudetto

Silvio Berlusconi, torna la passione Milan: dopo lo Scudetto i tifosi rossoneri sognano il ritorno. La foto apre a possibili scenari.

Silvio Berlusconi, l’amore per il Milan non passa mai: le coppe, i trionfi, i giocatori. Una storia vincente quella dell’ex Premier con i rossoneri. La proprietà oggi è cambiata, ma le priorità sono rimaste le stesse. Una rivoluzione in piedi da dieci anni, con alcuni pezzi importanti formati da Berlusconi. La famiglia Maldini, in primis, continua la dinastia: Paolo e Daniel proseguono le radici lasciate da Cesare.

Berlusconi
Berlusconi vicino al Milan (ANSA)

Paolo, in particolare, si è fatto apprezzare come capitano prima, icona poi e dirigente adesso. Passato, presente e futuro che si intrecciano nei sogni vista pullman. Dove troneggia il 19esimo Scudetto raggiunto con impegno, forza e sudore. Pioli fa festa insieme alla squadra e il passato (recente) torna a bussare alla porta. Silvio Berlusconi, infatti, non rinuncia a fare i complimenti al club. La foto a Milano, durante i festeggiamenti, con Marta Fascina e Barbara Berlusconi, apre a ogni ipotesi.

Silvio Berlusconi e il Milan: un’amore mai finito, la foto lascia pensare a nuove possibilità

Quell’abbraccio in Piazza dei Cinquecento lascia ben sperare: nel futuro di Silvio Berlusconi c’è il Monza oltre alla politica, con una nuova discesa in campo. Come conferma – fra l’altro – la recente conferenza stampa di Forza Italia con Ron Moss al seguito. Un vero e proprio restyling di immagine e priorità. Dopo la lotta al Covid e la mano tesa agli ucraini, al termine di dichiarazioni controverse poi ritrattate, Berlusconi vuole tornare ai fasti del passato per riproporre un nuovo disegno politico e sportivo.

Milan Berlusconi
L’ex Premier fa sognare i rossoneri (ANSA)

Il Monza in testa per il salto in Serie A, ma non è detto che nel nuovo fondo rossonero che sta tenendo banco in queste settimane non possa, in qualche maniera, rientrarci anche lui. La figura di Presidente non è pensabile, ma non è detto che il leader dei Forzisti non possa dare comunque il suo contributo. È bastato un sorriso per far riaccendere le speranze al popolo rossonero forgiato nel tricolore.