USA, sparatoria in un supermercato: almeno 10 morti | L’autore della strage: un 18enne suprematista bianco

Altra strage da armi da fuoco in America. Questa volta a Buffalo nello stato di New York. Un 18enne apre il fuoco e filma tutto sui social. Diverse le vittime.

A sparare un ragazzo di 18 anni per motivi di razzismo, così come lui stesso ha spiegato prima dell’attacco. 

Tragico bilancio di vittime a Buffalo dopo l’attacco armato in un supermercato da parte di un 18enne

Il bilancio è pesante, diverse le persone uccise nel corso dell’attacco avvenuto all’interno di un supermercato nella città di Buffalo. Lo riportano i media americani. Almeno 10 morti. Ad aprire il fuoco è stato un ragazzo appena 18enne fermato dopo la strage dalla polizia.

L’attentatore ha attaccato mentre effettuava lo streaming in diretta dell’attentato. Probabilmente la scelta del supermercato non e’ stata casuale, visto che si trova in un’area a maggioranzaafroamericana.

Usa, il killer ha agito mentre era in diretta streaming su Twitch

Il diciottenne avrebbe pubblicato un manifesto in cui si definisce un suprematista bianco.

A perdere la vita sono state 10 persone, tre invece i feriti. Il ragazzo, che si è presentato sul posto con indosso un giubbotto antiproiettile, ha iniziato a sparare nel parcheggio del negozio prima di entrare e continuare la sua strage: quattro delle persone uccise sono dipendenti del supermercato, mentre sei sono clienti. Undici delle tredici persone colpite sono afroamericane.

Il killer, aggiungono i media locali, aveva messo online un manifesto suprematista e cospirazionista di 106 pagine. Il diciottenne sarebbe seguace delle teorie che pensano si vogliano sostituire i bianchi con altre razze. Lo riportano i media americani. Nel testo pubblicato online dichiara il suo appoggio alla teoria cospirazionista del “Great Replacement”, ovvero la convinzione che i bianchi siano sostituiti nei loro paesi da immigrati non bianchi con il risultato dell’estinzione della razza bianca. Secondo quanto riportato da alcuni media americani, il manifesto fa espresso riferimento all’autore della strage di Christchurch e, come in quel caso, sul suo fucile c’era il numero 14, probabilmente in riferimento allo slogan neonazista delle 14 parole.

Voglio che capiate una sola cosa da questo scritto. Devono cambiare i tassi di natalità dei bianchi – ha scritto il diciottenneLa popolazione bianca diminuisce. Per mantenere la sua popolazione bisogna arrivare a un tasso di fertilita’… che nell’occidente dev’essere di circa 2.06 figli per donna“.

Nel video trasmesso in diretta dall’assassino su Twitch, una piattaforma per il live streaming, si vedono scene raccapriccianti, tra cui una donna che viene colpita alla testa mentre esce dal supermarket. Il ragazzo ha usato un AR-15.

L’attacco al Tops Friendly Market su Jefferson Avenue poteva essere una strage anche più ampia considerato che e’ avvenuto di sabato pomeriggio, quando il supermercato era pieno. “L’ho visto entrare e iniziare a sparare”, riferisce un testimone. “Poi e’ uscito, ha riposto la sua arma, si e’ inginocchiato consegnandosi alla polizia“, aggiunge un altro testimone.

L’Fbi sta indagando sulle strage al supermercato di Buffalo come crimine d’odio e motivati da un violento estremismo razzista. E’ quanto emerge dalla conferenza stampa della polizia.