Oswalt, ragazzo autistico ritrovato dopo tre anni: storia da non credere | “Piangevano tutti…”

Non potevano credere alle loro orecchie i coniugi Connerjack della California che una mattina di primavera hanno ricevuto un regalo insperato. La polizia della contea di Summit, nella Utah, li ha chiamati per dirgli di aver ritrovato loro figlio, scomparso tre anni fa vicino casa.

Oswalt Connerjack oggi ha 19 anni ma quando è sparito a pochi passi da casa sua, a Clearlake in California, ne aveva sedici. E da pochi giorni aveva ricevuto la diagnosi di autismo. Dopo la sua scomparsa i genitori in panico aveva chiamato lo sceriffo, avevano distribuito volantini, fatto appelli in tutto lo Stato. Ma di lui nessuna traccia.

Oswalt
Oswalt, il ragazzo autistico ritrovato dopo tre anni. Il padre| “Piangevano tutti…”

Poi, qualche giorno fa, una coppia di agenti di Summit hanno notato un giovane che dormiva davanti a una negozio del paesino di montagna. Tremava, era evidentemente in difficoltà e soltanto dopo qualche insistenza, il ragazzo ha accettato di salire in macchina. I poliziotti hanno capito che quel giovane aveva qualche piccolo disagio e che era il caso di indagare.

I cittadini del luogo aveva raccontato quel ragazzo viveva in zona, all’aperto, almeno da un paio di settimana. E nonostante le offerte di aiuto, cibo, coperte, un posto al sicuro per dormire, aveva gentilmente rifiutato. Anche agli agenti, il ragazzo non ha voluto dare il nome e così, arrivati alla centrale, hanno iniziato a scavare tra le denuncie di scomparsa.

Oswalt, ragazzo autistico ritrovato, la madre: “Mai smesso di cercarlo…”

Alla fine hanno rintracciato il fascicolo di tale Oswalt Connerjack, scomparso a 1,300 km di distanza nel 2019. Confrontando le foto con il senza tetto è stato evidente che si trattasse della stessa persona. Avevano ritrovato il sedicenne sparito in California.

Oswalt
Oswalt, il ragazzo autistico ritrovato dopo tre anni. Il padre| “Piangevano tutti…”

Allora è partita la telefonata che ha cambiato la vita ai genitori di Oswalt. All’inizio, la famiglia ha creduto che stessero comunicando il ritrovamento del cadavere. Invece no, il loro ragazzo stava bene e stava tornando a casa. Era un vero miracolo.

LEGGI ANCHE Catherine Spaak, addio alla musa di tanti registi | Il sogno di molti italiani

“Non ho mai smesso di cercarlo. Non c’è stato un giorno in cui non lo abbia cercato”, ha detto la madre Suzanne Flint. E’ stato il padre a correre in macchina fino allo Utah per andare a prendere Oswalt. “Erano tutti in lacrime e sono andati ben oltre il loro lavoro. Avrebbero potuto ignorare quel ragazzo, invece hanno fatto tante ricerche e questo ha fatto la differenza” ha detto l’uomo. Resta da capire come il ragazzo sia arrivato dalla  California allo Utah, cosa gli sia capitato e come abbia vissuto in questi tre anni.